Musica per pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Charles Gounod
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Decca
Data di pubblicazione: 6 aprile 2018
  • EAN: 0028948169566
Salvato in 4 liste dei desideri
Dopo l’integrale per pianoforte di Mendelssohn, arricchita da 54 prime registrazioni mondiali, dopo l’integrale mozartiana effettuata con l’accordatura Vallotti, dopo i concerti per pedal piano, Roberto Prosseda dedica la sua nuova registrazione a Charles Gounod, musicista assai più eclettico di ciò che comunemente si pensi, nell’anno del bicentenario della nascita.
Gounod ha composto non più di quaranta pagine per pianoforte di cui si apprezzano, in questa corposa antologia, il fascino e la varietà espressiva. Ma è da notare come, a fianco dei due celeberrimi brani come la “Marcia funebre di una marionetta” (reso celebre grazie all’utilizzo come sigla televisiva per la serie “Alfred Hitchcock presenta” realizzata negli anni 1950-1960) e l’“Ave Maria” (presente nella versione originale strumentale), vi siano ancora una volta rarità e 4 prime registrazioni mondiali.
Contiene:
Marche funèbre d’une marionette
La Veneziana (Barcarolle)
Impromptu PRIMA INCISIONE MONDIALE
Souvenance (Nocturne) PRIMA INCISIONE MONDIALE
Méditation sur le 1er Prélude de Bach (Ave Maria)
Six Romances sans Paroles
(N. 4 La Calme PRIMA INCISIONE MONDIALE)
Six Préludes et Fugues
Sonate in E flat major for piano four hands
PRIMA INCISIONE MONDIALE con Enrico Pompili.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Charles Gounod Cover

    Compositore francese. Intraprese gli studi musicali con A. Reicha, iscrivendosi in seguito al conservatorio di Parigi, dove ebbe come maestri J.F. Halévy, J.F. Lesueur e F. Paer. Dal 1840 al '43 soggiornò a Roma come vincitore del Prix de Rome. Qui conobbe le opere di Palestrina e della grande tradizione polifonica romana, scoprendo in se stesso quella disposizione mistica che caratterizzerà, a tratti, la sua vita. Scrisse in quegli anni alcune messe, un Requiem (1842) e altre composizioni sacre. Per incitamento della cantante Pauline Viardot si volse in seguito al teatro, scrivendo per lei Sapho (1851) cui seguirono La nonne sanglante (1854) e Le médecin malgré lui (1858). Ma il grande successo gli venne dal Faust (1859), opera in cui la materia universale del poema di Goethe viene adattata... Approfondisci
Note legali