Maurizio Pollini. De main de maître di Bruno Monsaingeon - DVD

Maurizio Pollini. De main de maître

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Interpreti: Maurizio Pollini
Anno: 2015
Supporto: DVD
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 20,99

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Maurizio Pollini si racconta per la prima volta davanti una cinepresa. Un lunga intervista che ripercorre le tappe fondamentali della sua carriera decollata internazionalmente con la vittoria del Concorso Chopin a Varsavia nel 1960. Il percorso alterna elementi biografici, esecuzioni, foto inedite, testimonianze di artisti che hanno collaborato strettamente con lui come Claudio Abbado, Luigi Nono e Pierre Boulez. Tracklist: Beethoven: Debussy: Préludes, II Libro; Piano Concerto n. 3 e 5 "Imperatore" VI. Général Lavine - eccentric; Sonate Op. 81a, "Les adieux" e Op. 90 VII. Ce qu'a vu le vent d'ouest; Schumann: Piano Concerto Nono: Sofferte onde serene; Chopin: Piano Concerto n. 2 Stockhausen: Klavierstück X; Impromptu no. 3 Op. 51 in G flat major Boulez: Second Piano Sonata; Prélude Op. 28 n. 8 e 16.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Produzione: Deutsche Grammophone, 2015
  • Distribuzione: Videodelta
  • Area0
  • Maurizio Pollini Cover

    Pianista. Allievo di C. Lonati e C. Vidusso, vinse nel 1960 il primo premio al concorso «Chopin» di Varsavia. Dopo inizi incerti, dalla metà degli anni '60 si mise in luce rapidamente, fino a imporsi come uno dei maggiori pianisti del secolo. È interprete lucido e razionale, dotato di tecnica trascendentale, ma soprattutto di capacità di analisi sia del testo sia delle tradizioni interpretative, e sa rendere con estrema chiarezza il senso della struttura musicale e delle sue dinamiche interne. Il suo repertorio spazia dai classici alla musica del Novecento, alla quale si è dedicato con un'assiduità inusuale per i grandi pianisti di oggi, presentando non solo Bartók, Stravinskij, Prokof'ev, Schönberg, ma anche Boulez (Sonata n. 2), Stockhausen, Nono, Manzoni. È tornato costantemente su Beethoven,... Approfondisci
Note legali