Mistero napoletano

Ermanno Rea

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 398 p., Brossura
  • EAN: 9788807884252
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    14/10/2017 11:55:30

    Ermanno Rea come sempre è straordinario nel descrivere i personaggi e soprattutto l'ambiente fisico e di vita del napoletano.

  • User Icon

    piera ciome'

    28/11/2010 15:23:51

    Nel 95 ho amato questo libro. Ho amato Renzo e Francesca , che un po' mi ricorda.Ho deciso di regalarlo a tutti gli amici del PCI che non avevano ancora aperto gli occhi. Il mistero e' il PCI ed il suo continuo trasformismo.

  • User Icon

    Piersilvio

    15/12/2006 01:58:19

    A me Rea sta antipatico. E' una persona invischiata col potere bassoliniano e questo libro rappresenta solo la sua falsa coscienza.

  • User Icon

    Agnese Palma

    26/02/2002 14:25:25

    Storie di perdenti. Storie vere di perdenti affascinanti. Recentemente si parla molto di vittorie e di sconfitte ma di perdenti dignitosi, quelli che non piangono e non si strappano i capelli in diretta, neanche l’ombra. Questa è la storia di una resa. Francesca è una figura struggente, appassionata, sofferente, intelligente e libera e pagherà duramente le sue qualità, anche nel partito comunista, cui si era incondizionatamente donata. Ha senso indagare su un suicidio dopo più di cinquant'anni? Ha senso per il rispetto, la disperazione, la grandiosità evocati dalla più estrema affermazione di autodeterminazione. Ha senso scavare nel passato remoto dell’immediato dopoguerra per la lucidità che solo il tempo ed il crollo dei miti possono dare. Pesci rossi in un acquario: i comunisti degli anni cinquanta. Storie di brillanti intelligenze sprecate o schiacciate dallo stalinismo e dal “centralismo democratico”. Tra queste brillava una stella... Renato Caccioppoli. Francesca si è arresa, perchè il suo unico torto è di aver cercato la libertà, l’intelligenza, l’azione, di non aver mai fatto i suoi calcoli. Ma è anche la resa di una città, Napoli, che visse per un breve periodo la speranza della rinascita economica e culturale, prima di essere sacrificata alla NATO in nome della difesa nazionale. “Se tu avessi un miliardo di miliardi la compreresti Napoli? E come la cambieresti?” Oggi quei soldi non bastano più, ma il sogno è ancora lo stesso. Rivolgerei un appello al regista Martone: perchè non ne fai un film?

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione