NuraGhe beach. La Sardegna che non visiterete mai - Flavio Soriga - copertina

NuraGhe beach. La Sardegna che non visiterete mai

Flavio Soriga

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Laterza
Collana: Contromano
Edizione: 4
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 30 giugno 2011
Pagine: 182 p., Brossura
  • EAN: 9788842097082
Salvato in 21 liste dei desideri

€ 9,51

Venduto e spedito da La Leoniana

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 9,51 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Se uno volesse capire cos'è la Sardegna oggi, nel 2011, aldilà dell'estate e delle vacanze organizzate, dei cori a tenore e dei nuraghe, delle fiabe e delle leggende, che cos'è la vita normale per la stragrande maggioranza di chi abita permanentemente nell'isola del Mediterraneo chiamata Sardegna, se uno volesse capirlo davvero, dovrebbe prendere la macchina e guidare da Cagliari viale Marconi a Quartu Sant'Elena, poi tornare indietro passando per Quartucciu, Selargius, Monserrato, Pirri. Un simile giro in automobile, nell'enorme, sterminata periferia cagliaritana, con il tipico continuo alternarsi di casette ingrandite e palazzetti non finiti, centri commerciali e orti abbandonati, capannoni malandati e scintillanti villette a schiera, multisala e parcheggi, centri storici campidanesi e palazzi di edilizia popolare, un simile giro in automobile sarebbe il modo migliore per capire questa terra, il regno di Marco Carta, dove Amici è la Bibbia, dove la De Filippi è la madre nostra che da senso al giorno che arriva, dove Dimensione Danza non è una marca, ma una scelta di vita."
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 4
5
2
4
0
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cartopardo

    30/09/2020 16:30:57

    Diversi brani belli e interessanti; molti altri che sembrano una coda lunga per sardi, più che una guida per forestieri.

  • User Icon

    Claudio

    21/06/2019 07:53:12

    Questo libro mi ha conquistato (o forse mi ha blandito, direbbe qualcuno). L'ho letto tutto d'un fiato, in un caldo pomeriggio di giugno, seduto in una panchina del porto di Cagliari. Ho sorriso molte volte, leggendo la storia del protagonista e di questo suo ritorno in Sardegna, la sua terra natia. Non una vera e propria guida turistica, non un vero e proprio romanzo, non un vero e proprio diario, ma tutte e tre le cose insieme. Bravo Flavio Soriga! Qui mi sei proprio piaciuto!

  • User Icon

    Franco

    15/02/2012 14:01:11

    Illeggibile. Di una noia mortale. Inutile. Scrittura pessima, pseudo-sgrammaticata. Può piacere soltanto a qualche sardo a cui piace essere blandito nel riconoscere luoghi e usi della sua vita isolana, o a qualche continentale che pensa si tratti di una guida alla scoperta della Sardegna nascosta. Scrittore molto sopravvalutato che mi sembra non abbia più molto da dire.

  • User Icon

    Rossana Piras

    14/07/2011 18:14:22

    Libro bellissimo, di quei libri che si leggono con la matita in mano perchè ti viene da sottolineare. Divertente, ironico, ma anche struggente e sentimentale. Viaggio reale e viaggio interiore, "recherche" proustiana, nella Sardegna più vera, presente e passata. Per i Sardi che restano, per i Sardi che vanno, per chi ha già visto e vuole rivedere, per chi non ha mai visto...Un libro che resta dentro, per "renderli vividi", i ricordi.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

“Alberto, lo sai perché sono venuto?”
“Perché?”
“Per ricordarmi. Perché uno ha l’impressione di sapere un sacco di cose, della sua terra, poi si mette lì a scrivere ed è tutto sfuocato. O resti qui, o non è vero che sai. Ricordi ma confusamente. Sei un sardo nel mondo, e il mondo ti annacqua i ricordi. E devi tornare, e renderli vividi.”


Nicola ha trentotto anni, è sardo ma vive a Roma, fa il barista-libraio, è uno dei soci della libreria Giufà, per vivere “serve cappuccini, torte vegane e tisane equo e solidali”, il suo gruppo preferito sono i Queens of the Stone age.
La lunga premessa al libro è il suo romanzo, una piccola e insolita guida che gli hanno chiesto di scrivere sulla sua terra: la Sardegna. Il racconto del suo ritorno al paese alle porte di Cagliari - un villaggio di contadini, a zero metri sul livello del mare - diviene il pretesto per narrare le mille sfaccettature che caratterizzano la sua regione. La sua storia d’amore, la famiglia, gli aneddoti divertenti, le storie del passato, il suo e quello degli anziani, di cui ormai si è persa ogni traccia, divengono gli elementi fondamentali della sua guida-romanzo.
E insieme ci parla di tanti luoghi sconosciuti ai più, La scuola all’aperto Mereu di Cagliari; l’anfiteatro della città romana di Tharros; la Maddalena, l’Asinara, l’Argentiera, attraversando i ricordi delle vite innamorate di quei posti, nei quali il silenzio è rotto solamente dal vento. Persone che conoscono bene i boschi e i campi, nei quali si incontrano uomini (pochi) e pecore e cavalli, nei quali la fretta è cosa sconosciuta, e lo sguardo si perde, nei quali bisogna imparare ad ascoltare il vento e il silenzio, saper guardare il mare, le vele, le facce.
Tante storie, come quelle contenute nella seconda sezione del libro, suddivisa in cinque capitoli, diversissimi uno dall’altro per tono e genere, scritta per raccontare, attraverso alcune testimonianze, la Sardegna di ieri e quella di oggi, per comunicare l’unicità di quest’isola, spiegare una cosa che “neanche i sardi sanno capire bene: la Sardegna.”
Una delle voci è quella di Raffaella Pani, mamma dell’autore, che narra di una Sardegna che non c’è più, che racconta con nostalgia la sua vicenda personale. Cresciuta in un periodo in cui l’istruzione alle donne era negata, perché alle donne si chiedeva solo di essere delle brave figlie, mogli, madri. La testimonianza dell’autore mostra invece, con amara ironia, il ritratto di una Sardegna attualissima, quella dei vip, delle discoteche, dei party glamour, dei locali dei miliardari. E non manca il singolare omaggio fatto da scrittori, scrittrici e autori cagliaritani all’epopea del Cagliari calcio.
Un romanzo di viaggio, una piccola guida per raccontare l’anima di una terra, dedicata al viaggiatore che vuole davvero vedere la Sardegna, vuole capirne la sua bellezza, la sua autenticità e comprendere la forza e la generosità delle sue genti. Una guida dei “posti assurdi, quelli di cui non parla mai nessuno”.
Una guida per tutti: sardi ed ex sardi, ma anche non sardi, perché è la storia dell’Italia tutta, di chi non riesce a lasciare la propria terra, di chi c’è riuscito ma non può dimenticarla, e non perde occasione per tornare, perché i ricordi, dopo un po’, diventano confusi. “E devi tornare, e renderli vividi.”

  • Flavio Soriga Cover

    Esordisce nel 2000 con la raccolta di racconti Diavoli di Nuraiò (pubblicato dalla casa editrice sarda Il Maestrale), e subito è vincitore del Premio Italo Calvino. Nel 2002 pubblica per Garzanti Neropioggia (romanzo vincitore del Premio Grazia Deledda Giovani 2003). Nel 2003, Soriga rappresenta l'Italia al progetto Scritture Giovani del Festivaletteratura di Mantova.Successivamente lavora come autore per alcuni programmi televisivi. Nel 2007 l'Università di Vienna gli assegna la donazione per giovani scrittori della Fondazione Abraham Woursell. Del 2008 è invece il romanzo Sardinia Blues (Bompiani), con il quale Soriga vince il Premio Mondello città di Palermo.Un suo racconto è presente nell'antologia di scrittori italiani... Approfondisci
Note legali