DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
Il mio viaggio tra i vinti. Neri, bianchi e rossi - Giampaolo Pansa - copertina

Il mio viaggio tra i vinti. Neri, bianchi e rossi

Giampaolo Pansa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 7 settembre 2017
Pagine: 325 p., Rilegato
  • EAN: 9788817095730
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 17,00

€ 20,00
(-15%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il mio viaggio tra i vinti. Neri, bianchi e rossi

Giampaolo Pansa

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il mio viaggio tra i vinti. Neri, bianchi e rossi

Giampaolo Pansa

€ 20,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il mio viaggio tra i vinti. Neri, bianchi e rossi

Giampaolo Pansa

€ 20,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 20,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gli storici patentati sostengono che i vinti della guerra civile italiana sono soltanto neri, i fascisti della Repubblica sociale

Invece il punto di vista che ho maturato negli anni è del tutto nuovo. Come spiego in questo viaggio, compiuto insieme a Adele Grisendi, tra gli sconfitti dobbiamo collocare anche i bianchi e soprattutto i rossi. Hanno perso la vita ribelli delle formazioni non soggette all’egemonia del Pci, uccisi da sicari che credevano compagni di lotta e non carnefici. Lo stesso è accaduto ad antifascisti cattolici e a socialisti che rifiutavano di sottomettersi ai comunisti. E non accettavano che la Resistenza diventasse l’alibi per imporre una dittatura rossa al posto di quella nera. Due volte vinti sono i partigiani delle Garibaldi riparati in paesi dell’Est, per sfuggire alla giustizia italiana del dopoguerra. Molti di loro finirono rinchiusi in gulag disumani come Goli Otok, l’Isola Calva, dove il maresciallo Tito torturava i suoi ex compagni colpevoli di essere rimasti fedeli a Stalin. E infine ci sono le vinte. Madri, figlie, sorelle, mogli colpevoli di avere un famigliare fedele a Mussolini e alla sua Repubblica. Accusate a torto di essere spie dei tedeschi e umiliate, stuprate, uccise. Quando è tornata la pace, ero vicino ai dieci anni e avevo vissuto anch’io l’aggressione quotidiana di un conflitto interminabile. Ho provato il tormento dei bombardamenti degli angloamericani. Ho passato più di una notte nei rifugi antiaerei, inchiodato come tutti al terrore che il bombardiere solitario, Pippo l’Aviatore, sganciasse i suoi ordigni sulle nostre teste. Ho scoperto la cattura degli ebrei destinati alle camere a gas naziste, attuata da poliziotti della città che tutti conoscevano, coperti dall’indifferenza dei cristiani. In queste pagine c’è anche il Pansa bambino che stava attraversando l’infanzia per approdare alla magica età dell’adolescenza. Di quel tempo mi rimangono immagini impossibili da scordare. Le signore scrutate con desiderio nella modisteria di mia madre. Le confidenze sottovoce tra loro. Gli accenni pudichi agli amori rubati e da tenere segreti. Storie che possono sembrare inventate, in realtà tutte vere. I lettori mi perdoneranno, ma questi sono momenti incancellabili perché rappresentano la mia educazione sentimentale.
2,25
di 5
Totale 4
5
1
4
0
3
0
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gi

    17/10/2018 13:24:56

    Conoscevo un altro Pansa; non ho letto tutti i suoi libri, solo alcuni, ma questo non mi sembra il suo. Se devo raccontare anche nei particolari di una serata, posso dire di una cena, magari anche i particolari di ogni singola pietanza; posso concludere con il caffè anche con la descrizione delle tazzine. E aggiungiamoci pure il grappino nel bicchierino apposito. Poi, esagerando posso raccontare che sono andato in bagno a lavarmi i denti, ma tenderei ad evitare di spiegare nei particolari tutti i movimenti dello spazzolino. Sempre sulla linea dell'eccesso posso dire pure che ho usato il filo interdentale ma troverei fuori luogo spiegare nei dettagli tra quali denti ho fatto scorrere detto filo. Venendo al libro ho avuto l'impressione che il Pansa, forse per effetto dello scorrere degli anni, passano per tutti eh, mentre scriveva questo libro sia stato assalito da un attacco di pruderie. Non mi sono mai sentito un puritano ma in un libro storico trovo che tutti quei particolari siano assolutamente inutili. Sicuramente un giornalista della sua taglia sa come raccontare la storia senza arrivare al "come resuscitare un membro".

  • User Icon

    Marco

    12/04/2018 06:14:41

    L'ho abbandonato dopo poche pagine. La trama che lega le varie vicende che racconta è scritta per lettori occasionali, c'è TROPPA autoreferenzialità, i dialoghi sono di scarsa fattura. Un libro ben scritto su questo argomento sarebbe stato sufficiente, Pansa invece continua a sfornarne senza nulla di nuovo da dire. Consigliato a chi ama i libri di Vespa, sconsigliato a chi legge più di due libri l'anno.

  • User Icon

    Giuseppe

    14/12/2017 21:13:08

    Mi piacciono i libri di Gianpaolo Pansa, scrive in modo eccellente, come pochi scrittori sanno fare al giorno d’oggi... sono sempre una garanzia di ottima lettura, e li prendo sempre a scatola chiusa, mi fido, questo mi arriverà nei prossimi giorni, è un mio regalo di Natale.

  • User Icon

    Fabio

    10/10/2017 20:16:27

    Fa uno strano effetto leggere un copione diverso da quello propinato per 60 anni... Perché le omissioni e le menzogne, il sopruso e la bassa e sordida trama comunista dal 43 in poi, hanno fondato la repubblica italiana su un mare di morti dalle foibe alle epurazioni dei compagni scomodi, mentre Togliatti e Nilde in astrakan appena regalato dal criminale Stalin, si godevano la parata sulla piazza rossa, centinaia e centinaia di italiani venivano massacrati ben dopo la guerra, per interesse, vendetta, sopraffazione, furto, per rubargli le terre come in Emilia Romagna... E non solo. Gela il sangue e bolle la rabbia di una sconfitta morale e miseramente attuale nel desolato e sinistro panorama italiano. Grandissimo coraggio di un lucido Panza capace di parlare di oscena storia vera....

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Giampaolo Pansa Cover

    Giampaolo Pansa è giornalista e saggista italiano. Laureatosi in Scienze Politiche all'Università di Torino, la sua tesi Guerra partigiana tra Genova e il Po sarà pubblicata nel 1967 da Laterza. Inizia giovanissimo la sua carriera giornalistica, entrando negli anni '60 al quotidiano torinese «La Stampa». Collaborerà poi con svariate testate, tra cui «Il Giorno», «Il Corriere della Sera», «La Repubblica», «Il Messaggero», «L'Espresso», «Epoca», «Panorama», «Il Riformista» e «Libero». Scrittore discusso e prolificissimo, pubblica numerosi saggi e romanzi di grande successo. Tra questi ricordiamo Il sangue dei vinti (Sperling & Kupfer, 2003),... Approfondisci
Note legali