Editore: Einaudi
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806225759
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,48

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    24/05/2017 04:16:21

    Albino rientra a Candia "come una mosca sui vetri alla fine di Febbraio sbuca da chissà dove a condannare l'Inverno". Prestissimo conosciamo le tante solitudini che lo avvolgono: il ritorno dalla guerra, poi la fabbrica, poi ancora la malattia (che lo accompagna da ragazzo), una natura sensibile che ha in odio la grettezza, la volgarità, e un sofferto amore per la madre che sarà sangue e contrappunto altissimi nel corso delle pagine. Un capolavoro assoluto del Novecento italiano, diario di un'anima diversa e resoconto di violento realismo. Cronaca di dispetti, rinvii, diffide, bassezze (in fabbrica gli chiederanno di fare la spia), cronaca di speranza quasi incosciente (conoscerà una maga guaritrice che forse può aiutarlo, ma invano), smarrimenti e disagi di un cuore ansioso d'essere come tutti, fra tutti: "I miei pensieri si moltiplicavano, prima in una oscurità che confondeva ogni mia sicurezza e tranquillità di vittoria, poi in una prospettiva più chiara alla fine della quale, come un altare, si ergeva il colonnato dei miei mali". Impotenza a muovere ogni ascolto, ad essere compreso, brevi rivolte ma senza grandi approdi, in pagine nelle quali passeranno i portici e i cinema Torinesi, i freddi ritorni a casa a notte fonda, la neve che "conserva i rumori e le tristezze, come la paura". Sentirà, oltre ogni ruvida scorza di lotta, nel non demordere sempre più fievole, che tutti quegli anni avessero sempre mirato a quella sorte: la solitudine senza scampo, lo stelo morto di una malattia senza domani: "Tutto era monotono, come in un viaggio lungo quando uno abbandona le gambe". Volponi dirà magnificamente: "Le sue ali non potevano battere uguali nel branco senza impicciarsi" Così Albino Saluggia scriverà comporrà le sue memorie in un sanatorio.Romanzo di luce triste e dignità ineguagliata, l'umano piegato e frustrato,ma in un grido d'amore assoluto.

  • User Icon

    elda

    21/05/2011 22:38:21

    È un romanzo che merita di essere letto, ma quanta tristezza! Volponi riesce a descrivere l'alienazione con sconcertante realismo e un tocco di poesia: davvero grande!

  • User Icon

    Nicola

    03/10/2004 17:28:27

    Memoriale rompe finalmente con la sciagurata tendenza del realismo facendo l'affresco di una mente folle e paranoica, che si allarga ben oltre ad una critica all'ambito industriale, giungendo ad analizzare i rapporti alienato-mondo (pensiamo ai bellissimi episodi della prigionia dei tedeschi). Insomma: Volponi supera sè stesso! Leggetelo! Nicola :-)

Scrivi una recensione