Le nostre anime di notte - Kent Haruf,Fabio Cremonesi - ebook

Le nostre anime di notte

Kent Haruf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Fabio Cremonesi
Editore: NN Editore
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 401,18 KB
Pagine della versione a stampa: 171 p.
  • EAN: 9788899253578
Salvato in 62 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È nella cittadina di Holt, Colorado, che un giorno Addie Moore rende una visita inaspettata al vicino di casa, Louis Waters. I due sono entrambi in là con gli anni, vedovi, e le loro giornate si sono svuotate di incombenze e occasioni. La proposta di Addie è scandalosa e diretta: vuoi passare le notti da me? Inizia così una storia di intimità, amicizia e amore, fatta di racconti sussurrati alla luce delle stelle e piccoli gesti di premura. Ma la comunità di Holt non accetta la relazione di Addie e Louis, che considera inspiegabile, ribelle e spregiudicata. E i due protagonisti si trovano a dover scegliere tra la propria libertà e il rimpianto.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,24
di 5
Totale 126
5
64
4
39
3
14
2
8
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ire

    17/09/2020 06:00:16

    Così delicato ma così intenso e pieno di emozioni. Due anime che si incontrano di notte, ormai anziane, e che si raccontano la vita, al buio, tenendosi per mano. Mi sono commossa di questa semplicità, di questi due vedovi che vivono in punta di piedi, che non hanno ancora perso la voglia di condividere sogni e desideri uno con l'altro. Una storia d'amore particolare: chi dice che durante la terza età non ci si possa innamorare di nuovo? Chi li approva e chi li deride? Un romanzo che va oltre le maldicenze della gente di Holt, che dimostra che tutto è possibile, anche rivivere la giovinezza e l'amore. L'amore non ha età. "Mi chiedevo se ti andrebbe qualche volta di venire a dormire da me." "Cosa? In che senso?" "Nel senso che siamo tutti e due soli. Ce ne stiamo per conto nostro da troppo tempo. Da anni. Io mi sento sola. Penso che anche tu lo sia. Mi chiedevo se ti andrebbe di venire a dormire da me, la notte. E parlare. Sto parlando di attraversare la notte insieme. Le notti sono la cosa peggiore, non trovi?"

  • User Icon

    Tonia

    06/09/2020 06:16:07

    Delicato e profondo, non so riassumerlo, assolutamente da leggere assaporando ogni pagina.

  • User Icon

    LaFe

    24/08/2020 14:22:14

    Non all'altezza della Trilogia della Pianura, che invece mi è piaciuta moltissimo.

  • User Icon

    Berta

    02/08/2020 17:05:30

    Una rivelazione, delicato, profondo, forte e leggero allo stesso tempo, un libro da leggere per sentirsi meglio.

  • User Icon

    Carla

    02/07/2020 08:36:03

    Un libro molto triste e malinconico. Mi è venuta voglia di cambiare il finale però.

  • User Icon

    antonella

    19/05/2020 17:41:39

    Quanto bellissimo può essere un incontro fra due anime gentili! "le nostre anime di notte"di Haruf descrive questa magia,semplicemente. Quanto ho desiderio di chiacchierare con un uomo gentile e profondo! Chi volesse, mi trova al atcavarretta@gmail.com attendo....posta. Antonella 55

  • User Icon

    marimè

    17/05/2020 20:54:59

    Le nostre anime di notte è un romanzo di amore, intimità, amicizia, piccoli gesti di premura. Delicato e poetico, ho trovato il libro interessante e piacevole da leggere anche se magari mi aspettavo qualche piccola discussione profonda sulla vita sotto le stelle, ho comunque apprezzato il valore che lo scrittore ha dato agli attimi di vita quotidiana che i due protagonisti sessantenni hanno deciso di condividere. Una piccola perla!

  • User Icon

    F

    17/05/2020 20:47:36

    Se ancora non avete letto nulla di Haruf recuperate al più presto un suo titolo perchè poi non potrete più farne a meno. Questo romanzo racconta una storia d'amore al tramonto della vita, quando l'amore comincia ad assumere quel significato d'infinito.

  • User Icon

    Pat

    17/05/2020 09:51:12

    Quanto è bello questo romanzo? Delicato, tenero, pieno di speranza. Una coccola che rinfranca e fa stare bene prima di spegnere la luce e dormire. Nostalgia e malinconia, vecchiaia e fine della vita per il capolavoro di Kent Haruf.

  • User Icon

    silvia

    16/05/2020 10:56:04

    Dopo aver letto e apprezzato la trilogia della pianura, questo romanzo non mi ha delusa. È la storia di un amore tra due persone già in la con gli anni, entrambi soli e che forse non si aspettavano più niente. Commovente , da non perdere.

  • User Icon

    Fabrix

    15/05/2020 20:28:49

    Bello, però per il mio animo romantico avrei preferito un finale diverso, di Haruf ho preferito la trilogia!!!

  • User Icon

    silvia

    14/05/2020 14:23:26

    Kent Haruf si contraddistingue, in ogni suo lavoro, per una leggerezza e una delicatezza nella prosa che, inevitabilmente, ci incanta e stupisce. I due anziani protagonisti sono di una semplicità e tenerezza disarmanti, impossibile non provare empatia. Le nostre anime di notte è un libro breve e scorrevole che compensa il suo esiguo numero di pagine con una narrazione apparentemente semplice ma che, per il modo in cui viene raccontata, si rivela essere immensa.

  • User Icon

    Antonella 55

    14/05/2020 14:16:53

    Cosa dire di più, rispetto a ciò che già è stato apprezzato? Sono come Addie....desiderosa di chiacchierate notturne e non, con un uomo gentile.....sarebbe meraviglioso! Sono qua atcavarretta@gmail.com....attendo spudoratamente un messaggio!

  • User Icon

    giulia

    13/05/2020 21:53:36

    La brevità di questo libro purtroppo non gli consente di essere efficace. L'autore non ha dedicato abbastanza tempo a costruire il rapporto fra i due personaggi e questo mi ha dato l'impressione di una vicenda buttata lì senza motivo. Le motivazioni dei personaggi e i conflitti che derivano dalle loro azioni sono descritti troppo superficialmente, a mio parere, e diventano incomprensibili. L'intera storia mi ha dato la sensazioni di un'insieme di fatti mal collegati di cui non si mostravano mai le dinamiche profonde.

  • User Icon

    Merib

    13/05/2020 12:17:43

    Haruf è stata una delle più belle scoperte degli ultimi anni, tutti i suoi libri sono bellissimi, è incredibile come sia stato capace di descrivere tutte le sfaccettature dell'uomo, il mondo in generale e di emozionare con una unica ambientazione: la città di Holt. Parla di persone apparentemente semplici ma che hanno sempre tanto da raccontare. 'Le nostre anime di notte' parla di due persone che si incontrano nell'ultima stagione della vita e trovano, ma non del tutto purtroppo, il coraggio di andare contro le convenzioni. Haruf va letto, però consiglio prima di questo gli altri suoi libri

  • User Icon

    Nausifane

    12/05/2020 20:18:59

    Commovente, ma non stucchevole. Delicato e denso di emozioni ben raccontate.

  • User Icon

    Chiara

    12/05/2020 12:55:40

    Un romanzo che fa riflettere. Il pregiudizio, il pensiero altrui... Se solo la smettessimo di dargli importanza! La storia degli attempati Addie e Luis mi è rimasta nel cuore. La storia che davvero non mi aspettavo.

  • User Icon

    Cinzia

    12/05/2020 12:09:53

    Libro delicato che tratta di un argomento spinoso quale è la vecchiaia. Il romanzo narra della storia di due anziani, Addie e Louis, che vivono nella cittadina di Holt e che decidono di frequentarsi in quanto rimasti entrambi vedovi. Inizia così una dolce amicizia in cui i due anziani si raccontano del passato e vivono appieno il loro presente, che presto vedrà l'arrivo del nipotino di lei a riempire ulterirmente le loro vite. I due non vivono però isolati per cui la storia vedrà degli alti e dei bassi, tra benpensanti e figli che rivendicano l'attenzione genitoriale. Molto bello e particolare anche per la scrittura priva di fronzoli e molto diretta.

  • User Icon

    Silvia Moe

    12/05/2020 08:59:54

    Libro di una dolcezza infinita. Questo libro è una coccola di lettura. Estremamente dolce e descrive l'amore vero.

  • User Icon

    Angela

    12/05/2020 08:09:54

    Uno dei libri più sopravvalutato degli ultimi periodi. Riscoperta di un autore dimenticato che poteva restare tale.

Vedi tutte le 126 recensioni cliente

Lontanissimo dai barocchismi e dalla logorrea del post-moderno, Haruf è stato il maestro della rarefazione. I suoi personaggi sono calmi e silenziosi nonostante l’oscurità che li avvolge. Il registro semplice e trasparente, a tratti monocorde, pare guidare con cautela questi eroi del quotidiano dalle tenebre del Midwest verso la luce, nella fattispecie verso una lampada, quella che rischiara la camera da letto in cui è ambientato questo romanzo di Haruf.

Come nella trilogia della pianura, anche quest’opera è ambientata a Holt, piccola cittadina fittizia del Colorado. I protagonisti sono Addie e Louis. Entrambi vedovi, entrambi assuefatti alla solitudine. Louis fa il primo passo e chiede al vicino di casa di dormire con lei, senza implicazioni sessuali, per combattere insieme l’assordante silenzio della notte.

La camera da letto condivisa diventa teatro di confessioni. Mai urlate, ma accennate delicatamente, con quell’intimità commuovente e realistica che è stata il tratto inconfondibile dell’intera opera di Haruf. Brevi flashback, mano nella mano, con il resto del corpo distante, alla ricerca di candida tenerezza. Vietato cedere ad altri impulsi che rovinerebbero l’ottima conversazione.

Non c’è una parola che suoni finta nei dialoghi tra i due personaggi. Parole franche, semplici e trasparenti, ma mai prevedibili o ipocrite, come la prosa di Haruf d’altronde.

Molti romanzi si preoccupano di descrivere personaggi alla ricerca della felicità. Haruf non cede a questa tentazione. L’autore si preoccupa di mostrare l’imprevedibile onnipresenza della felicità, piccolo faro che rischiara le altrettanto onnipresenti miserie del quotidiano, piccolo quanto questo gioiello postumo che incorona l’indiscutibile bravura di uno dei più grandi scrittori del ventesimo secolo.

Recensione di Matteo Rucco

 

  • Kent Haruf Cover

    Kent Haruf (1943-2014), scrittore americano, dopo la laurea alla Nebraska Wesleyan University ha insegnato inglese. Prima di dedicarsi alla scrittura ha svolto diversi lavori, come operaio, bracciante, bibliotecario. Grazie ai suoi romanzi, tutti ambientati nella fittizia cittadina di Holt, ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Whiting Foundation Award e una menzione speciale dalla PEN/Hemingway Foundation. Con il romanzo Il canto della pianura è stato finalista al National Book Award, al Los Angeles Times Book Prize, e al New Yorker Book Award. Con Crepuscolo, secondo romanzo della Trilogia della Pianura, ha vinto il Colorado Book Award, mentre Benedizione è stato finalista al Folio Prize. Approfondisci
Note legali