Massive (Digipack) - CD Audio di Leviathan

Massive (Digipack)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Leviathan
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Hammerheart Rec
Data di pubblicazione: 13 ottobre 2016
  • EAN: 8715392163425
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 14,90

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Vesture Dipped In The Blood Of Morning
2
Merging With Sword, Onto Them
3
Made As The Stale Wine Of Wrath
4
Vi-Xi-Vi
5
Receive The World
6
Vulgar Asceticism
7
Noisome Ash Crown
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Spartaco Rotellini

    10/03/2019 23:23:32

    I Leviathan non sono altro che la one-man band di Wrest, compositore legato alla scena Black metal americana e figura di un certo interesse nell’ambiente underground. Ambiente dal quale difficilmente la sua proposta potrà uscire, trattandosi di una variabile ancora più cupa e misantropica del “metallo nero”, definita da alcuni come “depressive Black metal”. Etichetta calzante o meno, “Massive conspiracy against all Life” sembra mantenere le premesse del titolo. Nessun brano prevale nettamente sull’altro, ma presi nel loro insieme riescono veramente a trasmettere malessere e cupa disperazione, spostando ancora più in alto (o più in basso, a seconda dei punti di vista) l’asticella di uno dei generi più estremi dell’heavy metal. Molti dei tratti distintivi di quest’ultimo sono ancora presenti, come i riffs in tremolo o i tempi di batteria ossessivi, ma si sposano con intuizioni dark ambient e con strutture dei brani più flessibili ed imprevedibili. Le vocals di Wrest sono ai limiti delle tecniche “scream”, essendo più simili ad un cantato in clean molto sporco e sguaiato, ed accentuano le atmosfere morbose ed austere dell’album. In origine il disco avrebbe dovuto uscire a nome “Lurker of chalice”, altro progetto dell’unico membro dei Leviathan (ed altra one-man band), ma più orientato al post-metal o comunque a lidi ancora più sperimentali. Questo potrebbe spiegare la distanza stilistica con quanto fatto precedentemente sotto la firma “Leviathan”. In ogni caso, tra le opere estreme più interessanti del nuovo millennio fino ad ora, e sicuramente fondamentale per osservare gli sviluppi di un ambiente musicale ristretto ed ostico, ma ricco di spunti e ancora vivo e pulsante nei suoi strati più profondi (ed oscuri...).

Note legali