Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria

Michela Murgia

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 31 gennaio 2017
Pagine: 161 p., Brossura
  • EAN: 9788806230951
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Nel gennaio 2006 Michela Murgia viene assunta nel call center della multinazionale americana Kirby, produttrice del "mostro", l'oggetto di culto e devozione di una squadra di centinaia di telefoniste e venditori: un aspirapolvere da tremila euro, "brevettato dalla NASA". Mentre, per trenta interminabili giorni, si specializza nelle tecniche del "telemarchètting" e della persuasione occulta della casalinga ignara, l'autrice apre un blog dove riporta quel che succede nel call center: metodi motivazionali, raggiri psicologici, castighi aziendali, dando vita alla grottesca rappresentazione di un modello lavorativo a metà tra berlusconismo e Scientology. Un racconto sul precariato in Italia, che fa riflettere, incazzare e, miracolosamente, ridere. Fino alle lacrime. Questo primo romanzo dell'autrice sarda ha ispirato il film di Paolo Virzì, "Tutta la vita davanti". Con una nuova prefazione dell'autrice.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Federico

    23/09/2018 17:45:35

    Ognuno deve sapere, davvero! L'Autrice, con un'ironia tanto estrema quanto necessaria per sopportare l'argomento, dissacra e giustamente svela le ipocrisie non solo dei call centres ma anche dell'intero mondo del commercio e della logica del business. Bisognerebbe che veramente tutti lo leggessero.

  • User Icon

    Valentina

    22/09/2018 07:06:50

    Più che un romanzo è la raccolta di pensieri della scrittrice sulla giornata lavorativa appena trascorsa. Se da un lato svela i retroscena del mondo dei call center e delle vendite porta a porta, dall'altro delude quei lettori che si aspettano di ritrovare la scrittura ipnotica di "Accabadora".

Scrivi una recensione