Traduttore: K. Bagnoli
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 601 p., Brossura
  • EAN: 9788804528968
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,33

€ 9,80

Risparmi € 1,47 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maunakea

    11/05/2013 12:14:39

    L'ho riletto, a dire il vero in genere si rileggono i libri che si è amato particolarmente, io sto giro, l'ho riletto perchè l'avevo completamente scordato, prima lettura circa quando è uscito nel 2002, quando mi è capitato di prendere l'ultimo libro, la Trama del Matrimonio, mi son detta, ah Eugenides, quello delle Vergini Suicide (indubbiamente quello è difficile dimenticarlo), poi leggo oh ma c'e' anche un libro successivo, e ne le ggo la trama, che mi smuove qualcosa, biecamente confesso che mi son detta: ma a me pare di averlo già letto un libro sulla storia di un ermafrodito... eh bon, era tutto ciò che mi era rimasto. Il libro, ho ricordato poi, mi era anche piaciuto ma non siamo padroni di cosa la nostra mente ritiene e di cosa cancella. Rilettura quindi molto piacevole, Eugenides è un grande narratore di storie ma, ma continuo a non capire l'impatto emotivo che motle persone associano a questo libro a leggere dai vari commenti. Non riesco a vedere il capolavoro (indubbio, se l'avevo scordato completamente...) ma nemmeno l'esser così speciale, ?, tra i migliori libri mai letti ???? forse è proprio qualcosa di soggettico che è difficile parametrizzare, per me sono belle storie, ma non mi lasciano nulla, e temo dimenticherò anche l'ultimo che ho letto dell'autore. Per me è una narrativa molto ben fatta, scritto bene, coinvolgente, scorrevole e che consiglio. Ma personalmente mi fermo qui e non è manco vicino ad esentrare nella rosa dei libri "da isola deserta".

  • User Icon

    betty

    25/10/2011 11:37:34

    Mi dispiace ma non mi ritrovo con tutti i giudizi entusiastici su questo libro... per me è troppo lungo..più di una volta sono stata tentata di abbandonarlo a metà... per fortuna l'ho finito dato che credo che la parte più bella sia quella finale...che effettivamente merita un giudizio positivo...

  • User Icon

    Sara

    21/04/2009 10:24:53

    Molto coinvolgente e le parole scivolano via come acqua di rugiada. Ottima lettura!! :) Lo consiglio ;-)

  • User Icon

    m. assunta (Salerno)

    29/03/2009 16:40:55

    Ho comprato questo libro per caso ma, alla fine, si è rivelato una sorpresa straordinaria!!! Mi sono tuffata in una lettura che non mi è pesata per niente, anzi le pagine scorrevano velocemente e non riuscivo a staccarmi dalla trama!!! L'ho finito in tre giorni con una lettura tutta d'un fiato!! Trovo questo libro molto bello e per nulla noioso e prolisso come hanno obiettato alcuni. Calliope/Cal mi è rimasta/o nel cuore. Sicuramente, adesso che ho conosciuto questo scrittore meraviglioso, comprerò e leggerò al più presto anche "Le vergini suicide".

  • User Icon

    antonio69

    20/01/2009 19:38:36

    Mi aspettavo molto di più dal secondo romanzo di E, dopo aver apprezzato moltissimo il brillante esordio con "le vergini suicide". Innegabilmente prolisso e discontinuo, si ha l'impressione che soffra dell'ipertrofico ma (qui) indisciplinato talento inventivo dell'autore, che mette troppa carne al fuoco. La crisi di identità dell'uomo moderno dietro all'epopea tragicomica di una famiglia greca, tra fughe rocambolesche, incesti, depressione e sogno americano, integrazione e tradizione, salti generazionali, tutto nella vicenda della "mutazione" di Callie condannata da una bizzarria genetica al sacrificio dell'adolescenza e alla perenne ricerca di se stessa. Qua e là il talento di E supplisce alla noia regalando squarci di notevole interesse e di indubbia abilità descrittiva (le pagine sulla Detroit di inizio secolo vista con gli occhi straniti dei buffi protagonisti) e anche di più efficace coinvolgimento emotivo (la disperata fuga solitaria di Callie, ormai quasi "Cal" attraverso l'America), senza contare la brillante ironia, che scorre sotto traccia e non smette mai di impreziosire la narrazione, sdrammatizzando efficacemente anche i risvolti tragici; tuttavia, non si sfugge mai del tutto alla sensazione di una storia stiracchiata oltre il lecito cui neppure l'accuratezza(indiscussa) puramente "linguistica" dell'autore pone efficace rimedio. Inferiore, come detto, al precedente romanzo, dove la concisione, pur nel fiorire di un'inventiva fuori dal comune, tanto nello svolgersi della vicenda quanto nel tratteggio dei personaggi, aveva prodotto un romanzo molto più compatto ed efficace, scanzonato e malinconico insieme, oltre che non banale, come "Middlesex" vorrebbe certo essere senza mai riuscirvi veramente. Un mezzo passo falso che comunque, beninteso, vale parecchio di più di molta robaccia contemporanea baciata da un successo tanto più eclatante quanto del tutto immeritato. Di E si sono nel frattempo perse le tracce, speriamo che la lunga pausa porti miglior frutto la prossima volta

  • User Icon

    simone23

    07/01/2009 17:46:00

    Ho trovato questo libro troppo prolisso ... troppe vicende, troppe giustificazioni, troppe conferme, troppo di tutto!!! Per il sottoscritto, noiosissimo ... non lo consiglio.

  • User Icon

    ilaria

    27/03/2008 19:10:35

    un libro meraviglioso,consigliatomi da una grande amica!splendide le descrizioni e la storia!speriamo possa ancora deliziarci con i suoi racconti l'autore che pero' non ha scritto altro al momento!leggetelo tutti!!!

  • User Icon

    Cippi

    04/01/2008 17:07:50

    Uno dei libri più belli che abbia letto... toccante e sensibile.

  • User Icon

    Matteo

    26/11/2007 20:31:33

    Uno di quei libri che piacciono a me: un percorso a 360 gradi della storia di una famiglia, che riesce a spiegare qualcosa che in realtà agli occhi di tanti è contronatura: la natura di ermafrodito. E' un libro che racconta un popolo e la sua storia, e una ragazza che nel corso dei suoi anni, progressivamente, si rende conto di essere un ragazzo. E' un romanzo a tratti troppo prolisso e potrebbe annoiare, pero' nel complesso è un libro coinvolgente, commovente e realistico. I personaggi sono ben tratteggiati e alcuni di loro risultano particolarmente ben riusciti da risultare quasi indimenticabili. Una lettura che ha la sua forza nel saper far convivere ironia e dramma, senza sfociare mai nella banalità, nella retorica e nella condanna.

  • User Icon

    gianluca

    26/09/2007 15:22:43

    L'argomento o la trama di un libro di solito non influisce pesantemente sulla mia recensione. Prediligo dar peso alla capacità di scrivere dell'autore o al messaggio che un libro mi lascia. In questo caso però pur apprezzando la qualità del romanzo devo ammettere che mi è stato impossibile finirlo. L'epopea di una famiglia di immigrati greci è di una pesantezza insostenibile(per me,sia chiaro...)! Arenato dopo 200 pagine senza aver mai avuto la reale impressione di poter arrivare in fondo...

  • User Icon

    senzanick

    17/06/2007 18:27:24

    sebbene all'inizio sia un pò lento, è inutile negare che si tratti di un buon libro. Originale la storia, originale il protagonista, a buoni livelli la narrazione: Eugenides è un ottimo scrittore. Possiede la forza narrativa, la capacità descrittiva e quella dose di ironia che non guasta, specie quando si tratti di descrivere situazioni così particolari come può essere la vita di un ermafrodito, cioè di una diversità sessuale genetica. Alcuni passi, laddove si descrivono le emozioni interiori del protagonista, sono decisamente commoventi e toccanti. Consiglio di leggere il libro.

  • User Icon

    Carolina

    12/03/2007 18:11:19

    Commovente, appassionante, con un personaggio principale perfetto, si legge d'un fiato: che dire, un bellissimo libro. Ma perché il signor Eugenides non scrive qualcosa più spesso? Forse la parte di Grosse Pointe, dell'amicizia di Callie con l'Oscuro Oggetto, della Baker & Inglis School for Girls, ricorda un po' (ma solo un po') "le vergini suicide", ma non mi è mai venuta così voglia di piangere come leggendo il sentirsi diversa di Callie, le sue sofferenze, i suoi problemi. Un romanzo davvero meraviglioso.

  • User Icon

    Antonio

    08/03/2007 15:06:24

    Lento lento lento... non sono riuscito ad andare oltre le cento pagine. Le origini delle storia narrata partono quasi dal palelolitico... non è proprio così ma poco ci manca... Poco fresco, non credo che finirò mai di leggerlo.

  • User Icon

    roberta

    24/01/2007 15:18:12

    bellissimo

  • User Icon

    Zoe

    12/12/2006 10:44:40

    Stupendo. E' lunghissimo ma si divora, Calliope è un personaggio vero, di cui si percepiscono nel sangue i turbamenti. La storia di Desdemona e Lefty, e la saga familiare in generale, pur dilungandosi, è ipnotica. E' un libro che tocca tutte le emozioni, scritto benissimo. Unico neo: il finto sequestro, che nulla aggiunge se non dell'inutile azione.

  • User Icon

    teo

    10/11/2006 14:43:38

    perchè gli scrittori veramente dotati scrivono così pochi libri, e ci lasciano costretti a leggere orribili schifezze aspettando le loro nuove uscite? Bellissimo, un BEL romanzo.

  • User Icon

    Camilla

    30/10/2006 12:48:55

    il mio libro preferito!!! è scritto benissimo

  • User Icon

    summer81

    10/10/2006 18:17:26

    che dire...è splendido.ben scritto veramente. ti coinvolge e ti cattura. inizialmente sembra lento con tutta la saga familiare tipo la casa degli spiriti. poi non si può non soffrire, sperare, piangere assieme a calliope/cal..DA LEGGERE

  • User Icon

    GABRIELLA

    24/06/2006 11:38:43

    Il fascino delle storie narrate, l'intensità delle emozioni vissute dai singolarissimi personaggi protagonisti tutti in eugual modo nella storia di Cal(lie), la scrittura fluida e la proprietà dei vocabili, fanno di questo libro un capolavoro letterario alla cui lettura nessuno dovrebbe sottrarsi. Se amate leggete, ve lo consiglio vivamente, vi affascinerà!

  • User Icon

    Enrico

    30/05/2006 19:19:09

    Gran libro, leggetelo.

Vedi tutte le 47 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione