Traduttore: M. Castagnone
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2016
Pagine: 381 p., Brossura
  • EAN: 9788807031816
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,26

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lapo

    25/10/2017 18:25:18

    Vicende che si susseguono, incompiute e apparentemente sconnesse ma in realtà concatenate da personaggi che si rincorrono, formano il quadro di un’Inghilterra colpita dalla crisi e da una perversa austerità che vede crescere le disuguaglianze geografiche e sociali: da un lato gli impoveriti delle zone centrosettentrionali costretti a umiliarsi ricorrendo ai banchi alimentari da una lato o a mortificanti esposizioni mediatiche; dall’altra i facoltosi, i cui arricchimenti non sempre sono leciti, che fanno dell’opulenza la loro ragione di vita, concentrati nei quartieri ricchi di Londra e attorniati da figure di contorno che vivono di rapacità e di parassitismo finanziario e culturale. E tutte le storie troveranno via via il loro compimento, in un cerchio che si chiude nella riscoperta della dimensione infantile della protagonista principale. Una critica – a volte sottile, altre esplicita – alle ingiustizie sempre più marcate della società britannica, un libro in cui il lettore alternerà leggerezza e inquietudine, assieme a tutto ciò che la prosa fluida di Coe gli saprà comunicare.

  • User Icon

    monica

    03/08/2017 22:38:14

    Non sa più cosa scrivere Coe spara a zero su tutto e tutti. Ci illustra mondi agli estremi con scene disgustose. Non un personaggio è simpatico.banale polemica dul mondo dei ricchie dei poveri con ragni fantascentifici da film dell'assurdo. Non vedevo l'ora di finirlo e l'ho fatto in nome dei bei libri che ho letto di Coe in passato.

  • User Icon

    Massimo F.

    18/01/2017 12:14:40

    Coe è troppo bravo ed esperto. Riesce a trasformare una storia un po’ sconclusionata e senza particolari spunti, in un romanzo godibile e dotato di quella giusta ironia “english” che lui sa gestire benissimo. Racconto spietato, ma in maniera intelligente, verso la società del nostro tempo, con il solito stile pulito e acuminato. Da antologia il passaggio sui reality. Da leggere.

  • User Icon

    Andrea

    30/08/2016 13:53:14

    Il nuovo romanzo di Coe mi ha lasciato abbastanza indifferente. Un buon esercizio di stile e mestiere ma nulla più. Classico libro di intrattenimento, che nulla ha a che vedere con La Famiglia Winshaw e La casa del sonno, quelli sì opere di elevato valore. Non si tratta di una trama unica, ma di una sorta di racconti che hanno in comune qualche personaggio o qualche episodio. Uno scrittore che se lo volesse potrebbe sfornare veri capolavori, ma che invece resta in superficie mischiando personaggi appena abbozzati e trame abbastanza fini a se stesse. In una parola, evanescente.

  • User Icon

    Michela

    09/08/2016 09:05:22

    Dov'è finita la poesia de "La casa del sonno" e le trame avvincenti de "La famiglia Winshaw" e "La banda dei brocchi"? Ad ogni sua nuova pubblicazione mi ostino a comprarlo ma, ahimè, non m'incanta più

  • User Icon

    paola

    25/07/2016 18:39:12

    I personaggi delle storie ruotano attorno al numero undici e rivelano degli intrighi che s'intrecciano tra .Rachel, Allison e i loro famigliari . I segreti e le diversità a volte motivo di scontro ,divengono motivo di amalgama Avvincente storia sui temi del razzismo dell'amicizia con storie a sfondo politico masterpiece della lettura

  • User Icon

    madeleine

    20/06/2016 16:04:00

    Geniale, Coe é tornato a coinvolgere chi lo legge con tutta la sua esuberante capacità letteraria. Ho gustato ogni singola pagina!!!

  • User Icon

    Valerio Avanzi

    05/06/2016 21:08:06

    Non posso credere che Jonatah Coe abbia scritto questo libro. Dimenticate La casa del sonno e sopratutto La famiglia Winshaw, ma anche gli ultimi come la trilogia della La banda dei brocchi, Expo 58 o Maxwell Slim Qui siamo in presenza di un romanzo sconclusionato, scritto male, storie incrociate che mal si intrecciano, personaggi abbozzati e superficiali, una chiosa a dir poco ridicola. Di solito si scrive da non perdere, qui devo scrivere assolutamente da perdere!

  • User Icon

    silvia

    27/05/2016 14:42:36

    Finalmente ritrovo Coe !!! delusa ormai da "Expo 58", "I terribili segreti di Maxwell Sim", "La pioggia prima che cada" mi sono avvicinata a questa sua ultima fatica con molto scetticismo e invece con estremo piacere ho ritrovato l'autore che avevo tanto apprettato alle origini...SI' COE E' TORNATO!, perfettamente caustico e sottile come è il suo stile, lanciando il suo colpo da maestro nella penultima pagina: good job! assolutamente da leggere.

  • User Icon

    cotogno59

    01/05/2016 19:55:42

    Incontro Coe per la prima volta. Alla partenza mi incuriosisce, poi via via scende un pò di tono, per poi riprendersi con abilita !!! Non risparmia critiche al governo britannico in auge in quegli anni, e disegna personaggi alcuni pieni di cinismo altri portatori di speranza. Cercherò adesso di cimentarmi in alcuni dei precedenti 10 libri che a scritto.

  • User Icon

    Antonella

    24/04/2016 12:16:24

    Geniale!! Entri in un labirinto che non sai dove ti porterà. L'unica certezza il numero 11!!

  • User Icon

    Stefano VR

    15/04/2016 20:36:13

    Finalmente ritorna il grande Coe. Da leggere!

  • User Icon

    Fede

    24/03/2016 17:29:41

    Un grande, grandissimo Coe.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


Ambientata in Gran Bretagna tra il 2003 e il 2015, "Numero undici" è una satira graffiante che esamina la durevole influenza degli Winshaw e dei loro eredi, sulla vita politica e culturale della nazione.

“Coe è tornato a fare ciò che gli riesce meglio. Numero undici è una satira graffiante dello stato delle cose, dalla trama barocca ed estremamente allusivo, un libro arrabbiato ed esuberante. Non solo Coe è tornato, ma è tornato in grande forma.” - The Sunday Times

Al numero 11 di Downing Street, a Londra, vive il “Cancelliere dello scacchiere” cioè il Ministro delle finanze inglese, ma l’11 è anche il numero del tram che ogni giorno fa il giro completo, in due direzioni, della città di Birgmingham. Sempre al civico 11 di una strada senza nome, nascosta nella campagna inglese, vive Phoebe, la “Pazza del Ghebbio” con tutte le sue voliere di uccelli. Infine Numero 11 è il titolo dell’undicesimo libro di Jonathan Coe, un romanzo che procede attraverso cerchi concentrici sempre più stretti intorno al tema della crisi economica mondiale. Non si tratta di un vero e proprio sequel del romanzo La famiglia Winshow, scritto nel 1994, si tratta piuttosto, come ha dichiarato l’autore, di uno Spin Off in cui alcuni dei personaggi di quella rapace famiglia inglese, per esattezza i personaggi secondari, ritornano in un’Inghilterra più crudele che mai.
All’epoca in cui venne pubblicato il libro, Jonathan Coe si rivelò uno dei più caustici scrittori inglesi, capaci di mescolare ironia e denuncia sociale e di smascherare con una risata amara i paradossi della società britannica: la corruzione politica, la potenza dei media, lo sfruttamento degli immigrati, il capitalismo rapace del modello tatcheriano. Tutto condensato in un’unica mostruosa famiglia, i Winshaw.
Oggi che in l’Inghilterra è ben piantata all’interno di un nuovo modello di governo, la deriva liberista del partito Labour, Jonathan Coe inizia la sua storia partendo da Tony Blair e dal primo, limpido, segnale che ha visto infrangersi l’ideale socialdemocratico alla prova dei fatti, cioè la morte sospetta di David Kelly. David Kelly era lo scienziato che aveva rivelato al mondo intero le bugie di Blair, che aveva cioè smentito con forza che Saddam Hussein fosse in possesso di un arsenale nucleare e pronto a attaccare il Regno Unito. La bugia di Blair, usata come pretesto per muovere guerra all’Iraq, era balzata agli occhi del mondo lasciando sul campo il corpo senza vita di Kelly. Morto in circostanze sospette.
Rachel, quando apprende dal telegiornale la notizia del ritrovamento del cadavere di Kelly, ha 10 anni, ed è in vacanza dai nonni insieme a colei che negli anni diventerà una delle sue amiche più care, Alison. Quella vacanza tra i boschi sancirà la fine dell’innocenza per le due ragazzine (e forse anche per gli inglesi) e sarà l’inizio di un romanzo avvolgente, altalenante, stratificato, in cui lungo la vita di queste due amiche, si avvicenderanno le sorti della società e della politica inglese. Alison, nera e lesbica, di Birmingham, sarà quella più colpita dalla crisi finanziari degli anni a venire. L’austerità segnerà la vita di sua madre, una bibliotecaria part time, single, ex cantante semi famosa negli anni Ottanta, che cercherà inutilmente di tornare in auge partecipando a un reality televisivo trash, una specie di Isola dei Famosi in salsa britannica.
Rachel invece vive a lavora a Londra come educatrice. Nonostante gli anni passati e il nuovo corso della storia, lì la famiglia Winshow continua a ricoprire ruoli di potere, portando alle estreme conseguenze un concetto fondante della società contemporanea: la mercificazione della paura. Come? Rachel scrive racconti e Laura è la sua professoressa, suo marito Roger, il senatore Winshow è morto da pochi anni. Alla ricerca dell’appassionante bibliografia e filmografia di Roger Winshow, Rachel si ritrova catapultata indietro negli anni novanta, quando la storia di quella famiglia cominciò.
Jonathan Coe tende i fili del racconto a uno a uno, tracciando solchi e collegando fatti apparentemente inconciliabili. Il risultato è un romanzo politico, liquido come i nostri tempi, che si legge da mille angolazioni diverse e contiene al suo interno molti generi incastonati l’uno nell’altro: il comico e il noir, il thriller e il mistery, con qualche pennellata gotica e una breve fuga verso il realismo magico.
Un romanzo in cui Coe sfodera tutta la sua ingegnosità, il suo acuto senso della satira e la sua capacità di osservazione per mostrarci, come in uno specchio, il nuovo, assurdo e inquietante mondo in cui viviamo.