Categorie

Curatore: R. Danovi
Editore: Giuffrè
Anno edizione: 2008
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: 326 p.
  • EAN: 9788814139598

Quando oggi si richiama la "normativa antiriciclaggio" si fa riferimento esclusivamente alla terza direttiva (direttiva 2005/60/CE del 26 ottobre 2005) e più correttamente, nel nostro ordinamento, al decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, che ne costituisce l'applicazione. Ad integrare la normativa, poi, fino a che non verranno emanati i provvedimenti attuativi, restano ancora in vigore le disposizioni di attuazione precedenti, in particolare il Regolamento e le Istruzioni applicative, in quanto compatibili.Tra le novità intervenute va ricordato che la normativa si colloca in uno scenario più ampio (per prevenire e colpire non solo "il riciclaggio dei proventi di attività criminose", ma anche il "finanziamento del terrorismo") e che, conseguentemente, sono stati ampliati e rafforzati gli obblighi imposti in capo ai destinatari. Tra questi compaiono, per la prima volta, accanto ai professionisti, anche gli ordini professionali, che sono gli enti designati per ricevere le segnalazioni e trasmetterle alla Autorità, integralmente e senza ritardo, con omissione del nominativo del segnalante per proteggerne in qualche modo l'identità e attenuare l'idea che il segreto professionale possa essere violato.Tuttavia sussistono numerosi problemi di carattere applicativo, soprattutto in relazione alla tutela del segreto professionale nella professione forense. Di qui l'esigenza di approfondire i problemi che la nuova normativa pone, per risolvere i dubbi e incoraggiare gli adempimenti positivi richiesti, nella speranza di raggiungere l'equilibrio tra i contrapposti diritti che solo assicura l'integrità e la serenità della vita sociale.La nuova normativa è in vigore dal 29 dicembre 2007.