Occidente. Il diritto di strage

Ferdinando Camon

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 gennaio 2003
Pagine: 210 p., Brossura
  • EAN: 9788811677406
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

In "Occidente" Ferdinando Camon esplora - come in una allucinante discesa agli inferi - le ragioni profonde del terrorismo. Non punta tanto alla restituzione immediata del comportamento di una formazione neonazista, uno di quei gruppuscoli tristemente famosi per il loro coinvolgimento nella strategia della tensione che ha insanguinato l'Italia. A interessarlo sono piuttosto le motivazioni psicologiche più profonde e inconfessabili del suo leader: una maschera che s'imprime nella memoria anche per il suo rifiuto nevrotico della morte fisica, della morte "naturale", che si sublima in una missione mortifera, in grado di arrestare il progresso collettivo e al tempo stesso di assicurargli sopravvivenza perenne. Un intero capitolo di "Occidente" fu trovato nel covo della cellula neonazista cui fu attribuita la strage di Bologna: ricopiato a mano, tutto in caratteri maiuscoli, serviva ai membri della cellula per spiegarsi a se stessi, meglio di quanto avevano saputo fare i loro capi.

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    30/11/2009 18:29:09

    Il libro di Camon è un'analisi attenta e approfondita della psicologia del terrorismo di destra e di sinistra che insanguinò il nostro paese per oltre un decennio. E’ un viaggio nell’incubo, nella follia di menti che, sconvolte, hanno con le loro azioni sconvolto un paese e la vita dei suoi abitanti. Se con La vita eterna il racconto dell’autore era improntato a un velo di pietà per un mondo definitivamente sparito, qui a volte emerge la rabbia e non c’è la minima assoluzione per questi terroristi, anzi la loro condanna è nelle stesse parole che Camon ha fatto loro dire. La capacità di analisi psicologica dello scrittore padovano è veramente ragguardevole e per il tema trattato, il suo svolgimento e anche le sue conclusioni questo libro è un capolavoro.

  • User Icon

    rainbow

    19/05/2007 19:03:31

    Un romanzo che indubbiamente ha un suo peso. Un romanzo scritto da un artista della parola e della narrazione. Un romanzo che ha il merito - demerito di raccontare vicende molto reali mantenendosi spesso su un piano surreale. In alcuni momenti ciò è sublime, in altri stona; almeno secondo la mia personalissima e umile impressione. Comunque Camon si conferma anche in questo libro come un Grande. Sempre ben spese le ore passate con lui.

Scrivi una recensione