Il metodo Catalanotti

Andrea Camilleri

Collana: La memoria
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 31/05/2018
Pagine: 264 p., Brossura
  • EAN: 9788838937965

nella classifica Bestseller di IBS Libri

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Claudio Ti

    19/06/2018 07:28:49

    La domanda è: serve recensire questo romanzo? Chi apprezza la scrittura e le trame di Camilleri, non ne ha bisogno; chi ama il personaggio ed i co-protagonisti del racconto, compra ugualmente il libro; chi non è un lettore abituale, aspetta la riduzione televisiva. Invece, il romanzo è interessante, l’intreccio è coinvolgente e ritrovare il vecchio amico Montalbano è piacevole come una rimpatriata. L’Autore ha voluto anch’esso fare una rimpatriata con il mondo teatrale. Il metodo, infatti, riguarda la recitazione degli attori e la messa in scena da parte del regista come, per intenderci, il metodo Stanislavskij, quello dell’Actor Studio di Lee Strasberg e, perché no, il metodo di Giorgio Strehler. Insomma, un’avventura diversa, un poliziesco fuori dell’ordinario per Montalbano, ma sempre caratterizzato dalla sua ruvidezza di carattere, dalla sua ghiottoneria, dalla sua malinconia per ciò che lo circonda.

  • User Icon

    Fabio

    18/06/2018 11:22:58

    Per la prima volta rimango deluso da AC.La storia raccontata è troppo letteraria e teatrale e quindi inverosimile,per addetti ai lavori insomma. Montalbano mangia troppo,addirittura caponata a colazione,l'appetito è fuori controllo e ogni cinque pagine fruga nel frigorifero o nel forno o corre da Enzo per mangiare come un lupo,inoltre si innamora pazzamente di una giovane collega,sfiorando continuamente il ridicolo. I riferimenti teatrali sono "Giorni Felici" di Beckett, un vero mattone "Svolta Pericolosa",commedia gialla inglese alla Agatha Christie che non ho mai visto ma che mi è parsa piuttosto indigesta. In definitiva c'è poco dell'immediatezza,dell'umorismo e dell'umanità delle altre storie del nostro Commissario,che mi sembra arrivato ai titoli di coda. Staremo a vedere.

  • User Icon

    Bellissimo... come sempre!

    14/06/2018 15:08:17

    Adoro Montalbano e trovo Camilleri geniale, un grande! Questo romanzo è davvero bellissimo: interessante ed originale anche nei personaggi. Ho trovato assai intrigante e perfettamente in linea con i tempi la bella Antonia che con la sua forza ed i suo fascino risveglia i sensi un po' "'npannati" del nostro commissario...

  • User Icon

    Lapo

    12/06/2018 17:27:56

    Messinscena, teatro, sceneggiata: sono queste le impressioni del commissario Montalbano e degli altri investigatori nel descrivere le circostanze del rinvenimento di un uomo pugnalato poiché, secondo la loro esperienza, c’è qualcosa «che non quatra». E il teatro è fino alle ultime pagine il filo conduttore che porta a scoprire nel morto una figura a più facce: un po’ psicoanalista, un po’ romanziere, un po’ artista di spettacolo, un po’ usuraio, assai geloso della propria vita privata a sentire colleghi e conoscenti. Trama ingegnosa e intrigante, lettura gradevole come per le altre opere dello scrittore siciliano.

  • User Icon

    Giorgio g

    12/06/2018 06:55:37

    È sempre una gioia quando esce un libro dell’autore siciliano, ma questa volta il godimento è ancora più grande. Faccio mia questa citazione di Umberto Ventavoli su “La Stampa” di domenica scorsa: “Come se Camilleri volesse donarci qualcosa di sé più intimo e prezioso”. Nel romanzo, per la nostra invidia, Montalbano si esibisce in pantagrueliche mangiate. E poi c’è, immancabilmente, l’italo-siculo peculiare dell’Autore. Alcune frasi: “Adelina si era arrinnuta al pizzino di Livia e aviva livato di mezzo il pani. Accussì Montalbano fu costretto a vivirisi il conzo ristato nel piatto con un cucchiaro”,”Fazio lo taliava con l’occhi sbarracati”,“Stava per rapriri l’acqua quanno si firmò e accomenzò a naschiare supra alla pelli del vrazzo mancino” ed infine “Si ghittò cavaddro e carretto”. Insomma, una lettura che si fa di un fiato e che fa dire al termine del libro: peccato che sia finito.

  • User Icon

    Claudia

    10/06/2018 20:09:12

    Premetto che adoro le indagini del Commissario e Cammilleri. Ho trovato quest'ultimo romanzo superiore agli ultimi due che lo hanno preceduto ( l'altro capo del filo e la rete di protezione). La trama mi è piaciuta un sacco , l'indagine, il personaggio di Catanalotti , tuttavia questo Montalbano mi ha lasciata un tantino perplessa. Per il resto un romanzo stupendo

  • User Icon

    Franciosa

    09/06/2018 18:26:32

    Ottimo come sempre

  • User Icon

    Wuilma

    08/06/2018 19:55:39

    Adoro Camilleri ed ogni uscita per me è una gioia. Il 30 maggio era in libreria puntuale come un orologio! Romanzo scorrevole dalla trama molto interessante. Sempre un piacere entrare nelle dinamiche del commissariato e dei suoi componenti. Ma quello che amo sempre è il risvolto psicologico del Commissario Montalbano “uomo” (che non ha niente a che vedere con l’apprezzatissimo Luca Zingaretti!). Finale a sorpresa quando sembrava ovvia la conclusione con ritorno al tranquillo passato. Uno degli episodi più belli!

  • User Icon

    Domenico

    08/06/2018 18:20:13

    Assolutamente uno dei migliori Montalbano, negli ultimi anni mi sta piacendo sempre di più come scrive Camilleri. Concordo con chi afferma che Montalbano è in assoluto il commissario più riuscito della letteratura!!!! Complimenti Per questo ennesimo capolavoro

  • User Icon

    Nino

    08/06/2018 09:54:23

    Non sono d'accordo con le critiche entusiastiche di chi mi ha preceduto. Un storia per niente accattivante e un Commissario Montalbano irriconoscibile. Ho letto tutti i libri del Commissario e quest'ultimo romanzo mi ha lasciato perplesso. Do 3 stelle solo per la grande capacità di scrittura di Cammilleri, che sa incantarti pure con una storia banale.

  • User Icon

    Mario Luzi

    05/06/2018 18:21:37

    Molto, molto, molto bello

  • User Icon

    Freedom

    05/06/2018 16:45:51

    Bello! Come tutto Montalbano!

  • User Icon

    MASSIMO MONTEBUGNOLI

    05/06/2018 11:16:26

    Un bel romanzo,stile Camilleri!Chi conosce questo autore,può solo gradirlo.Più invecchia,più piace,come il buon vino. Schema consueto,ma trama inaspettata.Più spettacolare della rappresentazione dell'esistenza,non c'è nessun'opera teatrale.E questo Camilleri lo sa dire! Quattro stelle meritatissime!Massimo Montebugnoli

  • User Icon

    Matteo

    03/06/2018 16:35:29

    Appena terminata la lettura di questo eccellente romanzo! Ti tiene incollato alle pagine e non puoi fare a meno di immedesimarti in Montalbano o Mimì Augello, personaggi caratterizzati in maniera strepitosa. Storia intrigante, scrittura pazzesca. Cammileri colpisce, come sempre, nel segno.

  • User Icon

    Salvo P.

    01/06/2018 18:07:37

    SPETTACOLO!Il commissario Montalbano da adulto che agisce come il miglior maestro Andrea Camilleri,ormai parliamo di leggenda.Letto tutto d'un fiato,consigliatissimo!

  • User Icon

    Giacomo

    04/05/2018 15:55:12

    Aspetto con ansia. Sto leggendo per la terza volta tutta la serie con Montalbano e.... me la "scialo"

  • User Icon

    Yuki

    03/05/2018 08:57:32

    Ho letto la trama di questo nuovo romanzo di Montalbano e già mi pregusto la lettura. Si parla di teatro, di messe in scena e di Mimì Augello, che, dopo Montalbano, è il mio personaggio preferito. Direi che ci sono tutti gli elementi per un'ottima lettura. E a Camilleri come si possono negare 5 stelle sulla fiducia?

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione