Categorie
Traduttore: B. Fonzi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 380 p.
  • EAN: 9788806174996

51° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Biografie - Biografie e autobiografie - Letterati

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giorgio g

    15/09/2014 09.36.43

    Di Simone de Beauvoir avevo letto, tantissimo tempo fa, una delle sue prime opere, "I mandarini". Poi, non avevo più avuto occasione di leggere altro di lei. Ho ripreso in mano, quasi per caso, le "Memorie di una ragazza per bene", primo volume della sua autobiografia. Dopo una parte un po' stucchevole, quella dei ricordi della prima infanzia, il libro prende il volo e tocca vette elevate quando racconta dei suoi studi, delle sue letture (peccato che noi italiani non conosciamo che in minima parte gli autori francesi degli anni venti e trenta che costellano la narrazione), le sue amicizie, i suoi amori e la sua ammirazione per Jean-Paul Sartre che diventerà il compagno della sua vita. L'atmosfera oppressiva di quegli anni, quando le madri della buona borghesia imponevano alle figlie se uscire o no, chi frequentare e chi no, è resa con maestria: le abitudini e i comportamenti ne hanno fatto di strada (troppa?) da allora!

  • User Icon

    Annarita

    04/02/2014 23.25.55

    Bello il libro e bella la figura di Simone de Beauvoir. Son pagine intime e sincere quelle con cui Simone si racconta. Una memoria dopo l'altra rielabora la sua infanzia e la sua adolescenza approfondendo tanto la propria formazione emotiva quanto quella intellettuale. Leggendola ho conosciuto una ragazza coraggiosa e capace di scelte di grande onestà e coerenza, ho ripercorso attraverso il suo vissuto la solitudine, le paure, le incertezze e le contraddizioni dell'adolescenza, i travagli delle prime passioni amicali ed amorose, le pulsioni a rompere con le convenzioni famigliari e sociali. Simone De Beauvoir è stata una figura di rilievo nell'ambiente culturale francese della sua epoca, e prima ancora una bambina precoce, una ragazza sensibile e appassionata, "perbene" eppure ribelle, incapace di interpretare le proprie esperienze di vita in maniera superficiale. Quello che più mi ha colpita è stato sì il suo rigore intellettuale, la sua determinazione e la sua fedeltà rispetto al proprio percorso di vita, pure quando questo non era del tutto svelato, ma anche l'audacia, la curiosità, la forza vitale e la profonda libertà con le quali ha voluto esplorare la vita in tante delle sue espressioni. Con la stessa caparbia con cui di giorno costruiva la propria vita intellettuale la notte si avventurava senza falsi moralismi nella conoscenza delle passioni e delle debolezze umane. Una lettura importante per le adolescenti.

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    31/08/2012 03.20.38

    "Memorie di una ragazza perbene" di Simone de Beauvoir è la lunga confessione di una borghese che, per contestare gli usi e costumi della sua classe nella Francia inizio secolo, si butta sulla letteratura, sviluppando da un lato una notevole coscienza critica e dall'altro, credendo di elevarsi al di sopra dei comuni mortali, dà vita a una serie ininterrotta di moti interiori riprodotti su pagina . La scrittura di questo saggio pubblicato nel 1960 è di grande qualità e nello stesso tempo la descrizione dell'infanzia e della prima giovinezza risulta minuziosamente accurata, anche nei più piccoli e insignificanti particolari. A distrarre l'attenzione da sé e da libri scelti, spesso in maniera indiscriminata e bulimica, la passione omosessuale per la dolcissima amica Zaza (rimasta interiorizzata ; la ragazza ,destinata a una fine precoce è ignara di essere oggetto di concupiscenza) e quella incestuosa per l'affascinante cugino Jacques. L'isolamento altero della giovane Simone, detta "castoro" per una somiglianza tra il suo cognome e il termine francese che designa il roditore medesimo, si traduce nel trasformare l'autrice, antesignana del femminismo, in una tuttologa insostenibile . La rinascita, o meglio, la sua ricollocazione tra gli umani, si avvia con la conoscenza di Sartre, più grande ed esperto, il quale riuscirà ad organizzare il pensiero di Simone, aiutandola a destreggiarlo meglio. La narrazione si interrompe prima che de Beauvoir conosca le gioie del sesso, che stranamente tende ad aborrire, forse a causa dell'educazione cattolica, da lei comunque aspramente rifiutata. ROMOLO RICAPITO

  • User Icon

    OskarSchell

    05/05/2009 15.01.59

    Un'autobiografia emozionante! Da leggere.

  • User Icon

    ludovica

    04/04/2007 22.48.58

    Questo libro è bellissimo...... Le gioie, le ansie, le paure, i pensieri, i sentimenti, le amarezze...Tutto ciò che Simone De BEauvoir scrive nel suo libro è descritto benissimo, le parole si susseguono, fluide e scorrevoli, un adopo l'altra. La prosa della De Beauvoir è a dir poco magnifica. Senza nemmeno accorgermene divoravo pagine su pagine. La giovinezza dell'autrice è stata tortuosa e difficile, segnata da contrasti interiori fortissimi Sono passati pochi decenni è la nostra vita è cambiata completamente: la libertà e la possibilità di scelta che hanno i giovani d'oggi era impensabile per la povera Simone, lei non poteva uscire da sola dopo il tramonto e, a diciannove anni, ha inventato una bugia per poter andare a teatro. Fino all'età di diciannove anni sua madre leggeva tutte le lettere che riceveva, le impediva di fare determinate letture (che lei faceva ugualmente disobbediendo), le impediva di decidere cosa mettere, in cosa credere, chi frequentare, la obbligava a fare con lei le "visite di cortesia" e tanti altre proibizioni e obblighi da rendere la sua vita così lontana dalla nostra. Simone ha lottato molto per ottenere ciò che noi crediamo ci sia dovuto, è bene riflettere su questo.........

  • User Icon

    Aurora Scudieri

    09/11/2006 23.41.28

    L'autobiografia di una donna che è riuscita a diventare quel che voleva essere. Un percorso di vita in cui la vediamo crescere, diventare donna, cambiare le proprie idee religiose, appassionarsi allo studio e alla conoscenza, e sfuggire all'amore che sente sempre non adatto a lei. Il tutto raccontato con la solita semplice raffinatezza di Simone de Beauvoir. La solitudine di un'artista, il dolore di un'artista, l'insoddisfazione di un'artista, la vita di una donna. Un capolavoro. Aurora

  • User Icon

    Paolo

    27/01/2006 19.50.18

    Autobiografico, alla disperata ricerca di se stessa.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione