Mussolini il rivoluzionario

Renzo De Felice

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 febbraio 2005
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788806173746
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

In che modo ripensare il fascismo e l'antifascismo e come reinterpretarli? La riproposta della monumentale biografia di De Felice rimane un punto di riferimento imprescindibile per i lettori e gli studiosi non solo italiani. L'autore mette insieme diversi aspetti del giovane Mussolini e li ricostruisce dagli anni dell'infanzia alla nascita del regime. In appendice sono raccolti i documenti relativi al periodo considerato: le lettere di Mussolini; il manifesto del partito politico futurista; il programma dei fasci di combattimento; e quello dannunziano per la marcia su Roma.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    DAVIDE MATTEO GUARNERI

    04/11/2012 22:24:36

    Ottimo lavoro quello del De felice. Lo storico fa luce su molti aspetti anche controversi della vita del giovane Mussolini con dovizia di dettagli ed approfondimenti. Emerge il carattere di Mussolini,plebeo che non amava le plebi come ebbe a dire Nenni e la sua tempra di politico abile,in mezzo a tanti rivoluzionari velleitari e parolai.Egli si illuse sempre di essere socialista anche quando ormai il solco tra lui ed il partito era incolmabile. Egli rispetto ai dogmatici ed ai dottrimari avvertì più forte di tutti la necessità di rinnovare il socialismo adattandolo al mutare dei tempi.I momenti decisivi furono due il passaggio dal neutralismo all'interventismo e la fondazione del giornale II popolo d'Italia che lo avvicinò alla borghesia produttiva e gli fece maturare una posizione favorevole ad una collaborazione intensa ed armonica tra padroni ed operai, dove c'è già in nuce l'idea del corporativismo fascista, cioè il tentativo di conciliare definitivamente capitale e lavoro.Dopo la virata a destra egli fu comunque abile, evidenzia il De Felice a non lasciarsi fagocitare da tutti coloro(Giolitti, nazionalisti, industriali) che pensavano di strumentalizzare il fascismo e poi liquidarlo una volta raggiunti i loro scopi.

Scrivi una recensione