Mutazioni di Richard Lester - DVD

Mutazioni

The Bed Sitting Room

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Bed Sitting Room
Paese: Gran Bretagna
Anno: 1969
Supporto: DVD
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 5,59

€ 6,99
(-20%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 3,66 €)

Trascorsi alcuni anni da un conflitto nucleare che ha devastato il mondo, alcuni superstiti, tutti vittime di strane mutazioni genetiche, cercano di sopravvivere nella città di Londra.
  • Produzione: Sinister Film, 2012
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers: trailer cinematografico; presentazione: presentazione di Luigi Cozzi
  • Rita Tushingham Cover

    Attrice inglese. Rappresentativa interprete del cinema inglese degli anni '60, esordisce in Sapore di miele (1961) di T. Richardson, film che più di ogni altro mette in luce il suo talento e sa sfruttare il suo viso irregolare ed espressivo. Vivace e attenta, capace di suggerire intelligenza mista a vulnerabilità, diventa l'equivalente femminile di quegli angry young men («giovani arrabbiati») che incarnano lo spirito dell'epoca. Nella sua carriera spiccano La ragazza dagli occhi verdi (1964) film introspettivo di D. Davis, la frizzante commedia Non tutti ce l'hanno (1965) di R. Lester, e la farsa sulla Swinging London Ci divertiamo da matti (1967) ancora di Davis. In declino negli anni '70, torna occasionalmente sugli schermi negli '80 e '90 per riproporre i suoi tipici personaggi giovanili.... Approfondisci
  • Ralph Richardson Cover

    Attore inglese. Dopo un'infanzia anomala e avventurosa (vive su una carrozza ferroviaria sulla spiaggia), esordisce giovanissimo sul palcoscenico intraprendendo una carriera che non abbandonerà mai e affermandosi in pochi anni come uno dei massimi interpreti shakespeariani. Al grande schermo arriva solo dopo il 1930 e ben presto si impone in ruoli da caratterista grazie a una voce ben impostata e a un sorriso ironico quasi beffardo. Lo si ricorda serioso colonnello Winstalney nella commedia L'uomo dei miracoli (1937) di L. Mendes, sprezzante commilitone nell'avventuroso Le quattro piume (1939) di Z. Korda, maggiordomo considerato straordinario dal bambino che accudisce nel dramma psicologico Idolo infranto (1948) di C. Reed, padre dispotico dell'ingenua protagonista nel jamesiano L'ereditiera... Approfondisci
Note legali