Salvato in 25 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Mulholland Drive
9,99 €
DVD
Dettagli Mostra info
Mulholland Drive 100 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,99 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,99 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
9,99 €
Chiudi
Mulholland Drive di David Lynch - DVD
Chiudi

Descrizione

Rita perde la memoria a causa di un incidente stradale. Betty, giovane attrice australiana, l'aiuterà a ritrovarsi.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Mulholland Dr.
Stati Uniti; Francia
2001
DVD
3259190280892

Informazioni aggiuntive

Universal Pictures, 2002
Universal Pictures
146 min
Inglese (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1)
Inglese; Italiano
1,85:1 Wide Screen
PAL Area2
interviste; filmografie; scene inedite in lingua originale

Valutazioni e recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
(60)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(41)
4
(8)
3
(2)
2
(3)
1
(6)
Alessio
Recensioni: 2/5

Senza entrare in sterili polemiche con chi ha apprezzato il film, riporto semplicemente la mia opinione. Proprio non riesco a capire, per l'ennesima volta, cosa abbia voluto dire Lynch con questo film. E qui faccio una digressione: da sempre sono combattuto sul giudicare l'operato di questo stravagante regista. Sono convintissimo che abbia un potenziale enorme ma non mi entra in testa come mai decida di girare pellicole con trame assurde e incomprensibili. Le sue qualità tecniche sono innegabili ma un freddo sfoggio di abilità non basta per fare un film. La passione, le emozioni e i sentimenti sono altrettanto necessarie. E quest'ultime cose le ritrovo, in grande quantità, negli unici suoi due film che seguono un filo logico: "The elephant man" e "Una storia vera" (casualmente, o forse no, entrambi biopic), due opere straordinarie, commoventi e pregne di significati morali e intellettuali e di sentimenti veri. E' giudicando questi lavori che mi chiedo come mai Lynch si intestardisca così tanto sulla ricerca dell'assurdo, visto che quella della realtà, quando vuole, gli riesce talmente bene! Tornando a Mulholland Drive, è inutile spendere troppe parole: passione e cuore inesistenti.Tecnica e interpretazioni ineccepibili (unici motivi per cui non assegno 1 come voto). David Lynch un grande/piccolo regista

Leggi di più Leggi di meno
Roberto
Recensioni: 1/5

Giustamente Lynch ha trovato grandi difficoltà a farsi produrre questo... film. E' un delirio continuo di scene slegate l'una dall'altra, senza un reale filo conduttore, con un furbo indulgere sull'omosessualità delle due bellissime protagoniste (e questo erotismo un po' prevedibile è forse l'unica cosa che si salva del film). Il finale, quando si scopre che era tutto un sogno (forse) è di una banalità disarmante. Mereghetti, a proposito di Strade perdute, parla di una colossale presa in giro dello spettatore;di questo allora cosa si dovrebbe dire? Mi domando: perché raccontare una storia del genere? A che serve? Insomma, perché una persona dovrebbe pagare per vedere un film così? Sarebbe giusto il contrario.

Leggi di più Leggi di meno
zelda
Recensioni: 5/5

Il più complesso e riuscito film di Lynch, che riesce, a partire da una trama semplice - nonostante le apparenze - a costruire una narrazione estremamente profonda, onirica, angosciante. Una parabola cinica su Hollywood, raccontata dal punto di vista di una ingenua vittima dello showbiz. Forse una rivincita di Lynch contro il sistema?

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(41)
4
(8)
3
(2)
2
(3)
1
(6)

Voce della critica

Inquietante, astratto ed enigmatico noir firmato da David Lynch con una straordinaria potenza visiva

Trama
Mulholland Drive è una lunga e vecchia strada di Los Angeles: nasce nel deserto, attraversa i quartieri ricchi e finisce a strapiombo sulla costa di Malibù. Bisognerebbe ricordarsi di questa simbologia per cercare di dare un senso all'ultimo onirico ed enigmatico film di David Lynch. Quella che il regista stesso ha definito come "una semplice storia d'amore nella città dei sogni" è in realtà un intricato enigma sospeso tra allucinazione e realtà, con un tocco di nostalgia per il noir degli anni '40 ed una aperta ostilità verso l'attuale star system. Rita è un'avvenente bruna sopravvissuta ad un incidente d'auto in seguito al quale ha però perso la memoria, Betty un'aspirante attrice di belle speranze che la ospita nel proprio appartamento e se ne innamora.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

David Lynch

1946, Missoula

David Lynch è uno dei massimi cineasti statunitensi degli ultimi decenni. Vincitore di due Palme d'Oro a Cannes e di un Leone d'Oro alla carriera. Si è affermato durante la sua lunga carriera in virtù di un personalissimo stile fatto di mistero, ambiguità e situazioni oniriche. Tra i suoi film più celebrati troviamo Elephant Man, Cuore selvaggio, Mulholland Drive e INLAND EMPIRE. E' autore della serie cult Twin Peaks. Oltre ad essere regista è anche sceneggiatore, produttore cinematografico, pittore, musicista, compositore, attore, montatore, scenografo e scrittore.

Naomi Watts

1968, Shoreham, Kent

"Propr. N. Ellen W. Attrice australiana di origini inglesi. Debutta al cinema poco più che diciottenne ma il suo primo ruolo in un film hollywoodiano è in Matinée (1993) di Joe Dante. Dopo alcuni ruoli secondari, raggiunge il successo con il personaggio dell'ambiziosa attrice bionda nella confusione identitaria di Mulholland Drive (2001) di D. Lynch. Grazie a questa interpretazione, viene contattata da G. Verbinski per il remake americano del thriller The Ring (2002), cui seguono la commedia romantica Le divorce (2003) di J. Ivory e il ruolo della madre disperata in 21 grammi (2003) di A.G. Iñarrítu. È quindi la moglie separata dell'uomo che vorrebbe uccidere Nixon in The Assassination (2004) di N. Mueller e appare in I giochi dei grandi (2004) di J. Curran e nel secondo capitolo The Ring...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore