Categorie

Apuleio

Traduttore: A. Fo
Editore: Frassinelli
Anno edizione: 2002
Pagine: 713 p.
  • EAN: 9788876847196

Anno fortunato, il 2002, per Apuleio: dopo l'edizione Garzanti (a cura di Federico Roncoroni e Nino Marziano), eccone un'altra, curata da Alessandro Fo, che ha messo la sua fine penna di poeta al servizio dell'unico romanzo latino conservato integralmente. A differenza delle traduzioni di servizio che, privilegiando scorrevolezza e leggibilità, al lettore permettono di "comprendere" i testi greci e latini, ma non gli consentono di apprezzarne a pieno le sfumature stilistiche alle quali gli autori antichi erano sensibili, la versione di Fo si cimenta proprio con lo stile apuleiano, affrontando l'ardua sfida con grande coraggio. Al termine della postfazione (Spiritosa spiritualità. Apuleio e le sue "Metamorfosi), dopo aver raccontato vita di Apuleio e caratteristiche del romanzo, nell'ultimo capitoletto - Lo stile (e il cimento di una traduzione) - Fo ci fa entrare nella bottega del traduttore, confessando come gli sarebbe stato impossibile dare del romanzo una versione piatta, esclusivamente attenta ai significati. "La qualità della scrittura - scrive Fo - occupa nelle Metamorfosi un ruolo assolutamente centrale e del tutto paritario, a dire poco, rispetto agli stessi contenuti. Apuleio è uno scrittore 'tutto stile' che ha eletto a propria insegna una tassativa fuga dal banale, e di conseguenza, anche se narra con velocità e scioltezza, sceglie e soppesa attentamente pressoché ogni singola parola, non concedendo nulla al caso o alla sciatteria". Pur senza rinunciare alla chiarezza, il traduttore raggiunge il suo obiettivo: davanti alla sfida rappresentata dallo stile di Apuleio - che un critico fine come il Norden definì "mago della lingua" - egli riesce a "resistere decorosamente", a "non soccombere invendicato".

Simone Beta

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marco

    06/09/2004 07.59.15

    ECCEZIONALE. VERAMENTE INCOMPARABILE NEL SUO GENERE. Novelle classiche ambientate in un impero romano ormai in pieno decadimento visto dagli occhi di Apuleio, un uomo che era stato accusato di praticare lui stesso la magia nera. Una vera e propria chicca da non perdersi.

  • User Icon

    Marika

    26/03/2003 18.53.33

    L'asino d'oro è un divertentissimo libro che parla del sovrannaturale e del divino inteso nella prospettiva del Cristianesimo.La trama,breve e semplice,si dirama in tante piccole storie che suscitano l'interesse del lettore e contribuiscono a rendere piacevole la lettura stessa offrendo dei piccoli svaghi.

Scrivi una recensione