Traduttore: E. Ganni
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 25 novembre 2014
Pagine: 534 p., Brossura
  • EAN: 9788806222772
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 11,34
Descrizione
Non sa come si chiama, né da dove viene. Non ha casa, soldi, memoria. Non gli restano che una ferita d'arma da fuoco a una spalla e un nome tatuato sul palmo della mano: Noah. Febbraio, Berlino. Insieme a Oscar, Noah fa la coda fuori da un asilo per senzatetto. Ma non sa se il suo nome sia davvero Noah, né se lui sia davvero un barbone. Sa di parlare tedesco con un accento strano, e che Oscar - senzatetto vero, fissato con la numerologia e le cospirazioni l'ha trovato agonizzante vicino a dei binari. Ma come recuperare la memoria? Come capire chi è e perché qualcuno ha tentato di ucciderlo? Se Noah potesse prevedere il vortice di eventi in cui lo trascinerà la ricerca del passato, forse rimarrebbe in quella coda. Ma l'istinto - il suo istinto di soldato addestrato, forse di killer - lo spinge ad andare avanti; e nella caccia adrenalinica alla verità Noah scoprirà che a rischiare di morire, insieme a lui, sono milioni di persone in tutto il mondo.

€ 17,85

€ 21,00

Risparmi € 3,15 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuly

    30/10/2018 08:38:28

    Ammiro molto gli autori che osano uscire dai loro canoni consueti per sperimentare qualcosa di nuovo evitando così di fossilizzarsi; con tutta la buona volontà, però, non riesco proprio ad attribuire a questo libro un punteggio più alto. Troppa confusione, troppa carne al fuoco, troppi messaggi di denuncia. Assolutamente non all'altezza di tutti gli altri fantastici thriller di Fitzek.

  • User Icon

    NicMa

    30/10/2017 12:59:58

    Un libro brutto e fastidiosamente ruffiano. Sconsigliato in toto, soprattutto perché non ha nulla del vero "stile Fitzek" che invece si può gustare appieno nei suoi romanzi editi in Italia da Elliot.

  • User Icon

    Elena

    26/09/2017 14:56:01

    Bello, avvincente, non scontato. Consigliatissimo.

  • User Icon

    cantarstorie

    05/10/2016 12:21:44

    Una delusione, nel percorso di lettura dei romanzi di Fitzek, spesso folgoranti, in altri casi... questo è uno di quei casi. Una trama che si stiracchia, s'allunga, si disperde. Fino all'ultima pagina, senza l'ombra di un sussulto. Peccato.

  • User Icon

    Umberto75

    31/05/2015 12:42:30

    Discreto nulla più: prendete The bourne identity, inferno di Dan Brown, un leggero omaggio a quel capolavoro che è Memento e shakerate il tutto. Verrà fuori un romanzo che si legge in fretta, con qualche colpo di scena "troppo" telefonato ma anche con alcune lacune che non lo fanno diventare un libro "imperdibile".

  • User Icon

    Roberto

    05/02/2015 16:55:29

    I libri di Fitzek li ho letti tutti: alcuni originali, altri meno, tutti inverosimili, acluni mi sono piaciuti altri meno. Questo mi richiama alla mente la battuta di fantozziana memoria sulla Corazzata Kiotiomkin. Diciamo che il romanzo non sta in piedi, per personaggi, situazioni, azioni, la storia in generale. Unico grande merito: si legge rapidamente.

  • User Icon

    Davide

    25/01/2015 12:29:50

    Libro davvero inconsueto di Fitzek, il quale non ha nulla a che vedere con tutti i suoi precedenti. Non voglio soffermarmi sull'aspetto etico/morale, ma vorrei prendere in considerazione il romanzo. Mi è sembrato di leggere Tom Wood, Noah sembrava un po' il sicario Victor, freddo, spietato, calcolatore, ossessivo in ogni singolo particolare. In sostanza davvero un bel libro, dai ritmi frenetici, che non si fa fatica a leggere. Non ho ben capito l'excursus sulla famiglia filippina, e di tutta la realtà dello slum. Non ho dato il pieno dei voti, perchè in qualche tratto la storia è davvero forzata e inverosimile.4/5 consigliato.

  • User Icon

    Carmela

    20/01/2015 14:53:13

    Bastano poche parole, è un libro da leggere...

  • User Icon

    WILLIAM

    16/01/2015 14:19:45

    Premetto che è il primo libro di Fitzek letto. Non mi è piaciuto. Plot inverosimile(che si rifà più alla sceneggiatura di un tv-movie che un romanzo) con personaggi altrettanto inverosimili, superficiali e stereotipati (l'amico grassottello e mattocchio, la cattiva bellissima e crudele...lo scienziato milionario con la sala operatoria del Mount Sinai Hospital sul suo Boing 747...ecc). le scie chimiche, il gruppo BILDERBERG, la fame e le malattie non sono temi nuovi per nessuno. Tutto veramente esagerato.

  • User Icon

    augusta

    28/11/2014 14:33:07

    Romanzo molto intenso.Dopo un inizio di matrice tipicamente giallistica (con colpi di scena a ripetizione e opportune sospensioni della narrazione, che stimolano il lettore a proseguire pagina dopo pagina nello sviluppo della vicenda), esso assume la fisionomia di un libro-denuncia sui danni prodotti da un sistema economico teso alla massima crescita (e, di conseguenza, alla massima distruzione delle risorse) e sulle possibili vie d'uscita da questa fosca situazione. Il tutto nel consueto stile scorrevole ed accattivante di Fitzek, che rende lieve la lettura. Da non perdere la postfazione dell'autore.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione