Traduttore: A. Donaudy
Curatore: G. Belmont
Editore: SE
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 6 aprile 2017
Pagine: 351 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788867232710

99° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Storia e critica - Studi generali - Dal 1800 al 1900

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Quando Marcel Proust mori, già celebre nel mondo, nel 1922, molti si precipitarono da colei ch'egli chiamava la sua "cara Céleste ", per ottenerne la testimonianza, i ricordi. Molti sapevano che solo lei (per essergli vissuta accanto negli otto decisivi anni della sua esistenza) deteneva verità essenziali sulla persona, sul passato, sugli amori, sullo sguardo sul mondo, sul pensiero, sull'opera di quel grande, geniale infermo. Céleste era il testimone principe, il centro di tutto. Ma per cinquant'anni rifiutò di parlare. La sua vita, diceva, se n'era andata con Monsieur Proust. Solo a ottantadue anni Céleste Albaret decise di concedere una lunga conversazione, raccolta nel libro, a Georges Belmont.

€ 29,75

€ 35,00

Risparmi € 5,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

30 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    02/08/2018 02:37:00

    Ne assecondò ogni tara, ogni ossessione, ogni minima pena e ogni fastidio. Conosceva i momenti in cui muoversi, i severi bisogni di silenzio, di totale assenza di rumore, tutto. La storia di questa donna sfiora una santità incredibile, è uno di quei destini che forse necessitano al genio per compensare le carenze di una vita pratica e sentire in fondo all'anima la conferma che quella grandezza si doveva compiere. Se esiste la Recherche è merito anche di Celeste, fiumi di pagine ispirate di questa vertiginosa cattedrale vertiginosa dello spirito respirano dei suoi respiri, delle sue attente premure, del suo esserci. Gli orari, il battito di orologi capovolti, se è vero che era la notte la principale alleata di Proust, la vera farina del suo mulino di dentro concentrata e in azione, quando dalle serate salottiere (scarse in verità, non usciva moltissimo) si ritirava per riversare su quel colonnato di sette romanzi la capillare interezza del suo dentro, le fobie e i nascondimenti delle doppie morali, delicatezze e perversioni tessute con autentico dono. Lei era lì ad aspettarlo, in un miracolo che lei stessa non smetterà mai di amare, spendendosi, dopo la morte di lui, in parole di gratitudine totale. Rifarebbe tutto quello che ha fatto l'indomani stesso, sicura, nella sua commovente semplicità, di aver partecipato a una delle imprese più pazzesche dello sforzo umano, levatacce di maiuscola necessità, un legato offerto a questo mondo mozzo, sordo, dove ogni vera interiorità è ormai ruggine per robivecchi. Si può anche piangere fra le vertebre di alcuni istanti, il groppo si affaccia come un'epifania devota per tutta quella riconoscenza da lei riversata. C'è un istinto che oltrepassa le leggi del pensiero, e che forse, senza meditare troppo, scende e tocca corde così sottili dell'imperscrutabilità umana da disorientare ogni volontà di spiegazione. Celeste era l'angelo indispensabile ad ogni minuzia di quest'impresa. Il genio ha i suoi ammanchi, la vita li copre.

  • User Icon

    AdrianaT.

    12/10/2017 08:16:18

    Le mille nevrosi e fobie di Proust nei suoi ultimi otto anni di vita, resi dalla testimonianza della fedele, servizievole e adorante governante Céleste Albaret che incondizionatamente lo amava, lo subiva e l'assaporava, in un rapporto fra simbiosi e il (di lui) parassitismo. Asmatico cronico e costrettosi ad una vita diurna da recluso quasi vampiresca, più a caccia di personaggi per il suo Libro che di vita, egli - meticoloso, perfezionista e maniaco del controllo fino all'inverosimile - colpisce per le sue ossessioni, fissazioni e rigide abitudini quotidiane, dettate dal suo rigore nel ritagliarsi addosso un'esistenza nel suo mondo alla rovescia, che ha del folle, ma anche dello straordinario. Infiniti riti e manie spesso incomprensibili, tutti finalizzati al completamento della sua Recherche, pervaso continuamente dalla paura di non riuscire ad ultimarla prima della morte. Resoconto lucido e fruibile che ti immerge nel mondo plumbeo e ovattato di un prigioniero del proprio talento fotografato nell'acme della sua espressione artistica; di un genio letterario senza tempo e senza limiti. Letto in contemporanea con la Recherche, risulta un utile supporto e piacevole compendio.

Scrivi una recensione