Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 486 p.
  • EAN: 9788804513285
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,88

€ 10,50

Risparmi € 2,62 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Profe

    18/11/2015 09.19.56

    Ormai non c'è via di scampo! Anche nella letteratura di genere, in Italia,si pone nella falsa ricerca linguistica la base per nascondere carenze di senso e profondità. Siamo spinti a non leggere più nulla del nuovo panorama italiano. Per fortuna ci rimane il nostro 900 ed i classici Manzoni compreso!

  • User Icon

    Francesco

    13/02/2014 16.32.12

    Ho provato ad arrivare fino in fondo, ma è impossibile. Di una noia mortale e con dei tentativi di scrivere in maniera ricercata che invece distrae solo. Assolutamente da evitare, come quasi tutti i libri di Genna.

  • User Icon

    Gianni AV

    22/08/2013 11.21.47

    Storia e invenzione autoriale si mescolano in questo libro sorprendente per farne una pietra miliare della narrativa italiana degli ultimi tempi. "Ishmael, il più occulto, è davanti agli occhi di chiunque e nessuno lo vede".

  • User Icon

    Deoce

    24/10/2012 23.53.55

    Devo smettere di leggere i libri spinto dai commenti positivi. Mi spiace per gli entusiasti, ma a me è sembrato solo un bruttissimo libro.

  • User Icon

    jubanne

    07/02/2012 13.11.14

    ho approcciato a questo autore, che non conoscevo, spinto dalle ottime recensioni. Il libro non è male, trovo che lo stile di scrittura sia un pochino "troppo carico" e disperda l'intensità della trama. Mi aspettavo piu' "cronaca" legata ai fatti storici richiamati. Nell'insieme positivo.

  • User Icon

    marco77

    06/02/2012 19.08.06

    forse sono partito con l' idea di leggere un super libro, ma ho dovuto sospendere la lettura dopo cento pagine, scittura poco fluida e continui sbalzi tra personaggi e tempi, mi dispiace provero' con "catrame"

  • User Icon

    Robbian

    01/09/2011 12.49.13

    Equilibrio tra verità e fantasia . Un romanzo che prende lo stomaco. Bravo Giuseppe .

  • User Icon

    gianni

    26/04/2010 14.10.34

    Grande, grande, grandissimo Genna. Dopo aver letto “Dies Irae” (un capolavoro) e “Italia de profundis” (una clamorosa boiata), finalmente ritrovo lo scrittore che ho tanto apprezzato. Il libro è bellissimo. E’ un noir notevole: ritmo della narrazione molto serrato, continui rimandi tra il 2001 ed il 1962 ma senza mai perdere il filo. La storia gira attorno a due ispettori di polizia David Montorsi nel 1962 e Guido Lopez nel 2001, che tentano di contrastare il male incarnato nella figura di Ishmael. Non si sa bene se Ishmael sia a capo di una setta oppure di un qualcosa di molto più grande, via via che il romanzo procede si chiarirà sempre meglio cosa c’è dietro a questo nome. Sicuramente questo romanzo non ha niente da invidiare ai romanzi dei maestri internazionali del noir molto più acclamati. Ho dovuto aspettare abbastanza per poter leggere questo libro che dal sito IBS risultava essere non più disponibile, e devo dire che ne è valsa proprio la pena. Inquietante lo scenario di politica internazionale che emerge dal romanzo, veramente c’è da riflettere a lungo. Anche se il romanzo è dichiaratamente di fantasia lo scenario che descrive non è poi del tutto irragionevole, anzi. Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    21/11/2006 08.49.27

    Ho appena terminato la lettura di questo libro e del precedente "Catrame" (entrambi nell'edizione de "Il Giallo Mondadori") e li ho trovati piuttosto interessanti. Dell'attività di Giuseppe Genna su internet non so niente e non mi interessa neppure; ad una con il suo atteggiamento negativo verso il bravo Aldo Busi.... Il fatto che Genna "voglia essere" l'Ellroy italiano non dice nulla sulla qualità dei suoi scritti: dopotutto anche Billy Bragg, nelle sue prime esibizioni solistiche, era convinto di essere "The Clash"...... "Ishmael" è un buon libro, con pregi e difetti, ma dove i primi prevalgono largamente; a mio avviso una maggiore caratterizzazione psicologica dei numerosi personaggi tutti-bianchi-o-neri non sarebbe stata superflua, tenuto conto che la concisione non è un requisito di questa opera.

  • User Icon

    AleRoots

    29/10/2006 18.17.19

    Vincendo una ritrosia pregiudiziale che mi trascinavo da tempo, finalmente ho letto un libro di Genna, scrittore, lettore, intellettuale milanese noto a chiunque abbia un minimo interesse per i libri e per la rete. "Nel nome di Ishmael" era da almeno un paio d'anni a prendere polvere nel cumulo entropico che è la sezione 'da leggere' della mia libreria, mai realmente sprofondato tra i libri che non leggerò mai, ma finora sempre privo del colpo di reni che mi portasse a prenderlo seriamente in mano. Ora l'ho fatto, e ho fatto bene. Mi sono trovato a leggere un vero noir, genere in Italia più citato che realmente praticato, perché spesso scambiato con polizieschi magari ottimi, ma di stampo "classico" e consolatorio. In questo caso invece di consolatorio c'è ben poco, il mood è cupo, disilluso, acre; il piano narrativo si sviluppa su due linee temporali -l'inizio degli anni '60 e il marzo del 2001- distinte, ma profondamente legate, dal dipanarsi a Milano, e dall'allucinante e maestoso quadro complessivo in cui si inseriscono. I fili narrativi sono tesi allo spasimo, giovani ispettori dalle intuizioni fulminanti, scenari internazionali, giri sadomaso, servizi segreti onniscienti e insabbiatori, potenti internazionali, simbolismi esoterici: nello scenario dipinto c'è veramente di tutto, ma tutto si mantiene ad altissimo livello di verosimiglianza, e girata l'ultima pagina è più facile crederci che non crederci: segno che il libro è davvero grande.

  • User Icon

    Albys

    20/11/2005 10.55.08

    Giuseppe Genna è la risposta italiana alla domanda: ci potrà mai essere qualcuno che sappia coniugare qualità linguistiche di alto livello a conoscenze e capacità adatte a costruire trame noir di difficoltà e ambizione in Stile-Ellroy? Ebbene, Genna è la risposta che più si avvicina ad un SI’. Non fate caso ai giudizi acidi che leggete in giro, frutto di antipatie personali che il personaggio “estremo” suscita con facilità. Ho letto su di lui delle colossali bufale letterarie che hanno radici soltanto nella stupidità o nell’invidia. Io valuto uno scrittore per quello che fa, non per quanto mi sta simpatico. Nel nome di Ishmael è un romanzo di grandissima portata, non scevro da alcuni (piccoli) difetti ma assolutamente inedito nel panorama narrativo italiano e per molti versi straordinario. Non è un caso che abbia raccolto più consensi all’estero che da noi, vista la nostra rinomata puzza sotto il naso da letterati salottieri. Se uno ama e desidera leggere un noir d'autore con sfondo sociale, qui vi trova tutta l’essenza: l’atmosfera è sempre pesante, cruda, impietosa. L’intreccio narrativo è ampio e complesso, spalmato dentro una elaborazione fantasiosa (ma estremamente credibile) sulla storia reale degli ultimi 40 anni mondiali. Il tutto in un modo competente e con un uso del linguaggio che evoca immediatamente Ellroy. La medesima sensazione di trovarsi di fronte e personaggi veri, a complotti possibili, a realtà e ambientazioni spesso disumane ma purtroppo all’ordine del giorno delle cronache più attente. Nonostante il libro sia un malloppo di oltre 500 pagine, mai, dico MAI, ho trovato una pagina dove mi nascesse un dubbio o una contrarietà per quello che l’autore mi stava propinando. Solitamente questa sensazione la provo solo con i Grandissimi. Lo stile e la prosa di Genna sono superlativi: semplicemente il ragazzo sa fare di tutto. Lirico, secco, spietato, introspettivo, didascalico o fantasioso, il linguaggio di Genna accompagna alla grande una storia che soddisferà ampiamente gli appassionati del genere.

  • User Icon

    Antonio Montellanico

    07/11/2005 16.37.22

    Agghiacciante, ipnotico, imbarazzante per il suo malsano fascino. Metallico e "lattiginoso" al contempo, come le luci migliori di Genna. La cosa più bella è che dopo vuoi sapere di più. Tutto. L'Italia. La Storia.

  • User Icon

    Antonio Scorsone

    01/08/2005 12.38.24

    Un romanzo davvero entusiasmante. Ishmael è grande perchè grande è Genna !!!!!

  • User Icon

    michele

    14/03/2005 18.54.50

    spettacolare! ishmael è grande

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione