Mussolini. Ultimo atto (DVD)

Mussolini: ultimo atto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Mussolini: ultimo atto
Regia: Carlo Lizzani
Paese: Italia
Anno: 1973
Supporto: DVD
Salvato in 34 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 9,99 €)

Nei primi mesi del '45 Mussolini si rifugiava in Valtellina

Gli ultimi avvenimenti della vita del Duce: la fuga, la cattura da parte dei partigiani, e la fine

«Il Fuhrer non ha bisogno di un prigioniero. In me ha un alleato con più di centomila uomini pronti a combattere per la vittoria!»

«E questo è l'uomo che si credeva un nuovo Cesare. Il duce dei popoli. Un dio. Come verrà ricordato? - Come l'uomo che fece arrivare i treni in orario»

«Già cominciano i compromessi, lo schifo che volevamo eliminare una volta per tutte. O lo fuciliamo adesso o non pagherà mai più!»

Nei primi mesi del '45 si delinea chiaramente l'esito della guerra e Mussolini decide di rifugiarsi in Valtellina. Non trovando però i militari che avrebbero dovuto attenderlo, si nasconde tra i soldati tedeschi incaricati di portarlo in Germania...

4,83
di 5
Totale 6
5
5
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    osservatore

    27/06/2019 19:40:22

    Mi è davvero piaciuto il modo in cui è stata resa l'atmosfera, crepuscolare, della fine di quel periodo. Tutto si sgretola, tutto finisce. Molto istruttivi i dialoghi, tutto ben curato. Grandissimi gli attori con la partecipazione straordinaria di Henry Fonda.

  • User Icon

    Monica67

    21/02/2019 17:20:48

    Film molto accurato e documentato sugli ultimi giorni di Mussolini. Regista e interpreti straordinari. Da vedere.

  • User Icon

    CyberDracula (Lo sceriffo)

    29/03/2018 19:38:28

    A mio parere uno tra i pochi e miglior film sugli ultimi giorni del Duce,con un attenta ricostruzione storica-sociologica dell'epoca e di cosa fu l'abbattimento del fascismo in Italia.

  • User Icon

    cogito ergo sum

    07/03/2009 02:58:33

    Bisogna incoraggiare la critica alternativa ai film che si forma, per esempio, in questi spazi. Il Morandini, giusto per citare un critico professionista di rilievo, riporta 1 stella e mezza come media della critica dell'epoca (il film è del '73) e tre pallini di pubblico. Ma stronca questo gioiello della cinematografia italiana rincarando la dose dei motivi di dispregio con valutazioni arbitrarie e riportando un passaggio di T. Kezich, divenuto col tempo il re dei tromboni. Va ricordato che la "stroncatura arbitraria" è una fattispecie nata in ambito letterario dove è stata poi dichiarata eticamente inaccettabile, tanto che, oggi, in presenza di operazioni di quel taglio essa viene invocata e, se ritenuta giustamente imputata a un dato signor critico o recensore, costui dovrà fare i conti col biasimo del suo ambiente e, non di rado, redigere una convincente rettifica su testate del settore o sulla pagina culturale di quotidiani di rilievo nazionale. Questo DVD contiene un'istruttiva intervista a Carlo Lizzani, dalla quale si ricava quello che ogni spettatore che conosceva la materia del film aveva già, più o meno, intuito: il film è stato interamente girato nei luoghi dove si svolsero i fatti e nel loro pieno rispetto storico: l'episodio conclusivo della 2° guerra mondiale in Italia, e del capo fascista che in quella tragedia, l'Italia dapprima neutrale, aveva poi volutamente sprofondato. Sia Rod Steiger che Franco Nero, interpreti entusiasti delle rispettive parti, avevano messo al proprio attivo una medaglia olimpica ciascuno. A Savona, la sala dove il film venne proiettato nel '74 dovette essere presidiata dalla Polizia, a causa delle minacce dei neofascisti i quali, pochi mesi dopo, proprio a Savona, fecero esplodere bombe anche nei palazzi del Centro, dove una donna perse la vita sprofondando nell'androne col pavimento di casa sua.

  • User Icon

    Andrea

    30/01/2009 14:03:09

    Lo ritengo un film eccellente con un Rod Steiger superlativo, pertanto merita la votazione massima.

  • User Icon

    Marco

    06/10/2008 15:09:30

    Fedele e precisa ricostruzione storica degli ultimi giorni di vita di Benito Mussolini. I luoghi, i tempi e i nomi sono stati rispettati; la somiglianza degli interpreti con i personaggi reali è molto buona.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Produzione: Surf Video, 2018
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 132 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital Dual Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 16:9
  • Area2
  • Contenuti: Intervista a Carlo Lizzani - Trailer - Galleria fotografica
  • Rod Steiger Cover

    Propr. Rodney Stephen S., attore statunitense. Arruolatosi marinaio durante la prima guerra mondiale, dopo il conflitto prende i primi contatti con il mondo dello spettacolo come attore teatrale e televisivo. Il successo di uno sceneggiato favorisce il suo esordio sul grande schermo, dove in pochi anni si impone come valido caratterista drammatico. Fisico imponente e volto segnato, dà vita a numerosi personaggi tormentati e nevrotici a lui ben congeniali, che interpreta con rigorosa professionalità affidandosi al metodo Stanislavskij. Lo ricordiamo fratello del ribelle M. Brando nel tormentato Fronte del porto (1954) di E. Kazan, avido produttore nel letterario Il grande coltello (1955) di R. ­Aldrich, gangster senza scrupoli nei violenti Il colosso d'argilla (1956) di M. Robson e Al Capone... Approfondisci
  • Henry Fonda Cover

    Attore statunitense. Inizia a recitare in teatro e debutta a Broadway nel 1934 e nel cinema nel 1935, nella commedia The Farmer Takes a Wife (Il fattore prende moglie), trasposta per il grande schermo da V. Fleming. A Hollywood interpreta subito ruoli da protagonista, in drammi (Sono innocente, 1938, di F. Lang), commedie (Nel mondo della luna, 1937, di T. Freeland), film d'avventura (Il falco del nord, 1938, di H. Hathaway) e film storici come Figlia del vento (1938) di W. Wyler, sulla guerra di secessione, legandosi al personaggio del giovane onesto e leale, il ragazzo di buona famiglia timido ma tenace. Nel 1939 viene scelto da J. Ford per Alba di gloria, in cui fornisce una memorabile interpretazione nei panni del giovane Lincoln, mitizzato padre della patria, archetipica figura dell'eroe... Approfondisci
  • Franco Nero Cover

    Nome d'arte di Francesco Sparanero, attore italiano. Biondo e prestante, con saettanti occhi azzurri e cipiglio da valoroso, incarna una bellezza maschile molto «americana», non a caso già apprezzata da J. Huston che nel 1966 fa interpretare a questo italiano atipico, allora semisconosciuto, l'innocente Abele nel kolossal La Bibbia. Il cinema di cassetta ne fa subito un eroe affidandogli ogni sorta di avventure esotiche o metropolitane con almeno due storici pistoleri dello spaghetti-western post S. Leone: Django (1966) di S. Corbucci e il crepuscolare Keoma (1976) di E.G. Castellari. Non gli mancano tuttavia i ruoli più profondi, primo fra tutti il capitano dei carabinieri di Il giorno della civetta (1968), tratto da L. Sciascia e firmato da D. Damiani, che lo dirige in diverse altre pellicole... Approfondisci
Note legali