Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La notte poco prima della foresta - Bernard-Marie Koltès - copertina

La notte poco prima della foresta

Bernard-Marie Koltès

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Giandonato Crico
Editore: Gremese Editore
Collana: Teatro
Anno edizione: 1990
In commercio dal: 17 marzo 1998
Pagine: 64 p.
  • EAN: 9788876054983
Salvato in 58 liste dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da LIBRIAMO

Solo 3 copie disponibili

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 9,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Essere stranieri. Abbordare un nuovo e giovane amico sotto la pioggia. Avere in cuore una ragazza notturna, un ectoplasma da lungofiume. Odiare gli specchi. Amare le puttane matte. Distinguere il "nervosismo" dei macrò usciti dritti dritti dalle gonne di mamma. Farsi un'idea di qualcuno solo se te lo scopi. E però poi filarsela, senza discorsi. Denunciare la divisione in zone di lavoro settimanale, in zone per le moto, o per rimorchiare, o per le donne, o per gli uomini, o per i froci, e avvilirsi per le zone della tristezza, della chiacchiera, del venerdì sera. L'intelaiatura de La notte poco prima della foresta è un paradigma straordinario, un testo fluentissimo e irto nella sua prosa vertiginosa, aliena da punteggiatura ferma, tutta pervasa di anacoluti e biasimi come un romanzo-pamphlet di Céline. I temi assoluti di questo autore prematuramente scomparso a quarant'anni affiorano in una comunicazione per voce solista, in un poema teatralissimo che senza più la diatriba simbolica di Nella solitudine dei campi di cotone sconta i problemi dell'identità, della moralità, dell'isolamento, dell'amore non facile.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sergio

    16/02/2018 10:04:54

    Ho conosciuto questo autore grazie al monologo di Favino. Davvero interessante e molto attuale, malgrado sia un testo del 1977. L'essere umano non cambia davvero mai, nel bene e nel male.

  • Bernard Marie Koltès Cover

    (Metz 1948 - Parigi 1989) drammaturgo francese. Nelle sue pièce rappresenta situazioni estreme e scabrose, che hanno la cogenza del mito e, tuttavia, suscitano la rivolta nello spettatore. Il suo successo è strettamente legato alla collaborazione con il regista P. Chéreau. Tra le sue opere si ricordano Lotta fra negro e cani (Combat de nègre et de chiens, 1979), Nella solitudine dei campi di cotone (Dans la solitude des champs de coton, 1987), Ritorno al deserto (Le retour au désert, 1988). In Roberto Zucco (rappresentata postuma nel 1990), un giovane assassino è consacrato eroe del nostro tempo. È anche autore di un romanzo, Fuga a cavallo lontano nella città (Fuite à cheval tres lontain dans la ville, 1984). Approfondisci
Note legali