Mine vaganti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
DVD € 7,99
Salvato in 58 liste dei desideri

€ 7,99

€ 9,99
(-20%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,99 €)

L'unica cosa più complicata dell'amore è la famiglia! Non farti mai dire dagli altri chi devi amare, e chi devi odiare. Sbaglia per conto tuo, sempre. È il monito che l'anziana nonna rivolge al nipote Tommaso rientrato a casa da Roma deciso ad affermare le proprie scelte personali anche a costo di scontrarsi con la famiglia. Quella di Tommaso, il figlio minore dei Cantone proprietari di un pastificio in Puglia, è una famiglia numerosa e stravagante. In casa c'è molta attesa per il suo ritorno: la nonna ribelle e intrappolata nel ricordo di un amore impossibile, la mamma Stefania, amorosa ma soffocata dalle convenzioni borghesi, il padre Vincenzo deluso nelle aspettative sui figli, la zia Luciana a dir poco eccentrica, la sorella Elena che rifugge un destino da casalinga, il fratello Antonio da affiancare nella nuova gestione del pastificio di famiglia. Insieme a loro Alba, la cui strada incrocia professionalmente quella dei Cantone. Non mancano però sorprendenti rivelazioni e colpi di scena.
4,67
di 5
Totale 12
5
9
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    pia

    25/09/2019 12:00:21

    Film molto duro, a tratti quasi crudo, ben lontano dalle atmosfere vagamente oniriche che accompagnano parte della produzione cinematografica di Ozpetek, pur condividendone almeno in parte le tematiche di fondo. L’atmosfera che si respira in questa pellicola è talmente pesante da opprimere persino lo spettatore, includendolo in quel senso di ineluttabilità che pare trasparire dal dipanarsi della storia. Emarginazione, rifiuto del sé, ma anche desiderio di rivalsa sono le emozioni che traspirano copiosamente da questa storia. Incredibile la performance di Riccardo Scamarcio, la cui intensità fa venire i brividi anche al di là dello schermo. Un film che fa riflettere e che non può lasciare indifferenti.

  • User Icon

    Bartek

    24/08/2019 07:42:01

    Il mio film preferito. Tutto qui e bello. Fantastica Elena Sofia Ricci. Ho visto 20 volte o più.

  • User Icon

    Isabella

    23/04/2012 14:24:13

    Molto molto molto bello! Assolutamente da vedere. Lo consiglio!

  • User Icon

    Massimo Buonocore

    01/04/2012 17:11:46

    A mio parere non è il miglior film di Ozpetek, comunque più che dignitoso. Una cosa che noto nei suoi film è la ieratica fissità delle espressioni di quasi tutti i protagonisti. Scamarcio poi non muove una ruga una sola volta durante tutto il film. Non so se il suo sguardo vorrebbe essere profondo e perduto nei suoi pensieri, ma a me risulta semplicemente bovino.

  • User Icon

    STEFANIA

    19/07/2011 21:02:07

    Un film che mi ha fatto ridere...mi ha fatto piangere...a me piace Ozpetek ma devo dire che questo è superlativo..narrato in maniera divina..colonna sonora stupenda...il migliore per me dei suoi film

  • User Icon

    dinom

    23/01/2011 23:33:59

    Rispetto alle regie precedenti Ozpetek ha voluto "giocare" provando a costruire, nelle intenzioni, una commedia con equivoci,colpi di scena, situazioni da "commedia all'italiana" e istrionismi. Ne è venuto fuori una rappresentazione arguta,fuori dalle regole e da riflettere. La regia, al solito, è curatissima. Da incorniciare il montaggio in generale e la perizia,in alcune scene, del susseguirsi delle inquadrature montate "alla ejzenstejn" che rendono,tra le altre cose, il film godibilissimo.Su tutti gli attori emerge Ennio Fantastichini che caratterizza con convinzione e capacità il ruolo.Nuova edizione della rituale scena del pranzo o cena di gruppo, ogni volta sorprendente ed attesa con curiosità-anche questa volta originale e promossa a pieni voti-.Spesso le tematiche di Ozpetek si rincorrono di film in film eppure il regista risulta essere sempre originale e capace di farci commuovere ogni volta.

  • User Icon

    massimo

    08/01/2011 17:00:09

    FILM SUPERBO, ACUTO, PENETRANTE E CRITICO. ATTORI IN STATO DI GRAZIA FOTOGRAFIA E COLONNA SONORA DA URLO OZPETEK FIRMA UN CAPOLAVORO

  • User Icon

    Davide

    01/10/2010 17:56:37

    Una delle più belle commedie italiane degli ultimi 10 anni. Ozpetek firma un gran bel film, pieno di ritmo, recitato benissimo da tutto il cast (su tutti Ilaria Occhini, Elena Sofia Ricci ed Ennio Fantastichini). Un film venduto in più di 20 paesi nel mondo che merita ancora più successo di quello che ha già avuto. Una storia corale orchestrata alla perfezione in una Puglia mai così graffiante ed imprevedibile.

  • User Icon

    andrea

    14/09/2010 12:28:42

    veramente bello e divertente

  • User Icon

    alex

    08/09/2010 16:40:55

    Un gran bel film, ben recitato, ben ambientato e dalla trama molto attuale e coinvolgente. Finalmente un bel film con attori italiani.. raro.. rarissimo!

  • User Icon

    Mario

    06/09/2010 10:32:57

    Un buon film che racconta l'essenza dell'amore con serietà ed anche simpatia. La nonna aperta è più moderna e tollerante dello stereotipo di famiglia borghese che condanna a priori un amore diverso. Interessanti gli attori, fatto bene, lo rivedo volentieri.

  • User Icon

    Lalla

    01/09/2010 17:31:55

    Ben fatto anche se con qualche stereotipo. Scamarcio non credibile. Bellissima la colonna sonora

Vedi tutte le 12 recensioni cliente

2010 - Nastri d'Argento Miglior Attrice Non Protagonista Savino Lunetta
2010 - Nastri d'Argento Miglior Attrice Non Protagonista Ricci Elena Sofia
2010 - Nastri d'Argento Miglior Attore Non Protagonista Fantastichini Ennio
2010 - David di Donatello Miglior Attrice Non Protagonista Occhini Ilaria
2010 - David di Donatello Miglior Attore Non Protagonista Fantastichini Ennio

  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2010
  • Distribuzione: RAI Cinema
  • Durata: 116 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici: commento audio di Ferzan Ozpetek e Ivan Cotroneo; dietro le quinte (making of): making of - making of breve; video musicale: Nina Zilli; scene inedite in lingua originale; foto; trailers
  • Ferzan Ozpetek Cover

    Regista e sceneggiatore; dal 1976 vive a Roma. Autore di numerosi film tra cui Il bagno turco (Hamam) - con cui esordisce -, Le fate ignoranti, La finestra di fronte, Cuore sacro, Saturno contro, Mine vaganti, Allacciate le cinture. Nel 2013 esce per Mondadori il libro Rosso Istanbul; nel 2015 esce Sei la mia vita. Approfondisci
  • Riccardo Scamarcio Cover

    Attore italiano. Studia recitazione al Centro sperimentale di cinematografia di Roma e viene scritturato nella serie televisiva Compagni di scuola (2001) prima di esordire sul grande schermo con una piccola parte in La meglio gioventù (2003) di M.T. Giordana. Espressione inquieta e imbronciata e aria da bullo, l’anno successivo ottiene grande notorietà e diventa uno dei volti più amati dal pubblico adolescente con il personaggio del giovane turbolento Step di Tre metri sopra il cielo (2004) di L. Lucini, tratto dall’omonimo romanzo di F. Moccia, ruolo che interpreterà anche nel sequel Ho voglia di te (2007) di L. Prieto. Consacrato a nuovo sex symbol, viene diretto in ruoli da protagonista da F. Paravidino nel suo film d’esordio alla regia Texas (2005), da M. Placido in Romanzo criminale (2005),... Approfondisci
  • Alessandro Preziosi Cover

    Attore italiano. Esordisce in teatro, ma sono le serie televisive a consacrarlo come bel tenebroso dal fascino sofferto – i lineamenti regolari, l’occhio ceruleo – prima nella soap nostrana Vivere (dal 1999), poi, soprattutto, nel feuilleton in costume Elisa di Rivombrosa (dal 2003), dove è il conte Fabrizio Ristori. Al cinema dopo l’esordio come marito fedifrago in Vaniglia e cioccolato (2004) di C. Ippolito, compare nel cast de La masseria delle allodole (2007), di P. e V. Taviani e de I viceré (2007) di R. Faenza, dall’omonimo romanzo di F. De Roberto. La successiva carriera televisiva lo vede rinunciare ai ruoli ormai consolidati (il sequel Elisa di Rivombrosa 2, cui partecipa soltanto all’inizio), alla ricerca di occasioni più stimolanti (l’enigmatico funzionario di polizia eponimo de... Approfondisci
Note legali