Editore: Mondadori
Collana: Oscar saggi
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 novembre 2017
Pagine: XXIII-350 p., Brossura
  • EAN: 9788804681731

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Ideologie politiche - Nazionalismo

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Scelti e pubblicati da Mondadori nel 1947, a cura di Lavinia Mazzucchetti, i testi etici e politici raccolti in questo libro furono scritti da Thomas Mann tra il 1922 e il 1945. La silloge si apre con il grande discorso berlinese del 1922 «Della repubblica tedesca» che segna l'approdo di Mann al pensiero democratico, e comprende tra l'altro la lettera al preside dell'università di Bonn che gli aveva tolto la laurea honoris causa, e i cinquantacinque radiomessaggi violentemente antinazisti inviati dall'America al popolo tedesco durante la guerra. Come scrive Giorgio Napolitano nella sua Introduzione, «la riflessione di Mann resta incancellabile - al di là dell'influenza che poté esercitare nel suo Paese prima e dopo essere stato costretto all'esilio -, riflessione che di certo non poté essere tale da salvare la Germania da quindici anni di regressione barbarica. È una lezione che torna ad ammonirci e illuminarci, nelle crisi sociali, culturali e politiche di questo inizio del XXI secolo in Europa».

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Settanta anni dopo la prima pubblicazione vengono riediti i saggi politici di Thomas Mann. Nella raccolta è presente anche un saggio del 1922, ma i più furono scritti fra il 1930 e il 1945 e hanno a che fare eminentemente col nazismo e con la guerra. Sono documenti storici, ma il lettore resterà sorpreso di quanto essi parlino almeno altrettanto all’attualità. Documenti storici, certo, tragici. Nel 1930, mentre la Repubblica di Weimar si suicidava, Mann rivolgeva Un appello alla ragione: orgoglioso del proprio ancoraggio alla borghesia, proprio a essa si rivolge, perché non si lasci spaventare da parole come socialismo e marxismo, ma guardi invece al vero pericolo, il nazismo. Appello inascoltato. Nel 1938 (...) Mann avvertiva (L’altezza dell’ora) che si sarebbe andati comunque alla guerra, perché il fascismo esclude la pace e la pace esclude il fascismo (...). Nei suoi radiomessaggi trasmessi durante la guerra, Mann aveva avvertito più volte che soltanto se fosse riuscita a liberarsi da sola di Hitler la Germania avrebbe potuto sperare in un trattamento magnanimo dopo la sconfitta. Borghese, tedesco e cosmopolita in quanto tedesco: così Mann presentava se stesso. (...) Nel marzo 1945 (...) Mann diceva per radio che la Germania non sarebbe morta, ma avrebbe assunto una nuova figura e avrebbe avuto una nuova vita. A guerra finita ribadiva che la storia del mondo non finiva, che la Germania ne faceva parte e che, sebbene la politica di potenza continuasse e non lasciasse prevedere molto di buono, tuttavia la diminuita importanza dei confini politici avrebbe favorito un umanesimo sociale, molto superiore alla democrazia borghese. Utopie? Forse. Ma è nel saggio che dà il titolo al libro, Attenzione, Europa!, che si leggono le cose più amaramente attuali. Nel 1936 l’allora sessantunenne Thomas Mann dichiarava di non amare la gioventù dei suoi tempi, una gioventù che si adagiava nella vita collettiva, desiderava “vacanze continuate dal proprio Io”, liberarsi dal pensiero e “anche dalla paura, naturalmente, paura della vita”. Quei giovani lui li chiama dei primitivi che disprezzano l’idealismo e tutto ciò che ha a che fare con esso; innamorati della tecnica, ma niente affatto della ragione, sono dentro una superstizione modernamente democratica, una superstizione sentimentale che mirava “all’abolizione di ogni differenza fra verità e menzogna”. Mann non era ottimista: prevedeva che “questo pseudo-pensiero” avrebbe avuto il potere “di convertirsi con audace violenza in storia”. La partita – scriveva allora, nel 1936 – è già perduta. Disgraziatamente aveva ragione. L’umanesimo militante, da lui invocato, non ebbe successo e forse non ebbe un numero sufficiente di praticanti. Teniamocelo per detto.

Recensione di Enrico De Angelis