Artisti: One Republic
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Interscope
Data di pubblicazione: 23 maggio 2014
  • EAN: 0602537836116
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 10,50

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Dopo i successi mondiali di If I loose Myself e Counting Stars torna una delle band più amate con la nuova edizione dell'album Native, disco pubblicato lo scorso anno, in una versione arricchita da brani acustici e remix.

Disco 1
  • 1 Counting Stars
  • 2 Love Runs Out - Bonus Track
  • 3 If I Lose Myself
  • 4 Feel Again
  • 5 What You Wanted
  • 6 I Lived
  • 7 Light It Up
  • 8 Can'T Stop
  • 9 Au Revoir
  • 10 Burning Bridges
  • 11 Something I Need
  • 12 Preacher
  • 13 Don'T Look Down
  • 14 Something'S Gotta Give
  • 15 Life In Color
  • 16 If I Lose Myself - Acoustic Version
  • 17 What You Wanted - Acoustic Version
  • 18 Burning Bridges - Acoustic Version
  • 19 If I Lose Myself - Alesso Vs. Onerepublic - Bonus Track

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nico07

    20/09/2018 07:15:01

    Il rischio che un gruppo talentuoso come gli OneRepublic non riescano a fornire musica originale è alto: il motivo è che il frontman, Ryan Tedder, è uno dei produttori più affermati sulla scena musicale. Nonostante questo doppio impegno Ryan riesce a costruire hit per altri artisti e parallelamente anche per il suo gruppo riuscendo a fornirgli un sound pop/rock che non si perde nell'anonimato. Native è forse l'album più Pop del gruppo, che riesce a tornare a dominare le classifiche dopo gli scarsi risultati del lavoro precedente. Counting Stars è il loro più grande successo e porta il gruppo nel prima inesplorato folk pop. La miglior traccia del disco però è "If I Lose My Self" con le sue atmosfere sognanti. Molto particolare "Au Revoir", ballata che sfugge dalla tipica costruzione delle canzoni poichè priva di una netta separazione fra strofe e chorus: ottima l'interpretazione di Ryan così come la base strumentale. In poche parole non mancano dei testi particolarmente ispirati e profondi, e quindi non scontati neanche negli spazi più pop del disco. Un buon mix di malinconia e di spensieratezza con la voce di Ryan Tedder che risulta efficace e potente in ogni occasione risultando in una perfetta armonia con le basi: il mix perfetto per le radio.

Scrivi una recensione