Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il nostro tragico universo - Carla De Caro,Scarlett Thomas - ebook

Il nostro tragico universo

Scarlett Thomas

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Carla De Caro
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 633,25 KB
Pagine della versione a stampa: 381 p.
  • EAN: 9788854126510
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 3,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Può una storia salvarci la vita?

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l’autore di “La scienza dell'immortalità”? Quale misteriosa relazione unisce una strana creatura apparsa a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all’uncinetto e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter si barcamena nella vita di tutti i giorni senza porsi troppe domande. Certo, il suo fidanzato è il classico inetto, lei nutre un’insana passione per un uomo impegnato e molto più grande, e arrivare alla fine del mese non è mai una passeggiata. Ma Meg è convinta che interrogarsi sui misteri del suo tragico universo non servirebbe a molto. Fino a quando un improbabile libro di pseudoscienza non le fa cambiare idea. Tra psicologia e tarocchi, filosofia e humour, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Scarlett Thomas ci regala un altro travolgente giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare, appassionare e insieme riflettere sui grandi temi della vita.


Scarlett Thomas
vive a Canterbury, insegna scrittura creativa presso la University of Kent e collabora con diverse testate giornalistiche. Nel 2001 l’«Independent on Sunday» l’ha segnalata tra i venti migliori giovani scrittori inglesi. È stata candidata all’Orange Prize e al South African Boeke Prize e i suoi libri sono stati tradotti in più di venti lingue. La Newton Compton ha pubblicato i romanzi Che fine ha fatto Mr Y., PopCo e L’isola dei segreti, tutti accolti con grande favore dal pubblico e dalla critica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,8
di 5
Totale 5
5
1
4
1
3
0
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mattia

    17/06/2011 15:52:48

    Si può scrivere un romanzo senza storia? Secondo Scarlett Thomas si e questo suo ultimo romanzo ne è l'esempio dichiarato. Anche qui ritroviamo la formula di "Che fine ha fatto Mr y.", ovvero lo sviluppare una storyline infarcendola di accenni,spunti ed assaggi riguardanti varie argomentazioni non sempre collegate al romanzo vero e proprio ma che spesso fungono da mini storie indipendenti. Purtroppo stavolta il risultato è un romanzo inconcludente, privo di fondamenta, una storia che mette in tavola un pò di tutto ma senza arrivare a nulla

  • User Icon

    iaia

    18/05/2011 15:40:22

    sono d'accordo con Ariel, a me e' piaciuto molto, l'ho trovato originale e comunque offre buoni spunti per riflettere sull'amore, sulle relazioni interpersonali, sulle difficolta' economiche di arrivare a fine mese con pochi soldi, sulla materialita' e la fantasia ...insomma... sul ns tragico universo!lo consiglio a chi ha la mente aperta, a chi legge per riflettere e non per evadere dalla realta'.

  • User Icon

    Cristina Rolando

    13/12/2010 12:35:02

    Una cocente delusione : non ha niente a che fare con gli altri tre ,questa volta l'autrice ha fatto un inutile buco nell'acqua .

  • User Icon

    Federico

    06/12/2010 20:56:25

    Ritengo questo lavoro non all'altezza dei precedenti. Un libro che vorrebbe parlare di tantissime cose, dalla filosofia al lavoro a maglia, ma finisce per infiacchirsi su dialoghi esagerati, troppo spartani, secondo me finisce, l'autrice, per guardarsi troppo l'ombelico e la sua prosa ne risente. Amo indagare i segreti della scrittura, ma se non fosse stato per la passione nella ricerca avrei abbandonato il libro. Sono invece proseguito e l'ho letto tutto. Le riconosco la capacità di scrivere, ma anche una leggerezza eccessiva che alla fine ti lascia esausto. Il libro non ha una sua trama precisa, forse questo è il suo maggior difetto, ed il bello è che è voluto. Libro difficile, fatto di dialoghi spesso senza capo né coda, capaci di disorientare anche il lettore più esperto. Sconsiglio la lettura.

  • User Icon

    Ariel

    17/11/2010 13:28:56

    Ormai si sa, Scarlett Thomas o la si adora o la si detesta. Io la adoro. I suoi libri sono pretesti più che storie, pongono domande più che dare risposte, danno spunti, aprono la mente, ti trascinano in un vortice di possibilità, ipotesi, idee, e questo non è da meno. Metanarrativa, relazioni sentimentali, libri di self help, storie zen... tutto questo e altro è oggetto delle riflessioni dell'anti-eroina Scarlett, pardon, Meg. Un antidoto alla noia e alla piattezza intellettuale!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Scarlett Thomas Cover

    Insegna scrittura creativa presso la University of Kent e collabora con diverse testate giornalistiche, in particolare con il New York Times e The Guardian. Nel 2001 l'«Independent on Sunday» l'ha segnalata tra i venti migliori giovani scrittori inglesi. Inoltre ha realizzato testi radiofonici per Radio 4, canale della BBC. Vive a Canterbury. La Newton Compton ha pubblicato in Italia alcuni suoi romanzi tra i quali: Che fine ha fatto Mr Y. (del 2006, tradotto in 22 lingue, finalista all'Orange Prize) e PopCo (2004), accolti con grande favore dal pubblico e dalla critica. Approfondisci
Note legali