Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Nuovo cinema Paradiso

Con la tua recensione raccogli punti Premium

35° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico

Salvato in 59 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 8,50 €)

Un famoso regista torna nel suo paese natale in Sicilia dopo trent'anni. I luoghi della sua infanzia gli riportano alla memoria il Cinema Paradiso, il proiezionista Alfredo, che gli ha trasmesso la passione per i film, e il suo primo amore.
4,83
di 5
Totale 6
5
5
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Dani

    16/05/2020 17:28:01

    Capolavoro di Tornatore, un film da vedere e rivedere... Interpretazione eccezionale e coinvolgente, in particolare il bambino che interpreta Totò da piccolo è bravissimo.

  • User Icon

    ritacatalano75@gmail.com

    10/03/2019 08:57:21

    Capolavoro assoluto di Tornatore. Coinvolgente, appassionante, riesce ad emozionarmi nonostante l'abbia visto tantissime volte. Ottimo cast, bellissime anche le musiche. Che dire: applausi a Tornatore.

  • User Icon

    Sandra

    21/09/2018 02:48:02

    Una storia emozionante con le musiche più belle della cinematografia mondiale. Scene che ti tengono incollata allo schermo con un trasporto emotivo alto. Veramente ben fatto. Da rivedere 100 volte.

  • User Icon

    francesca

    20/09/2018 17:15:48

    Fa parte di quei vecchi film che si devono vedere per forza almeno una volta... Ti fa piangere, è molto commovente, ma per una serata all'insegna dei vecchi valori è perfetto

  • User Icon

    Alessandro Marocco

    04/06/2011 11:58:32

    Un capolavoro pieno di poesia. Mi è rimasto nel cuore come pochi altri.

  • User Icon

    N.AKASHI

    01/10/2008 15:37:27

    Cio che posso dire e che ogni volta che vedo "Nuovo Cinema Paradiso", mi commuovo e continuo a provare il desiderio di rivederlo ancora. Le chiedo scusa se esprimo la mia ammirazione in modo cosi impacciato e non del tutto adeguato. Non dico di poter affermare di essere in grado di comprendere il film nel suo significato, particolarmente suggestiva per me e la bellissima e poetica scena introdotta come ricordo d'infanzia del protagonista. Anche la musica e in perfetta armonia con la bellezza dell'immagine.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Produzione: Cristaldi Film, 2008
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 118 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Francese; Inglese; Italiano per non udenti; Spagnolo
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: foto; interviste; commenti tecnici
  • Giuseppe Tornatore Cover

    Giuseppe Tornatore nasce nel 1956 a Bagheria in Sicilia e giovanissimo inizia ad occuparsi prima di teatro (mettendo in scena testi di Eduardo e di Pirandello con una filodrammatica) poi di cinema. Per guadagnare qualcosa fa film in super 8 per i matrimoni. Inizia la vera e propria professione girando documentari per la Rai e con uno di questi, Le minoranze etniche in Sicilia, vince il festival di Salerno. Con la regia della seconda unità di Cento giorni a Palermo di Giuseppe Ferrara del 1984 ha inizio la sua attività di regista cinematografico. Tornatore è anche produttore e co-sceneggiatore di questo film.Nel 1986 si ha il suo primo film, Il Camorrista con Ben Gazzarra, Leo Gullotta e la musica di Nicola Piovani: per essere al suo primo lungometraggio vengono... Approfondisci
  • Philippe Noiret Cover

    Attore francese. Formatosi a teatro e nel cabaret, diventa uno dei più richiesti attori d'oltralpe a partire da Zazie nel metrò (1960) di L. Malle, in cui è lo stravagante zio della bambina in giro per Parigi. Faccia anonima, fisico sgraziato, recitazione sobria e precisa, si mostra l'interprete ideale di decine di personaggi «medi», uomini comuni impegnati nei drammi o nelle amenità della vita che caratterizza con grande efficacia senza ricorrere a impeti o a narcisismi. Innumerevoli i suoi ruoli: con il regista B. Tavernier indossa per es. i panni dimessi del padre che scopre all'improvviso l'omicidio compiuto dal figlio in L'orologiaio di Saint-Paul (1974), quelli del giudice in Il giudice e l'assassino (1975), e quelli di Philippe d'Orléans in Che la festa cominci (1975), ma dà il meglio... Approfondisci
  • Leo Gullotta Cover

    Attore italiano. Inizia a recitare a quattordici anni nel teatro stabile della sua città. A Roma è attivo nel cinema, in teatro e in televisione. Raggiunge una vastissima popolarità grazie alle parodie che interpreta negli spettacoli della compagnia del Bagaglino, varietà caratterizzati da una comicità immediata, a volte qualunquista. Talento comico e drammatico spesso più intenso dei film che interpreta, si distingue nel grottesco Mi manda Picone (1983) di N. Loy, nella ricostruzione del caso Tortora presentata da M. Zaccaro (Un uomo perbene, 1999), in Vajont (2001) di R. Martinelli, nell’eccentrico Scarlet Diva (2000) di A. Argento e nella commedia vanzinesca In questo mondo di ladri (2004). Approfondisci
Note legali