Un nuovo battito

Jodi Picoult

Editore: Corbaccio
Collana: Romance
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 04/06/2009
Pagine: 494 p., Rilegato
  • EAN: 9788863800173
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,04

€ 15,81

€ 18,60

Risparmi € 2,79 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    27/12/2016 16:44:18

    Leggere Jodi Picoult e' sempre piacevole. Riesce a metterti a tuo agio a prescindere dagli argomenti che tratta. "Un nuovo battitto" e' un romanzo che fa riflettere molto su cio' che un essere umano puo' fare per gli altri. Peccato per i rifermenti un po' troppo forzati sulla religione, tema peraltro affrontato in modo superficiale tanto da rendelo pressoche' inutile nello svolgimento del romanzo.

  • User Icon

    lorena

    21/07/2016 08:25:41

    I libri di quest'autrice regalano sempre un'ottima lettura e anche questo si conferma tra i più belli. Romanzo a più voci, affronta un tema molto forte e fa trasparire qualsiasi stato d'animo provato dai protagonisti, le loro fragilità, le paure, i dubbi. L'unico punto negativo è la narrazione ambientata in prigione, lì ho rallentato un po' il ritmo. Comunque consigliato.

  • User Icon

    silvia

    11/10/2013 12:20:04

    Non ho letto "La custode di mia sorella", ma ho visto il film, a mio parere bellissimo.. merito ovviamente dell'idea di questa scrittrice che con questo romanzo si fa apprezzare tanto da voler leggere tutti i suoi libri. Molto appassionate, bello, coinvolgente, scritto benissimo, con attenzione ai personaggi e ai dialoghi, che sono davvero reali e mai superficiali. Unico neo, per questo non do il massimo, sono alcuni discorsi un pò troppo lunghi e a mio parere noiosi sulla religione, che non danno nulla di più al romanzo e che quindi io avrei evitato. Per il resto bellissimo.

  • User Icon

    ketty

    10/06/2011 19:57:31

    Lettura piacevole, mai banale, ben strutturato. Assolutamente da consigliare.

  • User Icon

    taty

    19/05/2011 16:47:45

    il libro tratta un bel tema ed è molto coinvolgente... come sempre fa l'autrice... ciò non toglie che è eccessivamente somigliante al miglio verde e che ci sono le solite 100 pagine in piu' che si potevano evitare...

  • User Icon

    Libricciola

    18/03/2010 14:17:48

    Molto bello. Conoscevo Jodi Picoult per aver letto LA CUSTODE DI MIA SORELLA(fantastico) e SENZA LASCIARE TRACCIA ( a mio parere mediocre). Questo nuovo romanzo è davvero interessante...La chiave vincente è la formula abituale alla Picoult del racconto corale e dei tanti punti di vista; però la trama rieccheggia un po' troppo "Il miglio verde", ...Ad un certo punto penso che l'autrice abbia quasi "chiesto scusa" citandolo esplicitamente! Mi è piaciuto moltissimo il modo in cui i personaggi vengono rappresentati, lasciando che siano gli atteggiamenti, le abitudini e i sentimenti a parlare. straordinario il personaggio di padre Michael e l'ironia di Maggie.Intelligenti i discorsi sulla religione e sulla fede, mi hanno dato da pensare. Non voto il massimo perchè il fantasma del Miglio Verde mi ha disturbata fino all'aultimo. Ad ogni modo è stata una lettura straordinaria ( e un finale perfetto).

  • User Icon

    Niccolò

    05/02/2010 01:44:47

    Veramente un bel libro,consiglio a tutti la lettura. E' la prima volta che mi cimento in questa scrittrice,ma mi ha colpito subito dai primi capitoli per la scelta originale dell'impostazione: ogni capitolo è visto con occhi di personaggi diversi e questo aiuta a comprendere meglio gli stati d'animo dei personaggi nelle varie situazioni. Forse ricorda un po' troppo "il miglio verde",per questo non raggiunge la perfezione a mio avviso,ma in ogni caso merita sicuramente di essere letto. Il personaggio di Shay lascia qualcosa su cui riflettere al lettore. Simpatica inoltre la descrizione di alcune situazioni che vedono coinvolti padre Micheal e soprattutto l'avvocatessa Maggie.

  • User Icon

    Simona

    10/11/2009 15:55:59

    Premetto che è il primo libro che leggo di quest'autrice. Mi è piaciuta l'idea, ed è di facile lettura. Troppe somiglianze - a mio avviso - con il film "Il Miglio Verde" ... L'inizio e la fine sia per lo svolgimento della storia sia per la descrizione dei personaggi me lo ha ricordato un po' troppo spesso. Concordo con chi ha scritto che troppi sono i riferimenti religiosi, peraltro forzatamente adatti alla trama, quando - sempre secondo il mio modestissimo parere - per l'esito del racconto non serviva addentrarsi così in profondità. Per il resto comunque un bel libro da leggere.

  • User Icon

    Giovanni B.

    06/09/2009 20:00:41

    Anche quest'altro libro che ho letto della Picoult, come "19 minuti", mi è piaciuto per come la scrittrice riesce a creare un intreccio che non è "solo" avvincente, ma anche molto intrigante da un punto di vista psicologico e un poco etico. Davvero bello, da questo punto di vista. Però mi ha rotto le scatole con i riferimenti religiosi un po' semplificativi, che alla fin fine fanno sembrare la religione cattolica come quella predominante per un puro caso storico fortuito, semplificando anche tutti gli studi storici sugli gnostici e sui vangeli apocrifi... ok che va di moda (Dan Brown docet) ma a me dà fastidio. Sintomatici dell'impreparazione ad affrontare tali temi sono gli errori banali come quello in cui si parla dei voti dei preti (che invece non fanno voti!) e della violabilità del segreto confessionale in casi estremi (che non è mai possibile neanche in casi-limite...)

  • User Icon

    Alessia

    25/08/2009 13:51:01

    Forse io sono di parte, perchè adoro quest'autrice. Ennesimo meraviglioso libro. Ogni capitolo viene descritto dal punto di vista di un diverso personaggio, in questo modo riesce sempre a coinvolgere il lettore mostrandogli gli eventi da diverse angolazioni. In questo caso, trattando un argomento molto discusso come la pena di morte, questa tecnica a mio avviso si è rivelata molto molto azzeccata.

  • User Icon

    Yanandrea

    29/06/2009 01:49:19

    Premetto che "Un nuovo battito" è il primo libro che leggo della scrittrice Jodi Picolut.Il testo, bellissimo e commovente, è scritto davvero bene ed invita a svariati esercizi di riflessione ponendo tanti quesiti profondi sul significato di religione, dei concetti di bene e male, sulla pena di morte.Sicuramente leggerò altri testi della Picoult sperando di avere la conferma che davvero è una scrittrice formidabile.

  • User Icon

    Alice

    24/06/2009 14:17:26

    Un bel libro di un ottima autrice. Mi lascia perplessa il fatto che in italia siano stati pubblicati solo 5 dei suoi 16 romanzi (avete capito bene).Un libro che consiglio a tutti,come gli altri di questa bravissima scrittrice

  • User Icon

    daniela

    21/06/2009 10:48:36

    Bellissimo! Scritto in maniera magistrale, Jodi Picoult riesce a descrivere i sentimenti in maniera così vera, che ci si sente partecipi della storia. E soprattutto riesce a farti pensare! E il quinto libro che leggo e devo dire 'Dalla custode di mia sorella' in poi non mi ha mai deluso, anzi..... Brava, brava!!!

  • User Icon

    Laura

    11/06/2009 18:36:45

    Picoult riesce sempre a conquistarmi con il suo modo di scrivere, la trovo sempre delicata, profonda, originale e mai pesante. Consiglio questo libro alle persone che vogliono avere qualcosa a cui pensare dopo aver terminato la lettura. E' un richiamo alla vita, alla speranza..

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione