Categorie

Gottfried W. Leibniz

Curatore: S. Cariati
Editore: Bompiani
Collana: Testi a fronte
Anno edizione: 2001
Pagine: 212 p.

38° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Filosofia - Storia della filosofia occidentale - Dal 1600 al 1900

  • EAN: 9788845290909

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico)

    02/07/2006 13.32.16

    La Monadologia, pubblicata nel 1714, è l'opera in cui il filosofo tedesco Gottfried Leibniz formula la teoria delle monadi quali "forme sostanziali dell'essere". Le monadi sono in un certo senso "atomi spirituali": eterni, indivisibili, individuali, seguenti le proprie leggi, senza interagire con altri ("senza finestre"), ognuna riflette l'intero universo da un determinato punto di vista ed è coordinata con le altre per mezzo di una armonia prestabilita (questo costituisce storicamente un notevole caso di panpsichismo). In questo modo il concetto di monade risolve il problema di dualismo e interazione tra mente e corpo che sorge nella filosofia di Cartesio ed evita le complicazioni introdotte da Spinoza, per cui l'individuo è una mera modificazione accidentale di un'unica sostanza. La pluralità di monadi è permessa dal diverso grado di coscienza che ogni monade ha in sé di tutte le altre e di Dio che è Monade delle monadi. Dunque, ogni monade è tutte le altre, ma con infiniti gradi di consapevolezza di fatto di un'unica sostanza-Monade che permettono la diversità vista dal lato delle monadi, la diversificazione di un'unico ente che si individua in tante monadi se vista al capo più alto di questo albero di enti.

Scrivi una recensione