Curatore: G. Spendel
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806178857
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco

    03/03/2016 20:33:32

    un libro che ti emoziona e ti fa capire chi è il sognatore. letto moltissime. compratelo perchè davvero lo riprenderete in mano più e più volte.

  • User Icon

    Stefano Vaglio Laurin

    25/04/2013 23:54:47

    Il protagonista e' un giovane sognatore, non si capisce se di natura o d'intenzione , rassegnato cioe' alla irrealizzabilita' dei suoi desideri . Fatto e'che il Nostro incontra Nasten'ka . Costei piu' che una sognatrice , come essa stessa si dichiara, appare essere un'alienata. La trama del romanzo si estende per sole quattro notti nel corso delle quali i due confessano reciprocamente le proprie inquietudini e dialogano circa l'amore di lei per un inquilino che sta per tornare a prenderla dopo un anno trascorso lontano , necessario pero' a racimolare le fonti di sostentamento per la loro storia sentimentale . Visto che lo sconosciuto non torna, il protagonista decide di dichararsi a Nasten'ka . Tutto sembra mettersi per il meglio tra lui e la ragazza sino a che , il mattino successivo alla quarta notte il fidanzato latitante riappare e Nasten'ka pianta in asso il protagonista. E fin qui la trama. Che interpretazione si puo' dare alle intenzioni di Dostoevskij nello scrivere questo romanzo? Forse che i sogni sono una prigione ed evaderne si rivela un inferno. Il passaggio dall'evanescenza dei desideri alla materialita' della loro realizzazione e' un confine da non varcare. Antagonismo come la notte e il di' ."La notte e' il momento in cui il sognatore trova la sua via. L'alba rappresenta per lui invece la peggior punizione". Queste sono pero' parole di Oscar Wilde. Chissa' perche' mi son tornate in mente chiudendo l'ultima pagina del libro di Dostoevskij.

  • User Icon

    Vito

    20/04/2013 03:15:08

    Un capolavoro, un libro intenso, ove viene discussa la tematica del sentimento.....

  • User Icon

    Lorena

    05/04/2013 21:24:46

    Quattro notti per conoscere bene il Sognatore e Nasten'ka; Lui è solo e vive in un mondo tutto suo, lei ha una nonna assillante ma nel frattempo aspetta l'arrivo di un uomo che vuole sposarla. Si confidano l'un l'altro, lui si innamora di lei segretamente e alla fine le rivela i suoi sentimenti...e ricorderà per sempre quelle quattro notti cosi diverse in tutta la sua vita...

  • User Icon

    Adriana

    14/12/2012 09:42:42

    "Era una notte incantevole, una di quelle notti che succedono solo se si è giovani..." Questo incipit vale, da solo, tutto il libro.

  • User Icon

    Maggie

    21/07/2012 13:46:40

    Se amate la letteratura russa.. non potete assolutamente perdervi le notti bianche di Dostoevskij!

  • User Icon

    Umberto Mottola

    19/05/2012 11:08:37

    Con tutto il rispetto per un grande scrittore come Dostoevskij, questo racconto lungo o romanzo breve, non mi è piaciuto molto. Il protagonista, appunto il sognatore, è uno sfigato che quando è sul punto di aver conquistato una ragazza di nome Nasten'ka, vede spuntare fuori il fidanzato, che sembrava l'avesse abbandonata, e rimane con un palmo di naso. La ragazza dice che se potesse li amerebbe tutte e due e che vorrebbe che il sognatore rimanesse suo amico. Cosa improbabile. Inoltre il nostro sognatore mi sembra che non abbia molta voglia di combinare qualcosa di buono nella vita e che accetti con una certa rassegnazione gli eventi. Lo stile della narrazione è fresco e lineare ma a tratti è piuttosto "teatrale", soprattutto nei dialoghi.

  • User Icon

    maxblues66

    28/06/2010 18:13:17

    Ennesimo romanzo di Dostoevskij letto ed ennesimo capolavoro. Impressionante la sua modernità nello scrivere, nel descrivere le persone, nel descrivere le situazioni calcolando che sono scritti che hanno piu' di un secolo.

  • User Icon

    Carlo

    04/10/2008 22:35:05

    gradevole racconto da leggere se non lo si è mai letto

  • User Icon

    m.e.

    21/04/2008 10:46:52

    mi è piaciuto davvero tantissimo un picolo capolavoro lo consiglio vivamente

  • User Icon

    Roberto

    27/11/2007 23:05:16

    un piccolo capolavoro di Dostoevskij

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione