Il ministero della suprema felicità - Arundhati Roy - copertina

Il ministero della suprema felicità

Arundhati Roy

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Federica Oddera
Editore: Guanda
Anno edizione: 2017
Pagine: 496 p., Rilegato
  • EAN: 9788823518148
Salvato in 180 liste dei desideri

€ 19,00

€ 20,00
(-5%)

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il ministero della suprema felicità

Arundhati Roy

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il ministero della suprema felicità

Arundhati Roy

€ 20,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il ministero della suprema felicità

Arundhati Roy

€ 20,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Finalista del Man Booker Prize 2017

«Arundhati Roy crea un mondo in cui i personaggi varcano confini di etnia, religione e genere per trovare, davvero, quella suprema felicità di cui parla il titolo del romanzo.» - Kirkus Reviews

«Due decenni dopo il celebrato Dio delle piccole cose, il secondo romanzo di Arundhati Roy, ambizioso e originale, fonde brutalità e tenerezza, risonanza mitica e materia da prima pagina di giornale.» - Publishers Weekly

«Bellissimo romanzo. La potenza della narrativa, la grande scrittura vera. Se avete letto Il Dio delle piccole cose, questo a me è piaciuto anche di più.» - Jovanotti su Instagram

«Siamo solo a metà del 2017, ma so per certo che Il ministero della suprema felicità sarà il mio libro dell’anno, e degli anni a venire.» - Catherine Dunne per Vanity Fair

Il ministero della suprema felicità ci accompagna in un lungo viaggio nel vasto mondo dell’India: dagli angusti quartieri della vecchia Delhi agli scintillanti centri commerciali della nuova metropoli, fino alle valli e alle cime innevate del Kashmir dove la guerra è pace, la pace è guerra e occasionalmente viene dichiarato lo «stato di normalità».

Anjum, nuova incarnazione di Aftab, srotola un consunto tappeto persiano nel cimitero cittadino che ha eletto a propria dimora. Dopo di che incontriamo l’incorreggibile Saddam Hussain, l’inquieta Tilo e i tre uomini che l’hanno amata: tra loro Musa, il cui destino è indissolubilmente intrecciato al suo, con la stessa forza con la quale le loro mani si stringono fin da quando erano ragazzi. Il padrone di casa di Tilo, un altro dei suoi innamorati, è adesso un agente dei servizi segreti di stanza a Kabul. E accanto a loro le due Miss Jebeen: la prima nata a Srinagar e sepolta, a soli quattro anni, nell’affollato Cimitero dei Martiri della città kashmira; la seconda apparsa a mezzanotte, in una culla di rifiuti, su un marciapiede di New Delhi. Dolente storia d’amore e insieme vibrante protesta, Il ministero della suprema felicità si snoda tra sussurri e grida, tra lacrime e qualche risata. I suoi eroi, spezzati dalla realtà in cui vivono, si salvano grazie a una cura fatta di gesti d’amore e di speranza. Ed è per questa ragione che, malgrado la loro fragilità, non si arrendono. Questa storia profondamente umana reinventa ciò che un romanzo può fare e può essere, e riafferma ad ogni pagina le doti narrative di Arundhati Roy.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,47
di 5
Totale 15
5
4
4
5
3
2
2
2
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Paola

    16/12/2020 11:35:58

    Illeggibile. Ammetto che l'India non esercita alcun fascino su di me e che bisogna forse avere qualche cenno di una cultura e un pantheon così complessi per apprezzare questo guazzabuglio di parole, ma ci metto un filo di perfidia dicendo che oggigiorno fa molto chic e inttellettuale dire che si legge e si ama Atundhati Roy. Avete voglia di un romanzo dalle mille trame e personaggi che si incrociano? I "Viceré" di De Roberto, capolavoro della nostra letteratura e chiave di lettura imprescindibile per il presente italiano. (vorrei invitare i recensori a non usare l'aggettivo esoterico a sproposito... volevate dire esotico?)

  • User Icon

    fra

    15/05/2020 07:10:08

    Dopo due decenni da "Il Dio delle piccole cose", Arundhati Roy ritorna con questo romanzo dove il senso per la giustizia e il desiderio di speranza sono i punti forti. La Roy parla della sua terra, l'India, delle difficoltà di vivere in una terra soggetta a povertà, a divisioni, a classi sociali e a caste. La scrittrice, da sempre molto attenta a quanto avviene nel suo paese, dà voce agli ultimi, ai reietti, combattendo le loro lotte e supportandoli. Dal Gujarat sino a New Delhi, arrivando per il Kashmir, si muovono una serie di personaggi molto diversi. La scrittrice ci porta nel mondo degli hijira, anime femminili in corpi maschili come Anjum o ci fa conoscere una bambina trovata tra i rifiuti o ancora S. Tilloma, uno dei personaggi più enigmatici. Una storia corale raccontata con brutalità, violenza, ma anche con sentimenti teneri e dolci che mostra la capacità di non arrendersi e continuare a combattere per raggiungere la nostra pace, quel "ministero supremo della felicità".

  • User Icon

    Daniela

    14/05/2020 06:11:34

    Dopo aver letto Il Dio delle piccole cose mi sono precipitata a leggere questo nuovo romanzo di Arundhati Roy. È un intreccio di storie, di luoghi e di personaggi (moltissime storie, moltissimi luoghi e moltissimi personaggi) che, a volte, ti fanno perdere il filo. Ma la magia della sua scrittura ti conduce per mano fino alla fine, rivelandoti che tutte quelle storie, quei personaggi e quei luoghi convergeranno in un unico punto.

  • User Icon

    al. n.

    04/10/2019 07:13:52

    Un ritorno molto atteso alla narrativa quello di Arundhati Roy. Il libro racconta l'India delle emarginazioni, della violenza delle caste e la guerra a "bassa intensità" nel Kashmir, guerra contro i civili e gli inermi come sempre. Molti i personaggi e abbastanza ben delineate le questioni di genere, così come la psicologia dei peggiori tra i torturatori. Alcune figure femminili spiccano per il sentire che le attraversa e le lacera.

  • User Icon

    sonia

    10/06/2019 12:48:58

    Noioso, brutto. Non mi è piaciuto.

  • User Icon

    digiulioantonella

    02/08/2018 23:09:23

    libro molto bello scritto anche molto bene

  • User Icon

    Annalisa

    26/08/2017 14:19:48

    Dopo aver letto Il Dio delle piccole cose e atteso per 20 anni un altro scritto...l'aspettativa è indubbiamente elevata. Scrittura di alto livello..mi sembra però che l'autrice si sia concentrata troppo sulla minuziosa narrazione che risulta a tratti pedante...non mi è proprio piaciuto...pur riconoscendo la levatura dell'autrice.

  • User Icon

    angelo

    03/08/2017 12:59:08

    Ingredienti: un ermafrodita in fuga dal mondo, un mondo ricco di conflitti (modernità-tradizione, indù-musulmani, villaggi-metropoli), quattro amici di università che la guerra in Kashmir separa e contrappone, un cimitero trasformato in città-rifugio per tanti protagonisti della trama. Consigliato: a chi riesce a districarsi in trame fitte e complesse, a chi ama tutte le facce contrastanti dell’India.

  • User Icon

    Alberto 68

    02/08/2017 17:30:55

    Un altro capolavoro di Arundhati Roy, speriamo che non ci faccia aspettare altri vent' anni per un terzo, meraviglioso romanzo. Acuto studio sull' India contemporanea, scritto con prosa asciutta e toccante allo stesso tempo; che si sia un " hijra" , cioè l'anima di una donna finita in un corpo maschile, o un paria addetto alla rimozione dei cadaveri, o uno scarabeo rovesciato in attesa che una bimba lo raddrizzi, la felicità forse non è impossibile anche per chi parte così terribilmente svantaggiato.

  • User Icon

    Anjum

    01/08/2017 06:31:56

    Semplicemente meraviglioso ma io sono di parte...mi entusiasmano le trame di un'India esoterica, emarginata, delle caste che non si permeeranno mai tra di loro, dell'ambiguità della protagonista...specchio delle ambiguità sessuali esistenti pure da noi ma nascoste nel perbenismo delle famiglie tradizionali o tra le vesti nere o viola o rosse o bianche del Clero cattolico. Le pagine 142 / 143 sono un capolavoro! Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    31/07/2017 06:27:43

    Come per Il dio delle piccole cose anche questo romanzo è un emozionante affresco di un'India esoterica, fantastica, dolorosa e straziante. Attraverso la vita di un ermafrodita che trasforma tutto in dramma, si vive la vita quotidiana di una non classe indiana, accentuata dal fatto di essere una minoranza sia religiosa che di genere. Consigliato a chi conosce l'India e a chi ama il romanzo di storia dolente e di speranza. Non mancano pagine bellissime di ironia e di humor. Si vorrebbe non finisse mai!

  • User Icon

    Barbazuk

    25/07/2017 09:29:18

    L'India e il suo variegato popolo, le miserie, non solo materiali, frammiste alle nobiltà morali, la tribalità che si mescola alla modernità, buoni e cattivi che non sono categorie definite,la violenza che spesso si fa scudo di dogmi religiosi per giustificare i propri crimini. Un romanzo affascinante e amaro...con una punta di lassi!

  • User Icon

    Iginio Petrussa

    16/07/2017 14:37:13

    Naturalmente l'ho preso perchè ho subito la fascinazione di 'Il dio delle piccole cose'. L'ho lasciato a mezzo. Riconosco che il libro aiuti a comprendere l'universo indiano, adottando come punto di osservazione la vita di un'ermafrodita e del variegato mondo di emarginati che ruotano intorno a lei. Ma ho una certa età, è già arduo comprendere il mondo degli integrati e non ho tempo da perdere per l'esoterismo. Complimenti a chi lo trova bellissimo.

  • User Icon

    Anita

    28/06/2017 14:19:28

    Il romanzo conferma la notevole capacità di scrittura dell'autrice. Realismo, dramma, leggerezza, mai disperazione creano l'ordito in cui si muovono personaggi epici, protagonisti di drammi infiniti dalla disuguaglianza sociale alle guerre di religione, ideologiche, di genere. La diversità trionfa grazie alla semplicità e alla naturalezza. Il ministero della felicità rappresenta l'India nel suo misticismo e nella sua violenza. Grande romanzo in armoniosa continuità con Il dio delle piccole cose; ne consiglio la lettura.

  • User Icon

    Sergio

    20/06/2017 14:57:45

    Beh, per chi ha letto "Il Dio delle piccole cose" certamente questo libro non sarà una vera scoperta. Il capolavoro dell'autrice rimane quello, ma scoprire l'India con lei è sempre un viaggio affascinante e terribile, inaspettato e misterioso. La sua scrittura è limpida, pulita, chirurgica, e la storia ben costruita.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente
  • Arundhati Roy Cover

    (Assam 1961) scrittrice, saggista e attivista indiana. Ha esordito sulla scena letteraria nel 1997 con il romanzo d’ispirazione autobiografica Il dio delle piccole cose (The god of small things, vincitore del Booker Prize), ambientato nel Kerala degli anni ’70, dove convivono intoccabili, comunisti, indù, cattolici, intellettuali, turisti e imprenditori; attraverso le vicende di una famiglia la narrazione ricostruisce quelle più generali di una nazione, le tradizioni culturali e i cambiamenti portati dal contatto con l’Occidente, e spostandosi di continuo dal presente al passato assume tratti epici. Il suo secondo romanzo è Il mistero della suprema felicità, edito nel 2017.Indirizzatasi all’attivismo politico e pacifista, è diventata... Approfondisci
Note legali