Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

I miserabili. Con uno scritto di Charles Baudelaire - Victor Hugo - copertina

I miserabili. Con uno scritto di Charles Baudelaire

Victor Hugo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Marisa Zini
Editore: Mondadori
Collana: Oscar
Edizione: 2
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 1128 p.
  • EAN: 9788804630814
Salvato in 149 liste dei desideri

€ 17,10

Venduto e spedito da Libreria Nani

spinner

Disponibile in 2 gg lavorativi

+ 5,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,10 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pubblicato nel 1862, «I miserabili» è uno dei romanzi che hanno scolpito l'immaginario letterario e non solo della civiltà occidentale. Capolavoro assoluto, meditato dall'autore per ben diciassette anni, è un libro che, secondo Charles Baudelaire, «contiene delle pagine che possono inorgoglire per sempre non soltanto la letteratura francese, ma anche la letteratura dell'Umanità pensante». Punto culminante della già monumentale carriera di Hugo, ottenne una strepitosa fortuna di pubblico: 3500 copie vendute in poche ore, letture pubbliche nelle fabbriche, collette popolari per acquistarlo, un vero e proprio movimento d'opinione che fece preoccupare il regime di Napoleone III; per non parlare delle innumerevoli traduzioni (otto solo nel primo anno) e riedizioni, versioni cinematografiche e teatrali, fumetti... Il motivo di un successo tanto vasto e durevole è semplice: la straordinaria capacità di Hugo di sintetizzare in queste pagine la sua vocazione poetico-simbolica e quella realistico-sociale e dare vita così a un'opera in cui le vicende dei tanti, indimenticabili personaggi (la dolce Cosette, il forzato Valjean, il poliziotto Javert, lo spregevole Thénadier...) si intrecciano con la storia del popolo di Parigi, vero protagonista, e con la rievocazione dei momenti cruciali della sua epopea, dalla battaglia di Waterloo ai moti insurrezionali del 1832. C'è tutto in questo romanzo: l'amore, il dolore, la felicità, la morte e la rinascita. Tutto ciò che travalica il tempo e tocca l'essenza degli uomini: ecco perché «I miserabili» non è solo una pietra miliare della letteratura dell'Ottocento o il grandioso affresco di una metropoli industriale, ma soprattutto un'opera d'arte assoluta, un libro vivo che continua a travolgere i lettori.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 6
5
4
4
0
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Chiara Limperio

    17/05/2020 19:36:26

    Semplicemente il libro più bello che abbia mai letto. Nonostante siano passati 7 anni, resta l'unico libro per cui abbia versato una lacrima alla fine della lettura. Il genio di Victor Hugo si manifesta in quest'opera: sublime è la rappresentazione della Parigi e della Francia della prima metà dell'Ottocento. Modello di romanzo storico al pari dei Promessi Sposi.

  • User Icon

    Tania

    16/05/2020 12:18:26

    Un capolavoro senza tempo che dà un vivido affresco della Francia dei primi decenni del diciannovesimo secolo. Molto avvincente il capitolo dedicato alla battaglia di Waterloo descritta nei minimi particolari. Lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    Mirko

    24/09/2019 10:22:45

    Uno dei miei classici preferiti, perché riesce ad unire in modo esemplare una trama avvincente e personaggi ben costruiti con la storia francese della Restaurazione post napoleonica, e riesce ad emozionare incredibilmente, perché lo stile di Hugo è poetico e teatrale. Ci saranno molti momenti commoventi, che vi faranno versare un torrente di lacrime, ma ne vale la pena per questo classico intramontabile.

  • User Icon

    Bruno

    22/05/2019 17:06:40

    A dispetto delle 3 stelle che gli ho dato, 'I miserabili' è un romanzo straordinario e la quarta di copertina è assolutamente veritiera da questo punto di vista. Un grande romanzo politico in cui Hugo prende le difese degli ultimi come non mai e i cui punti di forza si rintracciano nei personaggi significativi che esprimono alti valori, Jean Valjean su tutti, e in pagine eccezionali dal punto di vista letterario – la crisi di Javert, la confessione di Valjean a Marius, la morte di Valjean su tutte. Detto questo, però, il romanzo ha la pecca di essere prolisso, e ciò a mio parere a causa delle digressioni, alcune piene di dettagli oziosi, che appesantiscono il testo rendendone molto impegnativa la lettura – non sarebbe un problema se non fosse per le 1000 e passa pagine. E, last but not least, mi spiace che alla morte di Jean Valjean, perno del romanzo, l'autore abbia dedicato poco spazio. Nel complesso, però, un'opera fondamentale.

  • User Icon

    Bibliofila

    30/03/2019 18:56:35

    Un capolavoro senza tempo, uno di quei romanzi che si possono rileggere mille volte senza annoiarsi mai, anzi scoprendo ogni volta qualcosa di nuovo e trovando significati diversi. Non credo ci siano parole che descrivano adeguatamente la perfezione di questo romanzo.

  • User Icon

    Nobile

    06/05/2018 16:11:15

    Il libro è anche bello; le storie narrate sono piacevoli. Tuttavia non riesco a dare più di tre stelle a causa da un lato della prosa estremamente carica, con periodi lunghissimi, descrizioni infinite, l'impiego esorbitante di aggettivi, avverbi, coordinate, subordinate; dall'altro, delle numerose digressioni che sarebbero anche interessanti in sé, solo che sono troppe ed esposte con la quella prosa ottocentesca diventano asfissianti. E' un romanzo politico in cui Hugo esprime la sua visione del mondo. Il personaggio più bello del libro è Gavroche; peccato che la sua trattazione sia rimasta allo stato superficiale e che l'autore se ne sia disfatto rapidamente. Jean Valjean è un egoista, presuntuoso, orgoglioso e masochista: Un eroe romantico.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Victor Hugo Cover

    Victor Marie Hugo: poeta, romanzie e drammaturgo francese. Figlio di un generale napoleonico, visse da ragazzo in Italia e in Spagna, dove suo padre era stato inviato al seguito di Giuseppe Bonaparte. Dal 1815 al '18, dopo la destituzione del generale Hugo ad opera della Restaurazione e la separazione dei suoi genitori, Victor rimase nel Convitto Cordier da cui uscì fermamente deciso a dedicarsi alla letteratura. Sotto l'influenza delle teorie monarchiche e conservatrici di Chateaubriand e di Lamennais, fondò insieme al fratello Abel Il Conservatore letterario - Le Conservateur littéraire (1819-1821). Nel 1822 pubblicò una prima raccolta di "Odi e poesie varie" (Odes et poésies diverses).La morte della madre fece venir meno il veto al matrimonio con... Approfondisci
Note legali
Chiudi