Categorie

Gennaro Sasso

Editore: Il Mulino
Edizione: 2
Anno edizione: 1993
Pagine: 512 p.
  • EAN: 9788815032584

scheda di Bongiovanni, B., L'Indice 1994, n. 4

Impossibile qui, in poche righe, render conto di questo monumento della letteratura critica su Machiavelli. Il primo volume, peraltro, tanto apprezzato da suscitare una gran quantità di discussioni e da essere considerato internazionalmente un classico sull'argomento, è noto sin dal 1958 e dalla riproposta ampiamente rivista del 1980. Il secondo volume, invece, intende riparare una "lacuna" e scrivere la "parte" che al libro mancava. È dunque nuovo. Al centro sono le "Storie fiorentine", il testo a cui, a partire dall'ultimo scorcio del 1520 Machiavelli pose mano per affrontare la storia della città dalle origini sino alla morte di Lorenzo de' Medici. Sasso sostiene che si tratta ancora di un'indagine sul pensiero politico, ma basta avventurarsi nella lettura per avvertire che qui è proprio in gioco anche la "storia della storiografia". E con essa il confronto tra passato e presente (ad esempio tra impero romano e "tempi presenti"), nonché il cortocircuito che lo storico tra essi inevitabilmente produce. E poi ancora lo scontro tra soggetti portatori di interessi contrastanti, la "divisione" del tessuto civile, il tumulto dei Ciompi, il conseguente dramma dei Ciompi e il governo dei Medici. Il tutto assecondando i ritmi machiavelliani di una fenomenologia storica esemplare. Anche le "Storie fiorentine", grazie a questo secondo volume, possono ora avvalersi di un commento competente e minuzioso.