Nati corrotti

Marco Cobianchi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 472,41 KB
  • EAN: 9788861904026

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quanto è corrotta l’Italia lo dice l’indice della corruzione, che misura il numero di denunce presentate alla magistratura. Incrociandolo con il numero di giudizi definitivi, si scopre che l’Italia non è un paese normale: i cittadini che si ribellano e accusano sono molti, ma le sentenze non arrivano quasi mai. È così che corrotti, concussi e chi ruba soldi allo Stato sono arrivati a costarci 60 miliardi di euro ogni anno. Una cifra che difficilmente le ultime proposte legislative del governo potranno far diminuire. Da Garibaldi fino agli ultimi scandali dei tesorieri di partito, Marco Cobianchi rilegge il malaffare italiano dei primi 150 anni di Unità d’Italia usando come chiave narrativa i numeri e le statistiche. Per farci capire che la corruzione è dentro di noi. Ma non ce la possiamo più permettere.
  • Marco Cobianchi Cover

    Giornalista di Panorama, da sempre si occupa di economia. Per scrivere Mani bucate (Chiarelettere 2011) ha letto centinaia di pagine di documenti europei, rapporti di spesa, gazzette ufficiali nazionali, regionali, comunitarie e molto altro. Documenti tecnici per lo più sconosciuti, ma che gli hanno permesso di compiere un viaggio in profondità nel cuore di un sistema economico che non è liberale, non è statalista, ma sussidiato. È autore anche di BLUFF. PERCHÉ GLI ECONOMISTI NON HANNO PREVISTO LA CRISI E CONTINUANO A NON CAPIRCI NIENTE (Orme, 2009). Approfondisci
Note legali