Non dimenticare chi sei

Yaa Gyasi

Traduttore: V. Bastia
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 aprile 2018
Pagine: 334 p., Brossura
  • EAN: 9788811602484
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

«Una voce di incommensurabile talento.» - The New York Times

«Una storia che strappa il cuore. Un romanzo che vi sarà impossibile dimenticare. » - The Washington Post

Effìa è nata in una notte di fuoco. Le fiamme dal bosco si sviluppano veloci senza sosta, travolgendo ogni cosa al loro passaggio. Ma lei, più forte, è sopravvissuta. Nonostante sua madre sia stata costretta a fuggire lontano da lei. Pochi anni dopo, in un villaggio vicino, nasce Esi. Amata e protetta dalla sua famiglia, cresce felice fino al giorno in cui tutto cambia all'improvviso. Due donne e un legame indistruttibile. Perché Effia ed Esi sono sorelle. Ma non lo sanno. E non lo sapranno mai. Non sapranno mai che quella collana che entrambe portano al collo è l'unica cosa che rimane loro della madre: un ciondolo di pietra nera che luccica come se fosse ricoperto di polvere d'oro. Un ciondolo in grado di dare conforto e speranza. Il destino le trascina distanti l'una dall'altra. Effia sposa di un governatore inglese, Esi venduta come schiava negli Stati Uniti. Eppure quello che le unisce va oltre il tempo, le distanze, le curve della vita. E generazione dopo generazione, decennio dopo decennio, quest'eredità fatta di opposti viene accolta da due ragazzi: Marcus e Marjorie. Non sanno nulla del loro passato, le loro origini si perdono in vecchi racconti e leggende. Non sanno che hanno il compito di riannodare quel filo spezzato anni e anni prima. Ma sanno che senza radici non si può costruire nessun futuro. Bisogna sapere da dove si viene per ritrovare sé stessi. Insieme sono pronti a farlo. Perché il ciondolo di pietra nera che Marjorie possiede, con Marcus accanto, vibra sulla pelle come se volesse raccontare una storia. Una storia che sepolta freme per tornare alla luce. Una storia sulle infinite strade che può percorrere il destino. Una storia sulla ricerca delle proprie radici. Una storia sull'amore che dà il coraggio di trovare risposte. Perché il futuro nasce dal passato. E solo conoscendo le nostre origini possiamo incamminarci verso il nuovo giorno.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mara regonaschi

    18/01/2018 13:00:30

    Storia che partendo dal XVIII secolo e dalla nascita di 2 sorelle in un piccolo villaggio africano della Costa d'Oro (che mai però si conosceranno), ne segue i destini, così diversi, e le generazioni, fino quasi ai giorni nostri. E nel farlo racconta la storia del "popolo nero", delle atrocità della schiavitù praticata dai bianchi ma anche dagli stessi africani, delle lotte di sopravvivenza e affrancamento, del razzismo e della discriminazione che qualsiasi uomo nero ha subito, anche se, come insegna la storia, la crudeltà dell'uomo si spinge addirittura oltre e non ha a che fare solo con il colore della pelle. E' un bellissimo romanzo storico, sull'importanza del passato e della nostra lontana essenza.

  • User Icon

    nihil

    23/11/2017 07:59:53

    Un maldestro tentativo di emulare RADICI di Alex Haley. Ne risulta un testo confuso e improbabile, le descrizioni sono un frullato di luoghi comuni.I protagonisti neri parlano come americani di oggi.

  • User Icon

    Teresa (Fall in books blog)

    25/09/2017 10:05:35

    Il libro è un susseguirsi di storie, raccontate in prima persona, di uomini e donne neri, in particolare della Costa d’Oro, a partire dal 700 fino ai giorni nostri. Si parla di schiavitù, di donne vendute per pochi spiccioli e uomini trattati come nullità, costretti a lavorare prima nelle piantagioni e poi nelle miniere, dai bianchi. Dagli inglesi innanzitutto e poi anche da altri. Uomini bianchi che arrivavano in questi villaggi e rubavano la dignità di migliaia di persone colpevoli soltanto di vivere in un posto ricco di risorse e di avere la pelle di un colore diverso. Ho letto di cattiverie e meschinità indicibili, ho letto di voglia di riscattarsi e ho letto di persone che sono fiere di avere quel colore della pelle e fanno di tutto per vivere una vita normale in un mondo che invece di unire divide, sempre. In un mondo dove i neri hanno un destino già scritto, difficile da cambiare, impossibile da dimenticare. Queste storie sono dolorose, sconcertanti, e sono scritte così bene che riescono ad entrarti dentro con prepotenza. Ti sconvolgono. Mi è capitato spesso mentre leggevo di sentire un monito salirmi dalle viscere che mi spingeva a voler fare qualcosa di concreto per quelle persone di cui stavo leggendo la vita. E soprattutto mi sono chiesta spesso il motivo di tutta quella cattiveria. Non sono riuscita a darmi una risposta. Pian piano mi ha preso sempre più. Ogni storia ti travolge e poi termina lasciandoti così, inerme e spesso piena di domande. Le risposte però fortunatamente sono sempre nei racconti successivi. Nulla è lasciato al caso. La struttura mi ha colpita molto e mi è piaciuta subito. Mi ha incuriosita continuamente questo dover scoprire pian piano la vita dei protagonisti attraverso le storie dei loro figli e dei loro nipoti. La prosa è ottima e le parole sono sempre quelle giuste. Descrivono, raccontano e rievocano in modo ottimale.

Scrivi una recensione