Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

I mostri. E come sconfiggerli - Carlo Calenda - copertina

I mostri. E come sconfiggerli

Carlo Calenda

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 2 luglio 2020
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788807173806
Salvato in 74 liste dei desideri

€ 15,00

Venduto e spedito da Libreria Max 88

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 14,25

€ 15,00
(-5%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (12 offerte da 14,25 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Perché siamo insoddisfatti della politica? Da dove viene il vuoto di fiducia che ha allontanato i cittadini dalle istituzioni? Di quale Europa siamo tanto diffidenti?

Carlo Calenda per la prima volta scrive un libro politico dedicato all’Italia e alle chimere profonde che ne fanno un paese immobile.

Nel pieno della peggiore crisi dal Dopoguerra, l'economia italiana rischia di fermarsi. E allora come mai perdiamo tempo a combattere uno scontro ideologico vuoto e posticcio? Secondo Carlo Calenda, negli ultimi decenni gli italiani si sono assuefatti a un modo di guardare alla politica che li affascina e poi li pietrifica, come se subissero lo sguardo di Medusa, incapaci di tagliare la testa alla Gorgone che incarna i loro vizi. È la politica che ha bisogno di nuovi eroi prepotenti e muscolari. E poi c'è l'insofferenza profonda per le aspettative tradite: un sentimento bruto e cieco, capace della ferocia del Minotauro. D'altra parte, l'Italia è il paese della grande bellezza: la classe dirigente e i media sono cinici e nichilisti come Narciso. Oltre alla propria immagine riflessa, tutto il resto è brutto e sporco. E questo atteggiamento ha spinto il paese nel pantano della rassegnazione. La frattura tra lo Stato e i cittadini è la stessa che separa il progresso dalla società: se il progresso avanza troppo velocemente rispetto alla capacità della società di comprenderlo e dirigerlo, i cittadini si sentono spossessati del loro destino. La paura, la chiusura e l'aggressività sono reazioni inevitabili. Per costruire un percorso di cambiamento serve la fiducia. Calenda per la prima volta scrive un libro politico dedicato all'Italia e alle chimere che dobbiamo vincere. Non possiamo più permetterci di ignorarle, perché viviamo in tempi difficili e imprevedibili. L'Occidente è fragile e noi siamo fragilissimi. La cattiva notizia è che i mostri convengono a qualcuno. Quella buona è che si possono combattere. L'Italia è più forte di chi la vuole debole, e i nostri mostri possono essere sconfitti.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,88
di 5
Totale 8
5
7
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Emanuele

    01/04/2021 14:03:48

    Ottimo

  • User Icon

    garibotti rossano

    27/10/2020 07:57:19

    Ecco un libro sulla politica e sulla società chiaro come una giornata di sole, dote più unica che rara da riscontrare tra chi, poi, politica la fa davvero. Carlo Calenda, in fondo, fa un'operazione semplice: mette al bando popolismi, psicologie e retoriche d'ogni sorta - soprattutto nel campo di appartenenza, quello progressista: e ciò gli vale un pieno merito. L'ideologia ed il Principio non valgono nulla se non sono pragmatici; essere Moderati, più che moderati, significa essere equilibrati. I progressisti non possono continuare - guardandosi l'ombelico - a sentirsi gli unici depositari della 'questione morale', al di là del fare proposte concrete ed equilibrate calandosi nei problemi che, di volta in volta, la realtà propone. Se non avverrà questo, i populisti e i sovranisti avranno sempre la meglio. Di una chiarezza esemplare.

  • User Icon

    Vincenzo

    25/10/2020 16:27:47

    Un'analisi impeccabile della politica contemporanea

  • User Icon

    Salvatore

    31/08/2020 10:44:49

    Un libro che tutti dovrebbero leggere. Anche i NON sostenitori del Dott. Calenda. Il punto di vista sulla politica più interessante che abbia mai avuto modo di osservare

  • User Icon

    Fabiuz

    28/07/2020 20:27:55

    Calenda è indubbiamente un politico concreto, propositivo, fin avulso dagli ambienti romani conosciuti. Si vede che ha lavorato ricoprendo ruoli apicali nel mondo privato e che cerca di razionalizzare l'azione (Azione...) politica in fatti. Purtroppo è un'eccezione, ma il suo libro è un saggio di come sia ancora possibile pensare e sperare di battere...i mostri..!!! Grande lucidità di pensiero e scorrevolezza fa di questo libro una lettura gradevole e utile. Consigliato.

  • User Icon

    Mattia

    11/07/2020 22:54:13

    Straordinario! Letto tutto in un giorno ,molto scorrevole . Dovrebbe essere essere preso molto in considerazione per i temi che tocca .

  • User Icon

    Roberto Antimes

    11/07/2020 15:51:49

    Calenda lo specifica all'inizio del libro: questo è un libro politico, che indirizza all'azione (ovviamente) ed alla militanza (intesa in senso laico, come partecipazione e costruzione di una società migliore). E dimostra di saper scrivere bene, tanto nella parte teorica tanto in quella più pragmatica. Non ha particolari timori nell'andare giù duro su totem intoccabili come la politica di Berlinguer, i sindacati o Confindustria, o il senso scarno di società che spesso si trova nel Mezzogiorno d'Italia. Il libro pertanto è una lettura interessante, il cui lato debole è unicamente nella ripetitività di certi passaggi e, se mi posso permettere, nella estrema semplificazione che spesso fa da sfondo ai ragionamenti politici/economici e storici. Un intero libro che basa le proprie idee su teorie del passato (da don Sturzo a Blair, citando Fukuyama) non può avere una paginetta di bibliografia. Aldilà di questo Calenda è un politico lungimirante e di sti tempi hai voglia ad averne. Consigliato.

  • User Icon

    Alessandro

    09/07/2020 07:05:13

    Chiaro, conciso, come un discorso faccia a faccia. Bei temi e begli argomenti da parte di un personaggio politico, un uomo, troppo spesso sottovalutato

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Carlo Calenda Cover

    Carlo Calenda è stato viceministro dello Sviluppo economico con delega al commercio internazionale, rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea e da marzo 2016 ministro dello Sviluppo economico, prima con il governo Renzi e poi con il governo Gentiloni. Ha presieduto il Consiglio del commercio dell’Ue, di cui è stato membro per cinque anni, durante il semestre di presidenza italiana, e i G7 Energia e Innovazione. Nel 2019 ha fondato il movimento Siamo europei. Prima di entrare in politica è stato manager alla Ferrari, a Sky e direttore degli Affari internazionali in Confindustria. Con Feltrinelli ha pubblicato Orizzonti selvaggi (2018) e I mostri. E come sconfiggerli (2020). Approfondisci
Note legali
Chiudi