Il mio nome è Legione - Demetrio Paolin - copertina

Il mio nome è Legione

Demetrio Paolin

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Transeuropa
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 2 dicembre 2008
Pagine: 160 p., Rilegato
  • EAN: 9788875800512
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,97

€ 12,90

Punti Premium: 7

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,25
di 5
Totale 4
5
1
4
0
3
0
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    sgambola

    14/03/2016 15:16:43

    Non penso di aver capito questo libro del quale conservo un'impressione frammentata e angosciante. Non sono riuscita a capire la natura del male contenuta in questa storia, se si tratta di una realtà ontologica, se sia l'elaborazione di un senso di colpa connaturato alla specie umana,se sia frutto di deviazione patologica. Se alla base di tutto ci sia una visione manichea, una visione nichilista. Se il bene esista,se si differenzi dal male. Dove in tutto questo si possa trovare un po' di redenzione.Insomma: non ho capito un tubo e mi dispiace. L'unico sollievo è esser arrivata all'ultima pagina.

  • User Icon

    B.

    04/07/2013 20:43:12

    Credo sia tra gli obiettivi di questo libro mettere alla prova chi legge: lo smarrimento è necessario, riflette il pensiero dell'autore e salva l'autenticità dell'intenzione. L'idea del labirinto è, di fatto, almeno per me, la cosa più vicina alla descrizione dell'esistenza umana. Nella visionaria miriade di vie in cui il personaggio creatore si decortica, la strada dolorosamente trova la maniera di ricomporsi, riemerge dai ricordi, dilaga nei mille volti del presente -che sono solo apparentemente slegati- e si propone come netta condivisione della conoscenza del male. E' così che, dall'alto, lo vedi, finalmente, quell'intrico,quel mare, quella "legione". Il male che sì, è naturalmente ovunque, diventa necessario alla salvazione ché altrimenti il bene non ha motivo di risorgere:"come possiamo amare qualcosa che è già salvo? Come possiamo amare qualcosa che non sia imperfetto, fragile e perduto?"

  • User Icon

    Adriana

    29/05/2013 16:03:00

    La lettura è soggettiva. Non escludo che a qualcuno possa piacere, ma io non sono davvero riuscita a superare le prime 20 pagine.

  • User Icon

    Bernardo

    31/05/2009 18:21:27

    Una vera delusione questo libro che aspettavo. Avevo letto interventi in rete del giovane autore Paolin e l'avevo apprezzato. Il libro è, invece, noioso, confuso, faticoso,farraginoso( arrivare all'ultima pagina è una vera impresa), con pagine cariche di moralismo e autocompiacimento. Compaiono, quasi a caso, personaggio completamente scollegati fra loro e si fatica ad afferrarne il senso. Una piccola nota: la copertina mi è sembrata talmente brutta che ho dovuto avvolgerlo con una carta da giornale. Sarebbe bello che piccoli editori cominciassero curando i libri e la veste grafica.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
| Vedi di più >
Note legali