Migrazioni. Un'introduzione filosofico-politica - Ilaria Possenti - ebook

Migrazioni. Un'introduzione filosofico-politica

Ilaria Possenti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: PDF
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 533,54 KB
  • EAN: 9788833391663

€ 13,99

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Ci siamo accorti dell'esistenza di un diritto ad avere diritti [...] solo quando sono comparsi milioni di individui che lo avevano perso e non potevano riacquistarlo a causa della nuova organizzazione globale del mondo». Così scriveva nel 1951 Hannah Arendt, riflettendo sulla vicenda dei profughi europei tra le due guerre mondiali e sul diritto di tutti ad avere "un posto nel mondo". Questa Introduzione al tema delle migrazioni, concepita per un uso didattico in ambito universitario e perciò corredata di alcuni documenti e una bibliografia, intende sollecitare una discussione filosofico-politica attorno all'attualità della preoccupazione arendtiana. Per questa ragione, la prima parte del volume ("Contesti") muove dallo scenario della "globalizzazione", per poi concentrarsi sul caso europeo e interrogarsi sul tema della cosiddetta "fortezza Europa". La seconda parte ("Percorsi") propone invece due approfondimenti e uno spunto di riflessione. Il primo approfondimento riguarda il tema arendtiano del "diritto di avere diritti"; il secondo, che muove da una lettura di Claude Lévi Strauss, il tema della "cultura" e del suo improprio utilizzo delle prospettive culturaliste e neorazziste emerse di fronte alle nuove migrazioni. Il percorso conclusivo, infine, si sofferma da un lato sull'uso politico della paura e delle retoriche della "sicurezza", dall'altro sull'uso neorazzista del linguaggio - ossia su temi di particolare rilevanza per chi intende occuparsi di "comunicazione".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali