L' odio

La haine

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: La haine
Paese: Francia
Anno: 1995
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 42 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 9,70 €)

Ventiquattro ore nella vita di tre giovani ragazzi di bassa estrazione che vivono alla periferia di Parigi in un clima di odio e violenza.
Un film, "L'Odio", capace di raccontare forse per la prima volta le grandi contraddizioni delle metropoli contemporanee: le disparità sociali, il cortocircuito tra centro e periferia, la brutalità della polizia, la desertificazione culturale, l'assenza dello Stato e l'opprimente sensazione di incomunicabilità che caratterizzano tutti i Seine-Saint-Denis del mondo.
«Questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo di cinquanta piani. Mano a mano che cadendo passa da un piano all'altro, il tizio, per farsi coraggio, si ripete: "Fino a qui tutto bene. Fino a qui tutto bene. Fino a qui tutto bene". Il problema non è la caduta, ma l'atterraggio»
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ciro Andreotti

    29/03/2018 18:23:56

    Nel 1995 il film di Mathieu Kassovitz arrivò al centro dello stomaco, non solo francese ma di tutto il mondo, come un pugno scoccato con foga e precisione. Il regista parigino decise di trarre spunto da un fatto di cronaca che realmente sconfinò in tragedia, con la morte di un ragazzo (Makome M’Bowole) assassinato per errore dalle forze dell’ordine. Appresa la notizia e rimodellata a uso di una narrazione girata prima a colori e poi trasformata in bianco e nero, per rendere ancor più livida l’esistenza e il destino dei protagonisti; Kassovitz decise di ghettizzarli da tutto e tutti all’interno di uno dei numerosi quartieri dormitorio della capitale francese, riuscendo nel suo intento grazie all’aiuto di caratteristi di primo livello, tra i quali è impossibile non notare Vincent Cassel nel ruolo del rissoso Vinz. L’odio grazie a questi accorgimenti seppe con grande rabbia e precisione narrare cosa significasse vivere nelle banlieue parigine e in generale nelle periferie degradate e abbandonate dalle istituzioni a se stesse. Un odio divenuto prima di tutto un grido contro le forze dell’ordine, viste come servi del potere e autori di un possibile omicidio, e solo successivamente da manifestare nei confronti del destino dei tre protagonisti che vedono la vita di Parigi come un’entità a sé stante, irraggiungibile e come qualche cosa di alieno. A causa anche della distanza da dover coprire per raggiungere i luoghi più centrali della capitale, abitati da persone che come dice Saïd sono: “molto gentili e ben educate, non come quelle del nostro quartiere”. Si respira nel complesso grande cinema di denuncia e molte citazioni delle pellicole che hanno saputo influenzare Kassovitz: da Taxi Driver, con Cassel di fronte allo specchio del bagno a imitare Robert De Niro, fino a Fuori Orario, pellicola anche questa diretta da Scorse, a causa dell’impossibilità nel tornare a casa per tutta la notte da parte dei tre protagonisti.

1995 - Festival di Cannes - Prix de la mise en scène - Mathieu Kassovitz

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Raro Video, 2012
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 95 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Francese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Mathieu Kassovitz Cover

    Regista, sceneggiatore e attore francese. Segnalatosi giovanissimo con i cortometraggi Fierrot le pou (1990) e Cauchemar blanc (Incubo bianco, 1991), e con il lungometraggio d’esordio, Métisse (1993), commedia brillante che si distingue per l’uso vibrante della mdp, conserva lo stile ruvido e la scelta per la fotografia in b/n in L’odio (1994), che lo consacra a livello internazionale con una storia di amicizia e di violenza nel degrado delle periferie parigine. Passa poi al film di genere con la gangster story Assassin(s) (1997), la cui estrema violenza di immagini e contenuti gli provoca problemi con la censura e la distribuzione in molti paesi. Noir e thriller sono invece gli elementi di I fiumi di porpora (2000, dal romanzo di J.-C. Grangé), storia di un serial-killer sullo sfondo di un... Approfondisci
  • Vincent Cassel Cover

    Nome d'arte di V. Crochon, attore francese. Figlio di Jean-Pierre C., dopo esperienze teatrali e televisive esordisce sul grande schermo nel 1988 con un ruolo di sfondo nella commedia Les cigognes n’en font qu’à leur tête (Le cicogne fanno di testa loro) di D. Kaminka, ma il grande successo arriva anni dopo come protagonista di L’odio (1995), cupo racconto sulla degradata periferia metropolitana francese di M. Kassovitz. Attore dal viso segnato e dallo sguardo freddo e magnetico, negli anni seguenti interpreta con un certo eclettismo film commerciali, spesso accanto all’attrice italiana M. Bellucci (Irréversible, 2002), fino al kolossal Giovanna d’Arco (1999) di L.?Besson e al successo del giallo psicologico I fiumi di porpora (2000) di M. Kassovitz, con J. Reno. Il suo ruolo più intenso e... Approfondisci
Note legali