Mezzacoda - CD Audio di Paolo Poli,Jacqueline Perrotin

Mezzacoda

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: WEA
Data di pubblicazione: 8 maggio 2009
  • EAN: 5051865374558

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Attore, regista e autore. Dopo essersi laureato in letteratura francese con una tesi su Henry Beque, insegna e lavora per la radio, oltre che recitare in compagnie vernacolari. Nel 1959 entra a far parte da La Borsa di Arlecchino, il piccolo teatro d’avanguardia che nasce a Genova grazie a A. Trionfo. Ma suo primo vero spettacolo è nel 1961, Il Novellino, che va in scena alla Cometa di Roma. A questo fanno seguito una serie di spettacoli divertentissimi, costruiti in gran parte da montaggi di testi letterari commisti ad altre fonti di varia cultura e di cronaca popolare; è un vero e proprio teatro da camera, che rimarrà la cifra distinta del suo modo di fare spettacolo. Questa personalissima strada di rivisitazione di testi letterari, montati in scena con siparietti comici da avanspettacolo trova un valido sostegno in divertenti colonne sonore: brani musicali e canzonette d’epoca da lui cantate in falsetto. Sua valida collaboratrice per queste ricerche musicali è la pianista Jacqueline Perrotin. Mezzacoda è un disco del 1979 ed è un curioso itinerario di mezzo secolo di cultura “kitsch” attraverso i salotti buoni di Gozzano ed altri luoghi.Legato alla cultura grande e piccola dell’Italia di fine secolo e di quella del Novecento tra le due guerre, la cultura cioè dei nonni e dei padri, arricchita da una raffinata educazione letteraria, Poli esercita i suoi bersagli affabilmente ma puntualmente satirici contro la retorica e l’ipocrisia di una società ancora connotata sostanzialmente da mentalità piccolo-borghesi; ma lo fa a modo suo, coniugando alla satira di costume, la parodia e il funambolismo, la malinconia e il guizzo farsesco, il travestitismo e il divertissement cabarettistico. Le generazioni cambiano, ma Poli mantiene i suoi spettatori, affascinati dalla sua grazia; variando appena i materiali di partenza. Il che non è un limite, ma il segno di un’originalità e unicità di fare spettacolo abbastanza atipica in Italia.
Disco 1
1
Intro: Presentazione
2
La madre dell'alpino
3
Inno dei tubercolitivi trinceristi
4
Soldatini di ferro
5
I canarini delle Canarie
6
Scugnizzo
7
La mia danese
8
Leggenda rossa
9
La canzone delle canzoni
10
Io non ballo
11
Sogni
12
Ziki Paki Ziki Pu
13
Balilla cuor d'oro
14
Camminando sotto la pioggia
15
Signora illusione
16
Con la lampadina
17
Qualcosa vorrei - A suon di musica
18
La canzone dei picchiatelli
19
Mister Churcill come va?
20
La sagra di Giarabub
21
I lanciafiamme
22
La canzone dei sommergibilisti - Sola
23
Good Bye milanesina
24
I Love You
25
Oh mamma mama!
26
Basta con la canasta
27
Qualcuno cammina
28
Vola colomba
29
Tre cammelli
30
Tua
31
Patatina
32
Variazioni del bel castello
| Vedi di più >
Note legali