Il monte del cattivo consiglio

Amos Oz

Traduttore: E. Loewenthal
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 06/06/2012
Pagine: 231 p., Brossura
  • EAN: 9788807723520
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rigus68

    22/05/2018 14:23:09

    Il titolo è quello del primo dei tre racconti, seguito da “Il Signor Levi” e da “Nostalgia”. Racconti scritti tra il 1974 e il 1975 e ambientati tra maggio 1946 e settembre 1947, proprio alla vigilia dell’evacuazione delle truppe inglesi dalla Palestina (il mandato britannico nel settore era durato dal 1920 fino al 1948). Nei primi due racconti l’eroe e narratore è un ragazzino (Uriel) che, nelle vesti di piccolo Napoleone, sogna il riscatto del popolo ebreo dalla dominazione britannica (e la lotta contro il popolo arabo per la conquista del territorio) e passa le giornate in vedetta sui tetti e spiando i movimenti delle truppe inglesi in Gerusalemme e dintorni. Questi sono i due racconti più godibili e ben strutturati. Il terzo invece, un lungo elenco di lettere scritte dal Dr Nussbaum, malato terminale di cancro, all’amata Mina che lo ha abbandonato, migrando in America, è più uggioso e ben poco incisivo, anche se pure in questo compare il fiero combattente in erba Uriel, che vorrebbe, con l’aiuto dello stesso dottore, fabbricare bombe incendiarie ed esplosivi per l’imminente lotta senza quartiere contro i nativi palestinesi, che sicuramente insorgeranno in armi dopo l’evacuazione degli inglesi. Tutti e tre i racconti sono permeati da una forte tensione, l’attesa spasmodica di eventi incombenti dagli esiti imprevedibili. C’è un punto oscuro, in quanto nei racconti si parla della resistenza ebraica, come se fossero dei partigiani scesi in campo per liberare il proprio territorio dall’invasore, come successe da noi in Italia nella Seconda Guerra Mondiale. La realtà era ben diversa: gli ebrei erano il popolo invasore che, tramite l’Irgun Gang (il cui comandante era Menachem Begin) e la Banda Stern, s’impossessarono manu militari dei territori palestinesi e li confinarono nella Gaza Strip, una prigione a cielo aperto dove, a tutt’oggi, questo popolo è continuamente martoriato dallo Stato Sionista.

  • User Icon

    mars

    01/11/2013 08:45:24

    mi è piaciuto molto questo libro, del resto non è il primo dell'autore che leggo. stranamente, però, l'ho letto un po' a rilento, leggendo anche altre cose. Ma non ne ho mai perso il gusto e lo consiglio

Scrivi una recensione