Miniature per pianoforte - CD Audio di Bohuslav Martinu

Miniature per pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Bohuslav Martinu
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Supraphon
Data di pubblicazione: 1 marzo 2008
  • EAN: 0099925393724

€ 28,90

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La produzione pianistica di Martinu comprende oltre200 opere e nel corso degli anni ha suscitato un certointeresse sia tra il pubblico sia tra gli addetti ai lavori.Nonostante questo, parecchie deliziose miniature sonostate un po’ sottovalutate dagli interpreti e vengonopresentate in questo disco per la prima volta.Spesso raccolti in piccoli cicli, i brani di minori dimensionisi fanno apprezzare soprattutto per la lorogradevolezza e per la loro fantasia ritmica. Compostonel periodo più fecondo del soggiorno parigino diMartinu, il primo ciclo (Jeux I) riflette la grande popolaritàdi cui godeva il jazz in quegli anni, mentre inFilm en miniature appare evidente l’influsso esercitatodall’Impressionismo sul compositore boemo. Laversione pianistica del balletto jazz La revue de cuisinerealizzata dallo stesso compositore subito dopo laprima rappresentazione ottenne un grande successo,che comunque non le impedì di finire nel dimenticatoio.Considerato tra i più interessanti pianisti cechidell’ultima generazione, Karel Kosarek esegue questibrani con brillantezza e molto buon gusto, consentendocidi apprezzare tutta la loro fulgida bellezza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Bohuslav Martinu Cover

    Compositore ceco. Compiuti gli studi a Praga, dove fino al 1923 fu violinista dell'Orchestra filarmonica, si perfezionò a Parigi con Roussel. Dopo vari soggiorni negli Stati Uniti e un periodo di insegnamento a Praga (1946-48), nel 1957 si stabilì in Svizzera. Nella sua produzione confluiscono influssi eterogenei, dalla musica nazionale all'impressionismo francese e al neoclassicismo stravinskiano, dalle danze e dai canti negro-americani alla tecnica e alla sintassi del jazz. Il suo linguaggio risulta pertanto eclettico, con una marcata tendenza a un contrappuntismo denso e vigoroso di segno neobarocco. La sua folta produzione comprende, fra l'altro, una decina di opere teatrali, tra cui Julietta (1938), La commedia sul ponte (originariamente per la radio, 1937), Il matrimonio (per la televisione,... Approfondisci
Note legali