Money Jungle (Transparent Purple Vinyl Limited Edition)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Waxtime in Color
Data di pubblicazione: 22 giugno 2018
  • EAN: 8436559464420
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 21,50

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 21,50 €)

Edizione limitata in vinile trasparente di colore viola
Ci sono diversi motivi per cui Money Jungle è considerata una registrazione unica. Prima di tutto si tratta di un album eccellente, ma questo non è raro nella discografia di Duke Ellington. Ciò che è raro invece è la formazione in trio utilizzata da Ellington solo poche volte nella sua carriera. Infine “Money Jungle” rappresenta l'unica vera collaborazione di Ellington con altri due geni del jazz: Charles Mingus e Max Roach. Ellington era un grande ammiratore della maggior parte dei giovani talenti jazzistici della sua epoca, compresi quelli dalla scuola bebop. Aveva invitato Charlie Parker a suonare nella sua orchestra e pubblicamente espresso ammirazione per la musica di Thelonious Monk. Non meraviglia dunque che in questa registrazione tre leggende del jazz anche così diverse tra loro abbiamo trovato una sintesi meravigliosa.
Disco 1
1
Money Jungle
2
Fleurette Africaine
3
Very Special
4
Warm Valley
5
Switch Blade
6
A Little Max (Parfait)
7
Wig Wise
8
Caravan
9
Solitude
10
Rem Blues
11
Backward Country Boy Blues
  • Duke Ellington Cover

    Propr. Edward Kennedy Ellington. Pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore statunitense di jazz. Nel 1923 costituì il complesso degli Washingtonians, che risentiva di influenze ragtime e New Orleans. Nel '26 rinnovò e ampliò l'orchestra creando, con composizioni originali, un nuovo linguaggio basato sul perfetto equilibrio strutturale tra discorso orchestrale e improvvisazione solistica. Già nei primi lavori, caratterizzati dai caldi e aggressivi timbri dello stile «jungle» (in cui emergono la tromba e il trombone con sordina, rispettivamente di Bubber Miley e Joe Tricky Sam Nanton), si delinea il gusto tipico della cultura nero-americana, che permane anche negli influssi colti occidentali, soprattutto impressionistici, degli anni '30. Nel decennio successivo (cui appartiene... Approfondisci
  • Max Roach Cover

    Propr. Maxwell Roach. Batterista statunitense di jazz. Inizialmente influenzato da Kenny Clarke, si impose poi come il più originale percussionista del bop e dell'intero jazz moderno, suonando e incidendo, nell'immediato dopoguerra, con Charlie Parker e con il gruppo cool di Miles Davis. Negli anni '50 diresse piccoli complessi, mettendo in luce nuovi talenti. La sua musica andò assumendo poi una violenta carica antirazzista (Freedom now suite, Percussion bitter sweet), grazie anche alla collaborazione con la cantante Abbey Lincoln, allora sua moglie. Negli anni '70 cooperò con musicisti della nuova generazione come Anthony Braxton e fondò un importante gruppo tutto di percussionisti, il M'Boom Re-Percussion. Ha inciso anche con un coro, con un quartetto d'archi affiancato al suo quartetto... Approfondisci
  • Charles Mingus Cover

    Contrabbassista e compositore statunitense di jazz. Strumentista di eccezionale tecnica e talento, esordì con Louis Armstrong (1941-43), suonando poi nelle orchestre di Lionel Hampton (1946-48) e Duke Ellington (1953), accanto a Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Bud Powell e Max Roach (concerto di Toronto, 1953) e quindi in proprio. La sua musica, caratterizzata da un pregnante contrasto di violenze e dolcezze, partiva da reminiscenze liriche di Ellington e da una originale utilizzazione del gospel e del blues; pervenne in lavori di ampio respiro come Pithecanthropus Erectus (1956) e The Black Saint and the Sinner Lady (suite per balletto, 1963) a esprimere, in chiave esistenziale, la tensione fra bianchi e neri. Dotato di straordinarie doti «catalizzatrici», M. fu l'animatore di piccoli gruppi... Approfondisci
Note legali