Categorie

Curatore: A. Massafra
Editore: Dedalo
Collana: Fuori collana
Anno edizione: 1988
Pagine: 1312 p.
  • EAN: 9788822041364

Le profonde trasformazioni registratesi nel Mezzogiorno dal secondo dopoguerra, se non consentono certamente di considerare risolta o superata la «questione meridionale», ne hanno tuttavia modificato radicalmente i caratteri e le ipotesi di soluzione. Il ribaltamento del tradizionale rapporto fra città e campagne; l'emergere prepotente di una «questione urbana» che, se denunzia vistosi e spesso drammatici fenomeni di degrado ambientale e di disgregazione del tessuto sociale e civile, è comunque il risultato di un'espansione rilevante di attività, funzioni e figure sociali «moderne»; la crescente integrazione dell'economia meridionale nei circuiti del mercato interno e internazionale; il ruolo sempre più incisivo e vincolante dello Stato come erogatore di risorse e come regolatore del conflitto e del ricambio sociale; la tendenziale e sempre più accentuata omologazione dei bisogni e dei comportamenti delle popolazioni meridionali ai modelli imposti, senza vincoli di frontiere, dai media; sono, questi, tutti fattori e spie di un processo di intensa, seppur difficile, «modernizzazione» che spinge a ripensare non solo la realtà e l'immagine del Mezzogiorno odierno, ma anche il suo passato.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca da Maratea

    24/09/2013 19.21.47

    Poderosa opera che riassume e sviscera, dal generale al particolare, dalla storia alla microstoria, il caleidoscopico mondo del Mezzogiorno prima del 1860. Probabilmente ne è consigliabile la lettura solo previa conoscenza dei caratteri essenziali della storia del regno delle Due Sicilie, poichè questo non è affatto un manuale che narra le vicende del regno borbonico, ma una raccolta di saggi sulla sua economia, sulle istituzioni civili e sulla società (per lo più borghese). Interessante anche l'aver pubblicato, in appendice ai saggi, il resoconto stenografico del dibattito del convegno da cui nasce il volume: una bella occasione per vedere confrontarsi idee, pensieri e interpretazioni di storici delle più diverse tendenze. Un grande acquisto per chi vuole studiare la storia del Mezzogiorno quale fu, al bando da miti antichi e moderni.

Scrivi una recensione