Non dirmi che hai paura

Giuseppe Catozzella

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 maggio 2015
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788807885747

96° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    05/06/2018 00:48:49

    Il libro è molto interessante. Mi piace molto

  • User Icon

    alex

    24/04/2018 11:09:01

    Un libro necessario in questo tempo e in tutti i luoghi. Un inno a non mollare mai ed uno schiaffo alle nostre certezze.

  • User Icon

    mara regonaschi

    28/03/2018 07:37:12

    Con una scrittura semplice e scarna, viene narrata la storia vera di una ragazzina somala che, malgrado povertà e guerra civile, corre, corre, con una passione e una tenacia che la portano presto a vincere gare nazionali e a partecipare, giovanissima e impreparata, alle Olimpiadi di Pechino. Esperienza che le consente per la prima volta di uscire dal proprio Paese, di prendere un aereo, di avere un bagno, di mangiare come "un'atleta", di correre anche senza velo. Ma per vivere il suo vero sogno, le Olimpiadi di Londra, alle quali vuole arrivare allenata e ben preparata per competere anche con i suoi miti, decide di intraprendere il Viaggio, prima attraverso il deserto e poi attraverso il Mediterraneo, verso l'Italia, verso l'Europa, verso la libertà. Senza paura. Un viaggio che dura oltre 18 mesi e che non si concluderà mai per Samia, come per tanti altri, perché muore nelle nostre acque. Un finale struggente e dolorosissimo, un libro che dovrebbe essere letto anche nelle scuole, per sapere come succede e perché l'accoglienza non può essere negata.

  • User Icon

    Ros

    17/03/2018 10:20:50

    Libro estremamente commovente che ci fa una minima idea di come vivono difficoltà le popolazioni civili sottoposte a dittature guerre, e di quanto sia importante non uccidere i sogni dei bravi ragazzi che si ribellano

  • User Icon

    Lorenza

    13/03/2018 09:42:32

    Stiamo vivendo un buio periodo storico. Buio perché non conosciamo quello che succede aldilà del nostro piccolo mondo. Buio e cieco periodo perché ci fidiamo di quello che ci raccontano politico che sfruttano la nostra ignoranza. Beh questo libro accende la luce, ci ridà la vista è ci dà la consapevolezza che sapendo possiamo aiutare. Mi ha scioccato. Ma voglio continuare con letture simili perché voglio sapere, voglio conoscere per educare i miei figli a non essere ciechi e sciocchi

  • User Icon

    Melissa

    07/08/2017 12:52:58

    Scorrevole, diretto ed appassionante, è un romanzo che ricostruisce la storia di una ragazza somala, i suoi sogni i suoi desideri e le difficoltà che ha affrontato per tentare di realizzarli. Molto attuale.

  • User Icon

    Giuseppe

    06/06/2017 19:26:47

    Il libro racconta la storia vera di una ragazza nata e cresciuta in Somalia, dove la guerra e il fondamentalismo entrano con prepotenza e violenza nella vita quotidiana, limitando la libertà soprattutto della donna. Samia non vuole rinunciare al suo sogno di correre e vincere le olimpiadi. Decide di non avere paura per riscattare anche il suo paese. Una storia che fa riflettere sul problema dei migranti che scappano dall'orrore della guerra, raccontando il lungo viaggio verso la speranza.

  • User Icon

    Charly

    21/03/2017 08:14:24

    Pulito, ben scritto e appassionante. Se rimango sveglio fino alle tre di notte per finire un libro che non è un noir e di cui già conosco il finale, è segno che quel libro è stato scritto col cuore.

  • User Icon

    Clara

    10/09/2016 14:08:45

    Questo libro mi ha lasciato sensazioni un po' contrastanti. Da una parte ho trovato molto interessante la storia di Samia, che io non conoscevo; per questo vale la pena leggerlo. Dall'altra però non mi è piaciuto lo stile; l'autore parla in prima persona, come se fosse Samia a raccontare tutto - invece non è così. Penso che sarebbe stato meglio se l'autore avesse fatto parlare qualcun altro o scritto un libro come un vero romanzo. Nel complesso, 5 per il tema, 2 per lo stile.

  • User Icon

    Gianfranco

    28/08/2016 11:49:18

    A me è piaciuto tantissimo. Davvero commovente e ben scritto.

  • User Icon

    cristina

    22/07/2016 16:38:42

    La prima parte del romanzo mi è risultata faticosa, noiosa, ma è stato poi un crescendo, fino alla fine. Scrittura semplice e scorrevole, buona la strutturazione della storia, con il giusto ritmo dei tempi. La cosa per me sorprendente di questo libro è che mi ha spinto a saperne di più della storia di Samia e delle sue vicissitudini; raramente ci si sente coinvolti in storie che sanno di già visto, già sentito, già letto (purtroppo drammaticamente). Non so quanto la storia sia stata romanzata e quanto invece rispecchi la verità; non so dire se sia un libro furbetto o meno, ma posso dire che mi ha lasciato qualcosa, ed è già molto di questi tempi letterari.

  • User Icon

    RICCARDO

    18/06/2016 23:33:00

    Difficile mettersi nei panni di una ragazzina somala che ama correre in un paese devastato dalla guerra. Catozzella riesce a descrivere molto bene la storia di Samia, riesce a farti emozionare e riflettere. Bellissimo libro.

  • User Icon

    Carol

    02/06/2016 11:21:12

    Libro furbetto, come lo hanno definito altri lettori accorti prima di me, fatto per commuovere il grande pubblico. L'autore ha ricostruito la storia di Samia attraverso le testimonianze di chi l'ha conosciuta, ma il limite è che la racconta con la voce della ragazza, in prima persona, senza averla mai nemmeno incontrata. Impossibile raccontare con verosimiglianza i pensieri di una bambina somala di 8 anni se non lo sei stato anche tu, e per quanto puoi esserti documentato e aver vissuto a lungo in quei posti a contatto con quella realtà (come racconta lo stesso Catozzella) non puoi arrivare a diventare tu scrittore la voce narrante del protagonista. Per cui ne esce una prosa a volta banale, a volte stucchevole, a volte epica. Quale bambina così piccola ha una maturità di pensiero e di linguaggio del genere? Tutti i personaggi della sua famiglia sono così edulcorati e pieni di saggezza da sfoderare frasi e pensieri profondi ogni poche righe. Alla fine ne esce un racconto poco verosimile di una storia che invece è vera. Secondo me avrebbe funzionato meglio se fosse stato scritto come resoconto giornalistico piuttosto che come romanzo, perché la storia c'è, è potente, può risvegliare le coscienze e aiutare a guardare oltre la banalità e la retorica il dramma dell'immigrazione. Ma qui ciò che fa presa è l'effetto "cacciatore di aquiloni": vicende di vita vera, così drammatiche, ingiuste e lontane da noi, che non possono non suscitare forti emozioni in chi le legge, ma che non necessariamente fanno di chi le racconta uno scrittore. Secondo me Catozzella dovrebbe scendere dal piedistallo dove si è messo o l'hanno messo. Un po' di modestia, anche durante le presentazioni dei suoi libri, non nuocerebbe alla causa. Non siamo tutti masse incolte che hanno bisogno di essere erudite e illuminate dai suoi libri.

  • User Icon

    gilda pucci

    03/01/2016 18:05:22

    Troppo semplice dicono. Invece penso che sia proprio questo il bello di questo libro, è perfetto per i giovani ragazzi. Può essere letto da tutti, anche se è vero che per gli adulti potrebbe risultare un po' banale e piatta. Purtroppo è una storia vera, Samia e tutti coloro che sono morti durante il viaggio staranno sempre nei miei pensieri

  • User Icon

    Isabella Mancino

    29/05/2015 16:31:43

    Libro meraviglioso, scritto benissimo. Complimenti all'autore che è riuscito a descrivere situazioni, sogni, realtà, emozioni, viaggi, come se li avesse vissuti in prima persona. Lavoro in Caritas da 11 anni e sono tutti i giorni a contatto con storie drammatiche, ma rileggerle su un libro scritto così bene, mi ha aiutato ancora di più a comprendere più nel profondo le persone che incontro ogni giorno. Ringrazio di cuore l'autore per la capacità di empatia. Spero che questo libro venga letto da tutti coloro che non comprendono e non capiscono cosa vuol dire vivere in contesti di guerra e sono COSTRETTI a partire, loro malgrado, anche se preferirebbo vivere nella loro terra. GRAZIE GIUSEPPE CATOZELLA

  • User Icon

    Maria Teresa Farina

    22/01/2015 18:51:37

    Ho letto prima alveare,poi non dirmi che hai paura.In entrambi i casi ho riso,pianto,sognato e presa reale coscienza dei temi affrontati. Grazie,ho divorato le pagine ,leggendo i libri due volte,per catturare e memorizzare cio' che piu' mi ha colpito.Sono rimasta affascinata dallo stile semplice,ma forte e contenta per averle potuto manifestare le emozioni provate. Terry-Terremoto

  • User Icon

    TIZIANA

    20/01/2015 21:58:07

    ci sono tanti aspetti che toccano sia la vita personale che quella politica. Tanto affetto, amore, amicizia. E separazioni come lame di coltello nel mio dolore provato tante volte a partire da quando ero piccola... Sì, poi la guerra, gli integralismi, la sorte delle donne, il Viaggio. Tutte cose che si sanno, ma leggerle lì, come quando ho visto "Io sto con la sposa", mi ha fatto "prendere le misure"/toccare con mano...notevole libro ed il finale è una autentica PUGNALATA!

  • User Icon

    Francesca

    04/12/2014 16:04:50

    Ho comprato il libro solo dopo aver letto i tutti i commenti. E mi piacerebbe capire il perchè di alcuni commenti negativi; non me li spiego proprio. Assolutamente da leggere e regalare

  • User Icon

    Alberto

    17/11/2014 21:41:35

    Apprezzamenti positivi meritati, scrittura scorrevole, ti avvince e non lo chiudi finchè non l'hai finito, dovrebbe essere letto da certe persone, purtroppo è tutto vero quello che abbiamo letto, parlo del "Viaggio", ovvio, quanto dolore sofferenza, determinazione, cattiveria. C'è tutta la miseria dell'umanità, sia nei carnefici che nelle vittime. Non l'ho trovato affatto furbetto o un'imitazione d'altri best sellers.

  • User Icon

    Jacopo

    12/11/2014 09:59:03

    Commuovente e ben scritto. Poi il fatto che sia una storia vera coinvolge ancora di più, ma do quattro stelle perché in certi passaggi ho realmente sofferto ed è una cosa che spesso ci si trova a fare, ma che non mi andava di fare.

Vedi tutte le 41 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione