La metamorfosi

Franz Kafka

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Edizione: 4
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 maggio 2016
Pagine: 266 p., Brossura
  • EAN: 9788804668138
Salvato in 25 liste dei desideri

€ 13,00

Venduto e spedito da LIBRERIA ZANETTI

Solo 2 copie disponibili

+ 4,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 13,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nell'autunno del 1912, a Praga, tra 17 novembre e il 7 dicembre, Franz Kafka scrisse "La metamorfosi", l'incubo sotterraneo e letterale di Gregor Samsa, un commesso viaggiatore che si sveglia un mattino dopo sogni agitati e si ritrova mutato in un enorme insetto. La speranza di recuperare la condizione perduta, i tentativi di adattarsi al nuovo stato, i comportamenti familiari e sociali, l'oppressione della situazione, lo svanire del tempo sono gli ingredienti con i quali l'autore elabora la trama dell'uomo contemporaneo, un essere condannato al silenzio, alla solitudine e all'insignificanza.
4,59
di 5
Totale 3
5
2
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    17/09/2018 20:53:44

    Il mio non è propriamente un commento sul libro in sé. “La metamorfosi” di Kafta è un libro abbastanza noto. Profondo, intenso, fortemente allegorico. Personalmente non mi è piaciuto ma ne riconosco il valore e la “forza simbolica”. Tuttavia, come ho già detto, non mi è piaciuto. Non è un’opera che appassiona o attira. È intrigante per certi versi e può invitare qualcuno a riflettere, ma ad altrettanti e di più susciterà noia o disinteresse. Sicuramente, al contrario di certi professori, non lo farei leggere a dei ragazzi già poco predisposti alla lettura.

  • User Icon

    Alessandro Medri

    30/04/2011 15:59:59

    Questa edizione del notissimo racconto di Kafka si segnala non tanto per la discreta traduzione - ve ne sono già decine, anche migliori - quanto per la straordinaria introduzione del massimo germanista italiano di tutti i tempi, Giuliano Baioni; il quale, in questa che è una delle cose migliori da lui scritte, mette a disposizione le fondamentali chiavi di lettura per accostarsi all'opera kafkiana nel suo complesso.

  • User Icon

    M.Laura

    27/06/2005 12:25:13

    Oh, Kafka, che mito! E' mio dovere confessare che è da qualche tempo che non leggevo un qualcosa di tale spessore!D'altronde con questo racconto Kafka ci mette di fronte una sottile allegoria della condizione umana e fa sì che ognuno di noi possa riflettere ma allo stesso tempo gustare il racconto da cui emerge la vera essenza del suo stile...

  • Franz Kafka Cover

    Scrittore boemo di lingua tedesca. Figlio di un agiato commerciante ebreo, ebbe col padre un rapporto tormentoso, documentato nella drammatica "Lettera al padre" (1919). Il fidanzamento con Felice Bauer, interrotto, ripreso, poi definitivamente sciolto, la relazione con Dora Dymant, con cui convisse dal 1923, testimoniano l'angosciata ricerca di una stabilità sentimentale che non fu mai raggiunta. Intraprese lo studio della Giurisprudenza, si laureò nel 1906 e si impiegò in una compagnia di assicurazioni. Malato di tubercolosi, soggiornò per cure a Riva del Garda (1910-12), poi a Merano (1920) e, da ultimo, nel sanatorio di Kierling, presso Vienna, dove morì. Praga era, ai tempi, un vivace centro culturale e particolarmente viva era la presenza della cultura... Approfondisci
Note legali