Mondo Exotica. Suoni, visioni e manie della Generazione Cocktail

Francesco Adinolfi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 23 maggio 2000
  • EAN: 9788806155360
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,97

€ 12,91

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    pierpaolo valenti

    29/01/2008 16:27:57

    Uno dei saggi più belli che abbia mai letto! Un testo frutto di ricerche che trasudano passione infinita per sonorità e stili sempre attuali. Lasciatevi conquistare dal fascino suadente della "generazione cocktail": esotismo, scapoli "ribelli" e donne da conquistare, b-movies e fidanzatine d'america, crooners e musicisti d'ogni genere, design e ambienti da sogno. Oggi lo chiamano lounge, ma è molto, molto di più.

Scrivi una recensione

Un libro sorprendente e straordinario, un catalogo di musiche "strane e incredibili" che dà la vertiginosa idea di quanto ampia e frammentata sia la galassia dei suoni odierni. In 500 fittissime pagine l'autore disegna un immaginario "triangolo delle Bermuda" in cui spariscono "dischi, musicisti, dj della Generazione Cocktail e del Lounge", esotismi musicali, strip-tease music, "crime jazz", colonne sonore di B movies e sigle TV, "Space Age Pop". Da Piero Piccioni a Nancy Sinatra, da Jimmy Scott a Brigitte Bardot e Morricone passando per gli Stereolab, un viaggio inatteso ai margini del Pianeta Musica dedicato a tutti coloro che non si accontentano dei "suoni di regime radio TV" e neanche dei generi forti e accertati, del rock, del jazz, del pop. Con una discografia ricca ed eccentrica, per verificare direttamente e riscattare così dall'oblìo opere per lungo tempo mortificate anche perché difficilmente catalogabili.
Recensione a cura di Riccardo Bertoncelli.