Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Nazionalbolscevismo. Piccola storia del rossobrunismo in Europa - David Bernardini - copertina

Nazionalbolscevismo. Piccola storia del rossobrunismo in Europa

David Bernardini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: ShaKe
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 4 giugno 2020
  • EAN: 9788897109846
Salvato in 19 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Venduto e spedito da MAURONLINE

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 3,85 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 13,30 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Chemnitz, l'enorme statua del volto di Karl Marx troneggia in una strada nel centro dell'ex Karl-Marx Stadt. È il luogo dove da alcuni anni migliaia di neonazisti si danno appuntamento, per poi minacciare e aggredire immigrati e militanti di sinistra. La scena è per certi versi surreale: l'icona del socialismo diventa il muto testimone della nuova arroganza neonazista, in una confusa miscela di simboli di destra e sinistra, che gli osservatori definiscono da alcuni anni "rosso-brunismo". Dietro a questa parola c'è però una lunga storia carsica di movimenti, circoli, gruppi e giornali, che affonda le proprie radici nei due eventi che hanno plasmato il Novecento: la Prima guerra mondiale e la Rivoluzione russa. Questo libro ripercorre la storia e il pensiero politico del nazionalbolscevismo dalla prima democrazia tedesca (la Repubblica di Weimar) ai nazimaoisti degli anni Sessanta/Settanta, dall'ecologismo razzista degli anni Ottanta al nazionalcomunismo teorizzato nel decennio successivo come alternativa al cosiddetto "villaggio globale". Si tratta di vicende poco note che però ribollono tra le pieghe degli eventi, nelle interazioni tra la classe e la nazione, tra il socialismo e il nazionalismo, nel tentativo sempre fallito ma sempre rinnovato di andare oltre le definizioni di destra e sinistra, verso una nuova sintesi autoritaria per un'Eurasia unita. A lungo patrimonio pressoché esclusivo di un pulviscolo ideologico a destra del fascismo, queste idee ora sono uno dei tanti filoni che nutrono quel fenomeno nazio-nalpopulista che sta trasformando la vita di tutti noi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Shirel Levi

    09/11/2020 09:07:16

    Per comprendere il rossobrunismo, corrente politica conosciuta anche come nazionalbloscevismo, occorre innanzitutto partire dalla Repubblica di Weimar dove esponenti della stessa crearono una originale simbiosi di elementi presi a prestito dall'estrema sinistra, in particolare quella di matrice stalinista e maoista con una ideologia tipicamente nazionalista e patriottica. Ho avuto modo di conoscere questa corrente, estremamente minoritaria e per certi versi sicuramente di natura settaria ma nonostante questo fatto molto influente nel contaminare con le sue idee tanto l'estrema destra quanto l'estrema sinistra, per le sue idee profondamente radicali. È il caso per esempio di citare Diego Fusaro che è un suo riconosciuto esponente italiano, filosofo torinese, conosciuto per molti suoi interventi filosofici. L'intervista nella puntata di Anarres su Radio Blackout di Torino dell'autore di questo libro, David Bernardini, mi ha incoraggiato ad approfondire ulteriormente l'argomento leggendo questo testo.

Note legali
Chiudi